SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Bob
1 ora

Stavolta per Michael Vogt il podio c’è per davvero

Quarto una settimana prima a Whistler, a Park City lo svittese chiude al terzo rango la prova di Coppa del mondo di bob a due
i mondiali dal divano
5 ore

Questione di prospettiva

Il gol del Giappone, la festa dei tunisini eliminati, ma vittoriosi sulla Francia: la felicità, nel calcio e non, dipende da come guardiamo le cose
Qatar 2022
12 ore

Storico ma inutile successo del Camerun sul Brasile

Gli africani, nel finale di partita, trovano con Aboubakar il gol per battere la formazione delle riserve verdeoro
QATAR 2022
13 ore

Shaqiri, Embolo, Freuler, la Svizzera è agli ottavi

Superata la Serbia al termine di una partita ricca di emozioni. Rossocrociati superiori all’avversario, prestazione eccellente
Sci
13 ore

Lake Louise, Sofia Goggia e un sorriso al fotofinish

Nella prima libera femminile della stagione l’italiana batte per 4 centesimi Suter e per 6 l’austriaca Hütter. Lara è 18esima: ‘Domani ci riprovo’
QATAR 2022
16 ore

Svizzera affronta la Serbia senza Sommer ed Elvedi

I due ancora alle prese con un attacco influenzale. Saranno sostituiti da Gregor Kobel tra i pali e da Fabian Schär in difesa. Shaqiri in campo da subito
Qatar 2022
16 ore

La Corea sconfigge il Portogallo B e va agli ottavi

I sudcoreani rimontano la rete iniziale lusitana, ribaltano il risultato e, grazie al maggior numeri di gol segnati, superano l’Uruguay
QATAR 2022
16 ore

Questione di millimetri, il gol del Giappone era valido

La Fifa precisa che la rete con la quale i nipponici hanno sconfitto la Spagna era regolare, siccome la proiezione della sfera toccava la linea di fondo
Qatar 2022
17 ore

L’Uruguay batte il Ghana 2-0, ma non basta

La sconfitta del Portogallo contro la Corea permette agli asiatici di superare la Celeste a livello di gol segnati
Hockey
17 ore

Fatton senza ghiaccio per sei, otto settimane

Prestato allo Zugo a metà novembre, il ventunenne portiere del Lugano ha rimediato lo strappo dei legamenti di una caviglia
Sci alpino
16.02.2022 - 08:30
Aggiornamento: 15:33

Lo slalom è una festa di Noël, frustrazione per gli svizzeri

Seconda manche con grande rimonta per il francese; secondo Strolz e terzo Foss-Solevaag. Meillard (5°) e Yule (6°) a pochi centesimi da una medaglia

lo-slalom-e-una-festa-di-noel-frustrazione-per-gli-svizzeri
Keystone
Il podio dello slalom di Pechino: Strolz (argento), Noël (oro) e Foss-Solevaag (bronzo)

Lo slalom olimpico maschile si è chiuso con uno scenario che lascia amaro in bocca alla squadra svizzera. Loïc Meillard e Daniel Yule hanno in effetti chiuso rispettivamente al quinto e sesto posto di una gara vinta dal francese Clément Noël, mancando il podio uno per dieci e l’altro per sedici centesimi.

Lo sci alpino rossocrociato non ripete dunque la notevole prestazione d’assieme ai Giochi di Calgary nel 1988, quando gli svizzeri conquistarono otto podi in dieci prove individuali, ottenendo undici medaglie. A Pechino la delegazione elvetica ha messo in tasca sette medaglie, vinte in sei corse diverse.

Ottime chance di salire sul podio l’avranno Michelle Gisin e Wendy Holdener nella combinata di giovedì.

‘È lo sport’

Delusione e rimpianti soprattutto per Loïc Meillard, quarto sul primo tracciato a 0’’30 dal leader provvisorio (poi medaglia d’argento) Johannes Strolz. «Ho commesso qualche piccolo errore nella seconda manche. È la terza volta che termino quarto o quinto in un grande appuntamento – ha ricordato il romando, quarto nel gigante dei Mondiali 2019 di Åre e quinto nel gigante dei Mondiali 2021 a Cortina –. Ma questo è lo sport. Bisogna continuare a lavorare. Sappiamo che il livello è così elevato, che non ci si può permettere di essere all’80%», ha concluso Meillard, bronzo in parallelo e in combinata a Cortina.

Vana rimonta di Yule

Troppo “timido” sul muro finale di un primo tracciato chiuso al tredicesimo posto, Daniel Yule è stato autore di un’ottima seconda discesa, al termine della quale ha fatto segnare il secondo tempo di manche (dietro solo al vincitore Clément Noël). Ma per una medaglia non è bastato.

«Fa un po’ male al cuore. Sappiamo cosa succede quest’anno in slalom e, questa volta, i centesimi non sono stati a mio favore. Ma c’è di peggio... È pur sempre un sesto posto e sono fiero di ciò che ho mostrato nella seconda manche – ha affermato Yule –. Pechino non si ricorderà di me, ma io mi ricorderò di Pechino».

Solo diciannovesimo a metà gara, anche Luca Aerni ha reagito bene su un secondo tracciato molto più rapido rispetto al primo. Grazie al terzo tempo di manche, ha guadagnato cinque posizioni e ha chiuso al 14º posto. «Ho sciato la seconda manche, come avrei dovuto fare la prima», ha spiegato Aerni.

Vicecampione olimpico in carica, grazie all’argento conquistato nel 2018 a Pyeongchang, Ramon Zenhaüsern ha chiuso al dodicesimo posto, perdendo una posizione rispetto alla prima manche.

Seconda manche da urlo per Noël

Privato del podio per soli 0’’04 quattro anni or sono a Pyeongchang, Clément Noël ha colto a 24 anni il primo titolo della sua carriera. Terzo francese a essere consacrato in slalom nei Giochi dopo Jean-Claude Killy (1968) e Jean-Pierre Vidal (2002), Noël ha offerto allo sci alpino francese il primo alloro olimpico dal 2006.

Sesto di una prima manche al termine della quale i primi otto atleti erano racchiusi in meno di mezzo secondo, Noël si è mostrato irresistibile sul secondo tracciato e si è imposto con un margine di 0’’61 sul campione olimpico di combinata Johannes Strolz. Bronzo per il norvegese Sebastian Foss-Solevaag, campione del mondo in carica di slalom, battuto di 0’’70.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved