la-svizzera-e-la-rimonta-della-domenica-fanno-sei-su-sei
Keystone
Il grido del veterano Andres Ambühl, che ha mostrato ai compagni la via
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
HOCKEY
6 ore

Mike Grier nuovo general manager di Timo Meier a San José

Il 47.enne ex attaccante diventa il primo Gm di colore nella storia della Nhl. Suo fratello Chris ricopre lo stesso ruolo nei Miami Dolphins della Nfl
CALCIO
8 ore

Boris Babic, un’arma in più per l’attacco del Lugano

Il 25enne proveniente dal San Gallo ha firmato con i bianconeri un contratto triennale. In Super League vanta 68 presenze e 9 reti
TENNIS
8 ore

A Sinner non basta il 2-0, Djokovic si impone in cinque set

Il serbo in semifinale per la 43ª volta, l’11ª a Wimbledon. In campo femminile la sorpresa si chiama Tatjana Maria, Wta 103, alla sua prima semifinale
CICLISMO
8 ore

Capolavoro di Van Aert al Tour

Il belga, dopo tre secondi posti consecutivi, vince con gamba e testa la quarta frazione e rafforza il primato
inline hockey
9 ore

Il Sayaluca brilla agli Europei juniores

L’avventura europea termina con un quarto posto
Hockey
11 ore

Un Peltonen a Kloten

Si tratta di Jasper, figlio di Ville, ex giocatore del Lugano
CALCIO FEMMINILE
11 ore

Euro di grandi numeri, la Svizzera punta ai quarti di finale

Inizia domani la fase finale della rassegna continentale. Attesi stadi esauriti (anche Old Trafford e Wembley per la finale). Premi raddoppiati
PALLANUOTO
11 ore

Nuovo coach per gli Sharks

Si tratta di Jonathan Del Galdo, proveniente dalla Serie A1 italiana
Tennis
12 ore

I rossocrociati Under 14 qualificati per i Mondiali

Fra loro c’è anche Alex Bergomi, originario di Riva San Vitale
Calcio
12 ore

Coppa Svizzera: Lugano - Linth e Bellinzona - Widnau

Il Chiasso affronterà il Rotkreuz
Calcio
12 ore

Due rinforzi di peso per il Bellinzona

Oggi dovrebbero firmare Dragan Mihajlovic e Mateo Matic
ATLETICA
14 ore

Pandemia, annullati i Mondiali di mezza maratona

Erano previsti per il 22 novembre a Yangzhou, in Cina
Calcio
15 ore

Basilea già privo di Augustin

L’attaccante si è fatto male in allenamento
STORIE MONDIALI
21 ore

Breve la vita felice di Cartavelina e Trello

Nel 1938 la Svizzera tolse a Hitler il sogno di vincere la Coppa del mondo disputata in Francia
Calcio
1 gior

Violenza sessuale, arrestato un calciatore inglese

Un non meglio precisato giocatore di Premier League interrogato a Londra per un presunto stupro avvenuto il mese scorso. Ne dà notizia il The Sun
Tennis
1 gior

Rafa a spasso per Londra. Poi, però, deve soffrire

Il maiorchino batte in tre set il ventisettenne olandese, venticinquesimo dell’Atp, con qualche preoccupazione nel finale: ai quarti contro Taylor Fritz
22.05.2022 - 21:50
Aggiornamento: 23.05.2022 - 08:39

La Svizzera e la rimonta della domenica: fanno sei su sei

Primo tempo pessimo, poi gli elvetici escono alla distanza e vincono 5-2. Ma perdono per strada Scherwey: per l’attaccante del Berna il Mondiale è finito

Sesto impegno mondiale per la Nazionale contro la Francia guidata da Philippe Bozon, e sesto successo per gli uomini di Patrick Fischer. Il quale per l’occasione decide di schierare Berra in porta, con Riat che affianca in prima linea Meier e Hischier, mentre Kurashev è spostato nel quarto blocco e il bianconero Thürkauf viene relegato in tribuna.

La contesa si apre con un brivido, la Francia colpisce subito un palo con Rech e dispone di un powerplay. La Svizzera s difende bene e rischia una sola volta su un tentativo di Claireaux. Finito il momento con l’uomo in meno, i nostri rischiano nuovamente, Fabre non sorprende però Berra. Sulla ripartenza Suter s’invola tutto solo verso Ylonen, ma al posto di concludere rovina tutto cercando un passaggio verso Malgin e così l’opportunità sfuma. Poco dopo è il turno di Corvi, anche il davosiano però non è preciso. Lo stesso Corvi è poi protagonista in negativo. Un suo errore difensivo consegna il vantaggio alla Francia al 5’, a esultare è Texier. I rossocrociati in powerplay hanno subito la chance di pareggiare, Moser scheggia la traversa. Un’altra grossa chance viene sciupata da Ambühl, ma nel complesso lo smalto non sembra ancora essere quello dei giorni scorsi, parecchie le imprecisioni. Al 14’ Rech solo davanti a Berra sbaglia, ma la gioia francese è solo rinviata, Claireaux in effetti realizza il raddoppio, la difesa elvetica è nuovamente troppa approssimativa. Il festival delle leggerezze non è finito, un errore di Geisser consegna un rigore ai transalpini, Berra riesce a respingere l’esecuzione di Texier. La Svizzera, che ha perso Scherwey infortunato dopo pochi minuti a un piede, fa fatica a ingranare e appare distratta. Al 18’ si scatena all’improvviso una bagarre, Malgin e Fora tra i protagonisti, con quest’ultimo che giunge in soccorso dello zurighese. Il risultato alla prima pausa, seppur sorprendente, non fa una grinza.

Il secondo tempo si apre con l’immediata reazione rossocrociata. Dopo una manciata di secondi Hischier su assist di Meier fulmina Ylonen. Al 23’ Svizzera in doppia superiorità numerica per 1’39’’, espulsi i fratelli Bozon, l’enorme opportunità non viene concretizzata, il powerplay è pessimo. Nel giro di boa di metà gara nuova chance con l’uomo in più sul ghiaccio, ma una volta in più Malgin e soci non trovano il bandolo della matassa. Va perlomeno meglio a ranghi completi, Al 33’ Riat devia un tiro di Geisser e sigla il pareggio. Per il nativo di Ginevra è la prima rete a un Mondiale. Nuova superiorità numerica per i confederati, stavolta è quella buona, Ambühl infila il 3 a 2 al 36’. Nel finale di periodo Malgin e Miranda si rendono minacciosi, ma l’esito non è fortunato. La Svizzera è riuscita a correggere la brutta frazione d’entrata, pur senza incantare.

La prima chance nell’ultimo terzo capita sul bastone di Bertschy, l’attaccante però non trova l’impatto con il disco. È la Svizzera ora ad avere il controllo delle operazioni, la Francia, già dal 21’, non crea praticamente nulla dalle parti di Berra. Al 45’ Corvi da sottomisura spreca una grande opportunità. Il festival delle reti sbagliate continua, è il turno di Riat. Solamente attorno al 50’ i francesi provano a premere, ma senza produrre grandi pericoli. A mettere i nostri al riparo da brutte sorprese ci pensa Kukan al 52’, il difensore firma il punto del 4 a 2. Simion prova a coronare il suo 28ersimo compleanno, ma il suo diagonale termina a lato, qualche istante dopo Ylonen è bravo a parare un tiro di Herzog. Simion non si dà per vinto e ci riprova, la sua pregevole azione personale non ha però fortuna. Bozon tenta il tutto per tutto e toglie il portiere, Hischier a porta vuota segna il 5 a 2. È l’ultima emozione della gara, la Svizzera può festeggiare altri tre punti malgrado lo spavento iniziale.

Con questa vittoria la Svizzera continua a guidare la graduatoria in solitaria, a punteggio pieno. E martedì, alle 11.20, sfiderà la Germania nell’ultimissimo impegno del girone preliminare. Dove, di sicuro, non ci sarà Tristan Scherwey: subito trasportato all’ospedale per accertamenti, al trentunenne attaccante del Berna è stata diagnosticata una frattura al piede. Per lui il Mondiale è già finito.

Svizzera - Francia (0-2 3-0 2-0) 5-2
Reti: 4’58’’ Texier 0-1. 13’25’’ Claireaux (Texier, Tim Bozon) 0-2. 20’25’’ Hischier (Meier, Kukan) 1-2. 32’27’’ Riat (Geisser, Hischier) 2-2. 35’42’’ Ambühl (Corvi, Kukan/esp. Chakiachvili) 3-2. 51’17’’ Kukan (Herzog, Corvi) 4-2. 59’38’’ Hischier (Ambühl/porta vuota) 5-2
Svizzera: Berra; Kukan, Siegenthaler; Fora, Moser; Geisser, Glauser; Egli; Meier, Hischier, Riat: Simion, Suter, Malgin; Ambühl, Corvi, Herzog; Scherwey, Kurashev, Bertschy; Miranda
Francia: Ylonen; Gallet, Auviuo; Llorca, Chakiachvili; Crinon, Thiry; Guebey; Claireaux, Texier, Tim Bozon; Boudon, Treille, Rech; Bertrand, Ritz, Perret; Kevin Bozon, Fabre, Leclerc; Colotti
Arbitri: Ingram, Lawrence; Kroyer, Merten
Note: 3’997 spettatori. Penalità: 3 x 2’ contro la Svizzera; 7 x 2’ contro la Francia. Tiri: 39-19 (12-10,12-2, 15-7). Pali: 0’57’’ Rech, 6’58’’ Moser (traversa).Svizzera dal 6’ senza Scherwey (frattura al piede: Mondiale finito). Al 13’51’’ rigore sbagliato da Texier (fallo d’emergenza di Glauser). Al 57’55’’ timeout chiesto dalla Francia, che gioca senza portiere dal 57’55’’ al 59’38’’.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved