WAS Capitals
1
SJ Sharks
4
fine
(0-1 : 0-1 : 1-2)
COB Jackets
0
CAL Flames
6
fine
(0-1 : 0-2 : 0-3)
TOR Leafs
3
ANA Ducks
3
rigori
(2-1 : 1-1 : 0-1 : 0-0 : 0-0)
Detroit Red Wings
3
CHI Blackhawks
5
3. tempo
(0-4 : 3-0 : 0-1)
COL Avalanche
BOS Bruins
04:00
 
WAS Capitals
1
SJ Sharks
4
fine
(0-1 : 0-1 : 1-2)
COB Jackets
0
CAL Flames
6
fine
(0-1 : 0-2 : 0-3)
TOR Leafs
3
ANA Ducks
3
rigori
(2-1 : 1-1 : 0-1 : 0-0 : 0-0)
Detroit Red Wings
3
CHI Blackhawks
5
3. tempo
(0-4 : 3-0 : 0-1)
COL Avalanche
BOS Bruins
04:00
 
ambri-beffato-da-kreis-dopo-il-giallo-del-gol-di-kovar
Brandon McMillan cerca di farsi largo dalle parti di Genoni (Ti-Press/Crinari)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
TrigoAce1
9823
2
Maxim la biere
9587
3
25 Francs trop cher
9120
4
Iselis Punktebuebe
9000
5
Team Gobbi
8973
6
ADTC
8948
7
BalaBala
8887
8
TrigoAce2
8821
9
HC Iron Pam
8811
10
Wild Hogs
8808
ULTIME NOTIZIE Sport
BASKET
6 ore

Lugano Tigers sconfitti nella Svizzera centrale

Migliore al tiro sotto tutti gli aspetti, la compagine ticinese ha avuto un passaggio a vuoto nel secondo periodo che le è costata la vittoria
Hockey
6 ore

La sfida vista da Ambrì. ‘Saranno i duelli, la chiave’

Cereda lancia la sesta sfida con il Lugano, ultimo sforzo prima della pausa. ‘Sarà benefica: le scorie post contagio non si sono del tutto dissipate”
HOCKEY
8 ore

‘Il derby? Sarà una battaglia, come sempre’

Julian Walker: ‘Tutte le sfide con l’Ambrì sono state tiratissime, non vedo favoriti. Dovremo fare bene il lavoro sporco, proprio come lo sanno fare loro’
CALCIO
9 ore

Arthur Cabral sul punto di approdare alla Fiorentina

L’attaccante brasiliano del Basilea attende solo gli sviluppi del caso Valhovic. Quest’anno ha segnato 14 reti in 18 partite di Super League
Hockey
10 ore

Lugano, Schlegel si deve fermare. Fino a marzo

Niente derby per il portiere bianconero: lesione agli adduttori della coscia. McSorley dovrà scegliere se puntare sul canadese Irving o su Fatton
CICLISMO
10 ore

Joel Suter secondo alla Challenge Mallorca

Il Spagna il 23enne elvetico della Uae Emirates è stato preceduto dal compagno di squadra McNulty, giunto al traguardo in solitaria
CALCIO
10 ore

Il Lugano riapre la campagna abbonamenti

Chi non avesse già provveduto a inizio stagione, da domani ha la possibilità di assicurarsi a prezzi scontati le nove partite casalinghe del ritorno
MOTOCICLISMO
11 ore

Via libera medico per Marc Marquez

Il pilota spagnolo ha superato i problemi di diplopia e sarà presente dal 5 al 7 febbraio nei primi test stagionali sul circuito di Sepang
CALCIO
11 ore

Infortunio al piede, Mirko Salvi out due mesi

Colpo duro per l’Yverdon, neo-promosso in Challenge League, costretto a fare a meno del suo estremo difensore
Hockey
11 ore

Le ragazze svizzere ai Giochi senza la loro stella. Per ora

Valori limite per entrare in Cina: Alina Müller e Sinjia Leemann incrociano le dita e vanno in isolamento. Weibel: ‘Fiduciosi della strategia adottata’
Tennis
12 ore

Medvedev firma l’impresa a Melbourne: è semifinale

Sotto di due set contro Aguer-Aliassine, il russo ribalta la partita e stacca il biglietto per il penultimo atto degli Australian Open
Hockey
13 ore

Hedlund e il suo staff non si muovono da Rapperswil

Confermata in blocco la guida tecnica dei sangallesi. Che resterà (almeno) fino al termine della stagione 2023/24
Sci
15 ore

Michelle Gisin dice no a Garmisch-Partenkirchen

Terza defezione di lusso, nel clan rossocrociato, per le ultime gare di Coppa del mondo prima della partenza per Pechino
Calcio
16 ore

L’Fc Lugano ha di nuovo un presidente, sarà Philippe Regazzoni

Classe ‘69, Regazzoni è attinente di Balerna ma residente a Küssnacht e da 25 anni è attivo nell’ambito assicurativo.
Calcio
22 ore

Da Lima a Yaoundé, quante tragedie legate al calcio

Disordini tra tifosi, strutture fatiscenti, sicurezza e forze dell’ordine inadeguate, fatalità: il dramma in Camerun è solo l’ultimo di una lunga lista
Hockey
1 gior

Ambrì sconfitto a Zurigo con onore e ripreso dal Berna

I Lions fanno la differenza nell’ultimo periodo dopo l’1-1 al termine dei primi due tempi. In classifica i leventinesi cedono agli Orsi il decimo posto.
11.01.2022 - 22:090

Ambrì beffato da Kreis. Dopo il ‘giallo’ del gol di Kovar

Alla terza uscita del 2022 gli uomini di Cereda muovono la classifica, conquistando il primo punto. In un epilogo di confronto che, però, farà discutere

Terza uscita dell’anno, primo punticino per l’Ambrì di Luca Cereda. In un martedì in cui il lineup leventinese subisce un autentico rivoluzionamento: infatti in arrivo da Rapperswil c’è Steve Moses, notizia che circolava ormai dal mattino, e che trova subito spazio in formazione, in una prima linea completata dal rientrante Cajka e da Regin, mentre naturalmente Matt D’Agostini deve accomodarsi in tribuna, con la linea di Heim, Knebuehler e Bürgler che è l’unica linea a non venir toccata, nella sera in cui tra i pali torna anche Benjamin Conz, dopo due partite giocate da Ciaccio, e sempre a proposito della difesa stavolta in soprannumero c’è Zaccheo Dotti.

Contro uno Zugo che è alla sua prima uscita di questo 2022, l’Ambrì nel primo tempo fa subito corsa in testa: infatti non passa che un minuto e ventinove secondi e i biancoblù sono già in vantaggio, dopo un appoggio azzardato dietro la propria porta di Yannick Zehnder che si trasforma nel più comodo degli assist per Dario Bürgler, e Genoni non ha neppure il tempo di reagire. In generale, in tutti i primi venti minuti è la squadra di Luca Cereda quella più pericolosa, oltre che più determinata, e nel finale di periodo (dopo non aver sfruttato 4’ consecutivi in superiorità numerica, per uno sgambetto di Lander che si becca altri due minuti per proteste) sfruttando un’ingenuità di Kreis, che regala all’Ambrì una liberazione vietata a 23 secondi dal termine, arriva il meritato raddoppio: sul primo slap di Fora Genoni si salva come può, ma sul secondo tentativo di Pestoni è costretto a capitolare.

Il secondo periodo si apre con una nuova grossa occasione biancoblù: intelligente tocco di Pestoni per Grassi che è altrettanto intelligente nel servire Zwerger, ma il puck gli saltella sul bastone e Genoni supera il pericolo indenne. Col passare del tempo, però, lo Zugo comincia a farsi sempre più insistente: la prima, vera occasione ospite arriva durante una penalità inflitta a Kostner, al 27‘52’’, con Kovar che manca di un soffio il gol del 2-1. Poi tocca a Marco Müller a far venire i brividi a Conz. L’Ambrì deve reggere l’urto e ci riesce, creandosi poi a sua volta due buone occasioni, con un doppio tentativo di Moses. Ma anche il finale di tempo è di marca ospite: lo Zugo che ci prova fino alla fine, ma il 2-0 resiste.

E il doppio vantaggio regge anche in avvio di periodo conclusivo. Quando i ticinesi, dopo aver sfiorato il gol con Moses, si ritrovano sul ghiaccio con un uomo in meno, per un fallo in attacco (su Genoni) di Bürgler. Al 45‘53’’, però, gli ospiti trovano la via del gol: Marco Müller impegna Conz con il guantone, ma la respinta del portiere si trasforma nel migliore degli assist per Herzog, che anticipa Burren. Poi, a dieci minuti dal termine lo stesso Müller colpisce un clamoroso palo. Finché, al 51‘24’’, arriva l’episodio che farà discutere: tiro al volo di Kovar a fil di palo e ’big-save’ del portiere giurassiano dell’Ambrì, che intercetta il disco a mezz’aria, all’altezza della linea di porta, con il proprio guantone. Il problema, però, è che a un certo punto, nel mentre compie la parata il guantone di Conz pare varcare la linea. È quello il motivo che spinge gli arbitri a consultare le immagini tivù, dalle quali però per convalidare il punto, i direttori di gara dovrebbero capire con matematica certezza che il puck trattenuto all’interno del guantone abbia effettivamente superato interamente la linea. Cosa che dal megaschermo dello stadio non si può capire. Apparentemente, però, dev’essere quella la convinzione degli arbitri, siccome tra i fischi del pubblico, e i dubbi della panchina biancoblù, decidono comunque di convalidare il pareggio ospite.

Dopo quel gol, di concreto fino al sessantesimo non succede più nulla: così le due squadre vanno al prolungamento, dove a decidere tutto è un gol dell‘insospettabile difensore Samuel Kreis, al 61’14’’.

Ambrì Piotta - Zugo (2-0 0-0 0-2) d.p. 2-3
Reti:
1’29’’ Bürgler 1-0. 19’44’’ Pestoni (Fora) 2-0. 45’53’’ Herzog (Müller) 2-1. 51’24’’ Kovar 2-2. 61’14’’ Kreis (Lander) 3-2.
Ambrì Piotta: Conz; Hietanen, Burren; Fora, Isacco Dotti; Fohrler, Fischer; Pezzullo; Cajka, Regin, Moses; Trisconi, Kostner, McMillan; Bürgler, Heim, Kneubuehler; Pestoni, Grassi, Zwerger; Bianchi.
Zugo: Genoni; Kreis, Schlumpf; Hansson, Gross; Cadonau, Djoos; Wüthrich; Herzog, Lander, Müller; Suri, Kovar, Simion; Zehnder, Senteler, Klingberg; Stehli, Leuenberger, De Nisco.
Arbitri: Stolc (Sln), Urban (A); Cattaneo, Duc.
Note: 4’516 spettatori. Penalità: 5 x 2’ contro l’Ambrì; 6 x 2’ contro lo Zugo. Tiri in porta: 28-41 (15-7, 6-13, 6-21). Ambrì privo di D’Agostini, Hächler, Zaccheo Dotti, Dal Pian, Neuenschwander (tutti in soprannumero); Zugo senza Bachofner, Martschini, Stadler (tutti infortunati) e Allenspach (in soprannumero). Pali: 11’57’’ Pestoni, 50’48’’ Müller. Al 59’47’’ timeout chiesto dall’Ambrì. Premiati a fine partita, quali migliori in pista, Benjamin Conz e Anton Lander.

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved