Zugo Academy
GCK Lions
19:00
 
Zugo Academy
GCK Lions
19:00
 
il-lugano-pigia-sul-pedale-del-gas-nel-secondo-tempo
Schlegel, rientrante e grande protagonista della serata (Ti-Press)
+11
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
TrigoAce1
9490
2
Maxim la biere
9472
3
25 Francs trop cher
8877
4
Iselis Punktebuebe
8868
5
Team Gobbi
8826
6
ADTC
8720
7
Wild Hogs
8704
8
BalaBala
8638
9
TrigoAce2
8630
10
Matterhorn1
8629
ULTIME NOTIZIE Sport
L'ANGOLO DELLE BOCCE
1 ora

Buona la prima per Eichenberger-Gianinazzi

Grande inizio di stagione per la coppia dell’Ideal Coldrerio. A Cavergno ha battuto 12-0 Rossi - Lorenzetti (Torchio)
Gallery
Tennis
2 ore

Australian Open, Nadal-Berrettini in semifinale

Rafa ha sconfitto Shapovalov in cinque set, l’azzurro ha fatto lo stesso contro il francese Monfils. Donne, avanti Ashleigh Barty e Madison Keys
sci alpino
3 ore

Sara Hector vince il gigante a Plan de Corones

Male le elvetiche: la rossocrociata meglio piazzata è Andrea Hellenberger, 19esima
tiri liberi
4 ore

3x3 in rampa di lancio. Quali ripercussioni sulle Nazionali?

Nelle selezioni delle squadre 3x3 tanti giocatori nel giro anche della Nazionale maggiore. A quali competizioni dare la priorità?
Nuoto
4 ore

Mondiali di Fukuoka rinviati al 2023

La rassegna iridata avrebbe dovuto svolgersi lo scorso anno, ma venne posticipata per la vicinanza con i Giochi e per l’emerganza sanitaria
calcio
4 ore

Eray Cömert passa dal Basilea al Valencia

Il difensore centrale dei renani e della Nazionale rossocrociata ha firmato un contratto con gli spagnoli fino al 2026
SCI ALPINO
6 ore

Plan de Corones, prima manche: Vlhova avanti, Gisin 11esima

La slovacca ha dato 34 centesimi di distacco alla leader della classifica di specialità, la svedese Sara Hector, terza l’americana Shiffrin
HOCKEY
20 ore

Daniel Carr alle Olimpiadi con la maglia del Canada

L’attaccante del Lugano convocato da Claude Julien assieme a Desharnais (Friborgo), Winnik (Ginevra) e Noreau (Zsc Lions)
CICLISMO
1 gior

Incidente a Egan Bernal durante un allenamento in Colombia

Il vincitore del TdF 2019 è stato trasportato all’ospedale. La prima diagnosi parla di frattura del femore e della rotula. Intervento chirurgico a ore
Hockey
1 gior

‘Per vincere a Zugo serve uno sforzo collettivo’

Dopo il successo ai rigori sul Berna, il Lugano pensa alla prossima sfida. Schlegel: ‘Ogni passo avanti, anche piccolo, è preziosissimo‘
 
20.11.2021 - 00:050

Il Lugano pigia sul pedale del gas nel secondo tempo

Tre reti dei bianconeri nel periodo centrale decidono il derby numero 243 della storia. Con un Ambrì che però ci prova fino alla terza sirena

Eccolo il volto migliore del Lugano. Ritrovate tre pedine del loro scacchiere (Guerra, Loeffel e, soprattutto, un solidissimo Schlegel), i bianconeri nel derby numero 243 della storia ritrovano anche quel successo vanamente inseguito nelle cinque partite che avevano preceduto la pausa dedicata alla Nazionale. Ci voleva insomma il quarto confronto stagionale con i ‘cugini’ dell’Ambrì Piotta per rilanciare in pieno le quotazioni della squadra di McSorley. E se al termine della precedente sfida giocata alla Cornèr Arena (e persa contro gli Zsc Lions), dagli spalti era piovuto pure qualche fischio, stavolta a salutare la prova di Fazzini e compagni, finalmente convincenti, sono applausi a scena aperta. Già alla seconda sirena, perché è appunto nei venti minuti centrali che i padroni di casa imprimono la sferzata definitiva alla partita, dopo che il primo tempo si era chiuso con una rete per parte (dapprima Kostner per i biancoblù e poi Hudaceck per i bianconeri), ed era pure stata caratterizzata da una leggera supremazia, almeno per numero di occasioni da rete, della squadra di Cereda.

Poi, appunto, al rientro dopo la pausa, in pista si vede tutto un altro Lugano, e di riflesso tutta un’altra partita. Con i bianconeri capaci di andare in rete dopo appena 14 secondi dall’ingaggio d’apertura con Thürkauf, e di allungare il passo un minuto e mezzo dopo con Loeffel in powerplay (espulso nella circostanza Isacco Dotti). I biancoblù provano a raddrizzare il match prima che la salita si faccia troppo ripida, e in più di un’occasione è Schlegel a metterci una pezza (un paio di volte sulle iniziative di Bürgler e un’altra su Regin, addirittura col Lugano in pista con un uomo in più). Al 28’39” è invece l’asta a negare il gol a Hietanen, che prova la soluzione dalla media distanza. Dopo un paio di campanelli d’allarme il Lugano assesta però un’altra vigorosa spallata all’Ambrì, trovando il 4-1 con un preciso polsino in corsa di Alatalo.

Ma nemmeno quel deficitario secondo tempo sul piano contabile, che a bocce ferme pesa quasi come una condanna, basta a tagliare le gambe a un Ambrì Piotta che dopo la pausa si ripresenta in pista con Ciaccio al posto di Conz a difesa della porta e, soprattutto, con tutte le intenzioni di ricucire quello strappo. Dopo essere riuscito perlomeno a riaccendere le speranze con il 4-2 di Zaccheo Dotti, gli uomini di Cereda moltiplicano i loro sforzi nel tentativo di farsi ulteriormente sotto, pagando però dazio a una lucidità che col passare dei minuti viene meno. Di alzare bandiera bianca, i leventinesi non ne vogliono comunque sapere e nel finale la partita si riaccende. Cereda prova a togliere con largo anticipo il portiere per mandare in pista un sesto uomo, e per due lunghissimi minuti il Lugano si ritrova a quattro contro sei e schiacciato nel suo settore difensivo. Schlegel però non capitola. Sui titoli di coda, poi, Morini a porta vuota ratifica la vittoria del Lugano che con questo successo riporta un po’ di sereno sulla Cornèr Arena.

Posto però che stasera a Losanna gli uomini di Chris McSorley sappiano confermare quanto di buono mostrato ieri. A quelli di Luca Cereda, per contro, resta comunque la consapevolezza di aver ceduto con l’onore delle armi e la possibilità di riscattare il weekend stasera contro il Ginevra Servette.

HOCKEY: Risultati e classifiche

Guarda tutte le 15 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved