HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
LucHC Lions
1892
2
Faerjestad TS
1866
3
Drinkteam
1860
4
EHL Wolves
1838
5
KISS of DEATH
1801
6
HC KWAY
1787
7
AmStars
1786
8
Bidus
1786
9
H C LUPPOLO
1781
10
Rapid Mutzel 2
1780
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
4 ore

In Champions vincono Zugo, Rapperswil e Friborgo

Serata da incorniciare per le squadre svizzere sul palcoscenico d’Europa: Zugo e Friborgo agli ottavi da primi della classe, sangallesi fuori con onore
Calcio
4 ore

Con due gol di Rabiot la Juventus stende il Maccabi

Nel mercoledì di Champions League nulla da fare invece per il Milan, sconfitto 3-0 dal Chelsea allo Stamford Bridge di Londra
Formula 1
5 ore

La Fia rinvia il verdetto sul budget cap. Verso sanzioni lievi?

Da Parigi nessuna novità: la conclusione dell’analisi il 10 ottobre. Intanto, però, Sky lancia l’indiscrezione: il tetto sarebbe stato sforato, ma di poco
Calcio
7 ore

Seoane silurato, arriva Xabi Alonso

Il Bayer Leverkusen licenzia il tecnico elvetico, sostituito dall’ex centrocampista spagnolo
Calcio
7 ore

Si è spento Jürgen Sundermann

82enne, aveva giocato e allenato in molti Paesi, fra cui Germania e Svizzera
Calcio
8 ore

Europa, lo Zurigo cerca punti per il morale

Il Basilea vuole invece ipotecare il passaggio del turno
ginnastica artistica
10 ore

‘Vogliamo offrire una serata di grande ginnastica’

Il nuovo presidente del comitato organizzatore Alberto Mogliazzi, si sta preparando per il 39esimo Memorial Gander, in programma a Chiasso il 23 novembre
calcio
12 ore

Ucraina con Spagna e Portogallo per i Mondiali 2030

Lo hanno annunciato i presidenti delle tre federazioni nazionali
inline hockey
14 ore

Hockey inline, Sayaluca e Malcantone, buona la prima

Le ticinesi si impongono in gara 1 dei quarti di finale in Lna
CALCIO
15 ore

Quel gol divorato al Maracanà, pesante come un macigno

Higuain sarà per sempre ricordato soprattutto per l’errore nella finale mondiale del 2014 fra Argentina e Germania
laR
 
20.11.2021 - 00:05

Il Lugano pigia sul pedale del gas nel secondo tempo

Tre reti dei bianconeri nel periodo centrale decidono il derby numero 243 della storia. Con un Ambrì che però ci prova fino alla terza sirena

il-lugano-pigia-sul-pedale-del-gas-nel-secondo-tempo
Schlegel, rientrante e grande protagonista della serata (Ti-Press)
+11

Eccolo il volto migliore del Lugano. Ritrovate tre pedine del loro scacchiere (Guerra, Loeffel e, soprattutto, un solidissimo Schlegel), i bianconeri nel derby numero 243 della storia ritrovano anche quel successo vanamente inseguito nelle cinque partite che avevano preceduto la pausa dedicata alla Nazionale. Ci voleva insomma il quarto confronto stagionale con i ‘cugini’ dell’Ambrì Piotta per rilanciare in pieno le quotazioni della squadra di McSorley. E se al termine della precedente sfida giocata alla Cornèr Arena (e persa contro gli Zsc Lions), dagli spalti era piovuto pure qualche fischio, stavolta a salutare la prova di Fazzini e compagni, finalmente convincenti, sono applausi a scena aperta. Già alla seconda sirena, perché è appunto nei venti minuti centrali che i padroni di casa imprimono la sferzata definitiva alla partita, dopo che il primo tempo si era chiuso con una rete per parte (dapprima Kostner per i biancoblù e poi Hudaceck per i bianconeri), ed era pure stata caratterizzata da una leggera supremazia, almeno per numero di occasioni da rete, della squadra di Cereda.

Poi, appunto, al rientro dopo la pausa, in pista si vede tutto un altro Lugano, e di riflesso tutta un’altra partita. Con i bianconeri capaci di andare in rete dopo appena 14 secondi dall’ingaggio d’apertura con Thürkauf, e di allungare il passo un minuto e mezzo dopo con Loeffel in powerplay (espulso nella circostanza Isacco Dotti). I biancoblù provano a raddrizzare il match prima che la salita si faccia troppo ripida, e in più di un’occasione è Schlegel a metterci una pezza (un paio di volte sulle iniziative di Bürgler e un’altra su Regin, addirittura col Lugano in pista con un uomo in più). Al 28’39” è invece l’asta a negare il gol a Hietanen, che prova la soluzione dalla media distanza. Dopo un paio di campanelli d’allarme il Lugano assesta però un’altra vigorosa spallata all’Ambrì, trovando il 4-1 con un preciso polsino in corsa di Alatalo.

Ma nemmeno quel deficitario secondo tempo sul piano contabile, che a bocce ferme pesa quasi come una condanna, basta a tagliare le gambe a un Ambrì Piotta che dopo la pausa si ripresenta in pista con Ciaccio al posto di Conz a difesa della porta e, soprattutto, con tutte le intenzioni di ricucire quello strappo. Dopo essere riuscito perlomeno a riaccendere le speranze con il 4-2 di Zaccheo Dotti, gli uomini di Cereda moltiplicano i loro sforzi nel tentativo di farsi ulteriormente sotto, pagando però dazio a una lucidità che col passare dei minuti viene meno. Di alzare bandiera bianca, i leventinesi non ne vogliono comunque sapere e nel finale la partita si riaccende. Cereda prova a togliere con largo anticipo il portiere per mandare in pista un sesto uomo, e per due lunghissimi minuti il Lugano si ritrova a quattro contro sei e schiacciato nel suo settore difensivo. Schlegel però non capitola. Sui titoli di coda, poi, Morini a porta vuota ratifica la vittoria del Lugano che con questo successo riporta un po’ di sereno sulla Cornèr Arena.

Posto però che stasera a Losanna gli uomini di Chris McSorley sappiano confermare quanto di buono mostrato ieri. A quelli di Luca Cereda, per contro, resta comunque la consapevolezza di aver ceduto con l’onore delle armi e la possibilità di riscattare il weekend stasera contro il Ginevra Servette.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved