luca-cereda-il-secondo-tempo-e-li-che-abbiamo-perso
Nonostante il 4-1 al 40’, i biancoblù ci hanno creduto fino alla fine. ‘Le abbiamo provate tutte’ (Ti-Press)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
Maxim la biere
9054
2
TrigoAce1
9027
3
25 Francs trop cher
8512
4
Iselis Punktebuebe
8483
5
Wild Hogs
8314
6
BalaBala
8287
7
TrigoAce2
8258
8
Team Gobbi
8224
9
ADTC
8187
10
BLACKHAWKS-MAF_miguelpiccand
8158
ULTIME NOTIZIE Sport
CALCIO
56 min

Marchesano tra i candidati della Swiss Football Night

Il ticinese dello Zurigo tra i finalisti per il titolo di miglior giocatore della Super League. Il 27 gennaio la cerimonia di premiazione
SKICROSS
1 ora

Lesione al ginocchio per Fanny Smith

La vodese si è infortunata in Canada nell’ultima tappa di Coppa del mondo. Conta di ristabilirsi prima dell’inizio dei Giochi di Pechino
Hockey
2 ore

Se ne va una bandiera: Vauclair lascia l’Hcl e torna all’Ajoie

È il direttore sportivo del club giurassiano, con cui ha firmato un contratto di cinque anni. ‘Mi sentirò sempre parte della famiglia bianconera’.
Calcio
2 ore

Monzialo e Lungoyi lasciano il Football Club Lugano

L’attaccante francese in prestito fino a giugno alla squadra austriaca Skn St. Pölten; il nazionale U21 girato al San Gallo
Tennis
5 ore

Con Bencic si chiude il sogno svizzero agli Australian Open

È la prima volta dal 1995 che la Svizzera non è rappresentata nel terzo turno del tableau maschile o femminile a Melbourne
Tennis
6 ore

Jil Teichmann si inchina a Victoria Azarenka

La svizzera ha perso 6–1 6–2 contro la ex numero uno al mondo
Hockey
16 ore

Non è un martedì facile, ma il Lugano torna a sorridere

Traber e Bertaggia spianano la strada, ma poi i bianconeri debbono fare i conti con il ritorno dell’Ajoie, prima di centrare la prima vittoria del 2022
Podismo
21 ore

Lukas Oehen e Giulia Salvadé vincono il cross di Bellinzona

Gab protagonista con cinque vittorie nella quinta prova di Coppa Ticino Ftal Aet che ha lanciato l’annata 2022. In evidenza anche Rcb e Sab.
 
19.11.2021 - 23:470
Aggiornamento : 25.11.2021 - 23:31

Luca Cereda: ‘Il secondo tempo? È lì che abbiamo perso’

All‘Ambrì non basta la determinazione e ben cinque minuti a porta vuota. ’Dopo il buon primo tempo, il Lugano ha giocato con più disperazione nei duelli’

Quel gol di Kostner dopo nemmeno dieci minuti sembrava essere il preludio di tutta un’altra serata, per Daniele Grassi e il suo Ambrì. A cui, invece, un buon primo tempo non è bastato per mettere la firma sul 243esimo derby della storia. «Il punto – spiega l’attaccante verzaschese dei biancoblù – è che nel secondo tempo non siamo riusciti a mettere in pista l’intensità del primo tempo. E forse siamo stati puniti anche un po’ duramente, visto che anche noi abbiamo avuto a disposizione delle chiare occasioni da gol. A differenza nostra, credo tuttavia che il Lugano sia stato più costante di noi nei primi due tempi a livello d’intensità. In altre parole, a volte noi non eravamo al nostro livello massimo, e a differenza nostra gli avversari le occasioni le hanno sfruttate, sono stati bravi in quello».

Nonostante i tre gol di scarto dopo quaranta minuti, l’Ambrì tuttavia ci ha creduto fino alla fine. «Di sicuro quando siamo tornati in pista nel terzo periodo l’abbiamo fatto con l’intenzione di girare quella partita. Il fatto che Ciaccio abbia preso il posto di Conz? Adesso è difficile dire quale impatto abbia avuto. Però, ripeto, eravamo sul ghiaccio con l’attitudine di chi vuol cambiare le cose. Poi, è vero, forse c’erano un po’ troppi gol da recuperare, ma se ne avessimo segnato uno in più a 5’ dalla fine avremmo approfittato di una spinta aggiuntiva».

Infatti, se c’è una cosa che più di tutto dimostra la determinazione dei biancoblù di voler cambiare le cose è la scelta di Cereda di togliere il portiere a cinque minuti e rotti dalla fine, partendo dall’idea di voler giocare a 6 contro 4 nei due minuti di una penalità inflitta a Loeffel per il crosscheck a Kneubuehler. «Un coach ha tre mosse a disposizione: chiamare il timeout, cambiare il portiere e modificare le linee – spiega il tecnico biancoblù –. Quindi direi che stavolta le abbiamo provate tutte».

Alla fine, i biancoblù non sono riusciti a concretizzare le occasioni avute in avvio. «Credo che abbiamo fatto un buon primo tempo, in cui meritavamo qualcosa di più, mentre invece dopo il Lugano è stato migliore di noi. Perché ha giocato con più disperazione nei duelli e nel gioco».

Indubbiamente ha pesato il fatto di aver incassato il secondo e il terzo gol bianconeri in appena un minuto e mezzo, in entrata di periodo centrale. «Penso che il primo gol (il 2-1 di Thürkauf, ndr) fosse un po’ casuale, quindi sono cose che capitano. Avremmo dovuto però subito reagire, cosa che invece non è capitata in tutti e venti i minuti. O perlomeno non ci siamo riusciti in maniera decisa al punto da poter cambiare il destino della partita».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved