laRegione
marco-rossi-sacrifici-tanti-ma-ben-ripagati
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 FANTASY HOCKEY
1
OjeOje
7176
2
Fazz17
6512
3
Luganesina
6423
4
HCLM
6318
5
Minoly
6055
6
Wee
5632
7
O la va O la spacca
5021
8
Capseicina Peppers
4924
9
Highliner Giazz
4904
10
HC Petronilla
4178
ULTIME NOTIZIE Sport
CALCIO
19 min

Il Lugano non vuole fermarsi nemmeno davanti alla neve

Maurizio Jacobacci: ‘Stiamo attraversando un momento magico e a Sion andiamo per ottenere una vittoria che sarebbe molto importante ai fini della clasifica’
FORMULA 1
40 min

Russell, Aitken, Fittipaldi: largo ai giovani nel Gp del Bahrain

Seconda tappa consecutiva a Sakhir. Senza Lewis Hamilton (positivo al Covid-19) ci sarà spazio per qualche emozione in più?
Basket
1 ora

Nyon in quarantena e Sam ferma, giocano solo i Tigers

Massagno avrebbe dovuto ospitare domenica la squadra vodese. Per il Lugano, sempre domenica, impegnativa trasferta in terra giurassiana
CICLISMO
1 ora

La Sunweb cambia nome, dal 2021 sarà il Team Dsm

Nuova maglia per il 22.enne bernese Marc Hirschi, uno dei giovani più in vista della stagione da poco conclusa
Atletica
3 ore

La Diamond League riaccoglie cinque prove

Salto triplo, lancio del disco, 200 m, 3000 m siepi e 5000 m torneranno a far parte dei meeting nella nuova stagione che dovrebbe partire il 23 maggio
Sci
4 ore

Eventi Fis pre-olimpici annullati a valanga in Cina

La Federazione internazionale di sci ha confermato il rinvio, a causa delle restrizioni sanitarie anche dei Mondiali di freestyle e snowboard
Altri sport
6 ore

La pandemia costa 2,5 miliardi ai Giochi di Tokyo

La cifra che comprende sia i costi operativi per lo spostamento dell'evento dal 2020 al 2021 sia l'impatto finanziario delle misure anti Covid-19
Nuoto
7 ore

Straordinario Noè Ponti: record svizzero e limite olimpico

Al meeting internazionale di Rotterdam il ticinese ha nuotato i 100 delfino in 51’’24, nuovo record nazionale nonché limite per i Giochi di Tokyo
Sci di fondo
7 ore

Prima gara da svizzero per Ilia Chernousov

Il fondista di origine russa marito della biathleta grigionese Selina Gasparin dopo aver cambiato bandiera questa estate prenderà parte alla Coppa delle Alpi
Freestyle
11 ore

La vittoria di Gasparini, rialzatasi per la terza volta

La 23enne di Cadro è pronta al rientro (oggi a Ruka) dopo due anni di assenza dalla Coppa del mondo in seguito al terzo grave infortunio delle sua carriera
Calcio
18 ore

Europa League, l'Yb deve ancora pazientare

Ai gialloneri non basta il vantaggio di Nsame alla mezz'ora: gli italiani ribaltano la situazione grazie a Mayoral e, nella ripresa, Calafiori e Dzeko
Hockey
19 ore

Ambrì, l'attesa di Luca Cereda: 'Ora ci serve la costanza'

L'autunno del Covid e delle incertezze. 'È frustrante dover cambiare dalla sera alla mattina'. E pure del mercato lento. 'Non c'è la solita frenesia'
Hockey
11.11.2020 - 17:410
Aggiornamento : 18:21

Marco Rossi, sacrifici tanti ma ben ripagati

Dall'Austria a Zurigo andata e ritorno tutti i giorni, per un sogno chiamato Nhl. Vicino alla realizzazione grazie ai Minnesota Wild

Draftato in nona posizione in occasione dell’ultima sessione (virtuale, a causa del Covid) dai Minnesota Wild, Marco Rossi ha uno spiccato spirito agonistico, e un futuro ancora da scrivere che sembra però promettere bene. Nel momento in cui ha udito il suo nome fatto dal general manager Bill Guerin, l’austriaco in forza agli Zsc Lions ha potuto tirare un sospiro di sollievo. Lo stesso sospiro tirato anche da papà Michael. È noto che il sostegno dei genitori è fondamentale per la carriera ad alti livelli dei figli, ma Michael Rossi la parola “sacrifici” se l’è tatuata a caratteri cubitali sulla pelle. Ex giocatore del Feldkirch, il club al quale è affezionato, Michael ha fatto di tutto affinché suo figlio potesse beneficiare di condizioni di lavoro e di sviluppo migliori delle sue. Quando ha realizzato che i settori giovanili dei club della regione del Vorarlberg non erano in grado di contribuire ai progressi del figlio, ha oltrepassato il Reno trasferendosi a Widnau, nel canton San Gallo. Poi, nel 2014, si è spostato a Zurigo, con Marco solo 13enne.

Migliaia di chilometri in auto

Piuttosto che lasciare il figlio a una famiglia affidataria, papà Michael si è fatto carico di migliaia di chilometri in auto, fungendo da autista per il figlio, cinque o sei volte alla settimana, un’ora e mezza di strada due volte al giorno, andata e ritorno. Inoltre, ha pianificato tutto affinché Marco potesse alimentarsi correttamente subito dopo gli allenamenti. Una volta tornati a casa, a lui toccavano le faccende di casa, a Marco il compito di lavare gli indumenti.

Le conseguenze di tali sacrifici non sono state banali: dormiva poco, ha perso due impieghi e la vita di famiglia ne ha risentito, anche se tutti (ha anche due figlie) si sono sempre detti che fosse giusto che Marco potesse andare a Zurigo. «È stata una follia piuttosto estrema», ha ricordato ripensando a quelle peripezie.

Il piacere di giocare vale più dei gol

Qualcuno potrebbe vedere in Michael Rossi un padre spinto da un’ambizione malsana, il quale tenta di trasferire il proprio sogno sul figlio, ma non è così. MIchael non ha mai dato un’eccessiva importanza ai gol e agli assisti del figlio. Il suo intento era piuttosto quello di trasmettergli la gioia e il piacere del gioco. «In qualità di genitore - ha spiegato - non bisogna esercitare alcuna pressione sui figli. Deve arrivare tutto da loro. Marco è stato sempre piuttosto difficile da domare, in quanto animato da una grandissima motivazione»,

«Sono uno sportivo che adora la competizione - interviene Marco -, voglio essere sempre il migliore. Ecco perché la Nhl è diventato presto un mio obiettivo». Nonostante l’asticella l’abbia fissata in alto, il giocatore degli Zsc Lions non ha mai voluto guardare troppo lontano. I sacrifici fatti, le ore passate in auto a ripassare le lezioni, l’hanno aiutato a crescere e a forgiare un mentale d’acciaio. «In allenamento mi pongo sempre la questione di cosa io possa ancora migliorare».

Ne è valsa la pena

È queste etica del lavoro che ha convinto papà Michael che valesse la pena fare tanti sacrifici per il figlio. Un figlio che era difficile da tenere a freno e che ha forzato la famiglia a correre dei rischi. «Con il senno di poi, posso dire che abbiamo fatto la scelta giusta», commenta il papà.

Se il presente è ancora a Zurigo, il futuro di Marco Rossi è nel  Minnesota. Dopo due stagioni a Ottawa nella Ohl, l’ultima delle quali segnata da 120 punti in 56 partite, l’austriaco con licenza svizzera sembra promesso a una carriera brillante, anche se i suoi 176 centimetri gli richiederanno uno sforzo supplementare, al centro di un terzetto d’attacco di National Hockey League. Proprio come Nico Hischier, ammira Pavel Datsyuk e si ispira al russo, ex stella dei Detroit Red Wings, per il gioco difensivo. Per imporsi oltre Atlantico, Marco Rossi riconosce di dover migliorare la velocità d’esecuzione. L’ha già fatto, con l’aiuto di un allenatore privato. Secondo papà Michael, l’unico ostacolo lungo la crescita del ragazzo potrebbe essere la natura di cattivo perdente.

Fortunatamente, quando si trasferirà nel Minnesota, potrà vivere con Thomas Vanek, il miglior giocatore austriaco della storia, forte di 1098 partite in Nhl, campionato che, stando alle ultime indiscrezioni, dovrebbe partire nelle prime settimane del 2021.

HOCKEY: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved