laRegione
rockets-in-quarantena-ma-da-venerdi-lavoreremo-normalmente
Il tecnico dei 'Razzi' Eric Landry (Ti-Press)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 FANTASY HOCKEY
1
Luganesina
3385
2
OjeOje
3338
3
HCLM
3312
4
Fazz17
3240
5
Wee
2808
6
Minoly
2589
7
Highliner Giazz
2386
8
Capseicina Peppers
2365
9
O la va O la spacca
2292
10
clotkamikazzze
2213
ULTIME NOTIZIE Sport
BASEBALL
16 min

I Dodgers campioni della Mbl dopo 32 anni

Due settimane dopo il trionfo dei Lakers nella Nba, Los Angeles ha festeggiato un altro anello grazie al successo contro Tampa Bay (4-2 nella serie)
Calcio
1 ora

Lugano, Mattia Bottani positivo al Covid-19

Dopo l'incontro di sabato, l'attaccante dei bianconeri non ha più avuto contatti con la squadra ed è in isolamento a casa sua
Calcio
2 ore

‘Il calcio andrà avanti, ma serve più consapevolezza e impegno’

Matteo Vanetta, assistente allenatore dello Young Boys, a ruota libera sulla delicata situazione del calcio, sull'inizio di stagione dei bernesi e sul Lugano
Hockey
11 ore

'Possiamo essere fieri di questo successo'

Noele Trisconi si gode la vittoria dell'Ambrì Piotta sui Lions: 'Stasera abbiamo sudato e lavorato duro'
Hockey
12 ore

Questa volta l’overtime castiga il Lugano

Tanti tiri, pochi gol, ma una prestazione convincente quella che ha permesso ai bianconeri di conquistare un punto (sconfitta 2-1) a Losanna
Gallery
Hockey
12 ore

Nättinen prende per mano l'Ambrì e lo porta al successo

Lo scatenato topscorer finlandese segna 4 reti e i biancoblù stendono lo Zurigo (ma perdono Müller): alla Valascia finisce 5-2
Calcio
13 ore

Il presidente del Barcellona Bartomeu si dimette

Con lui la Giunta in blocco. Decisione presa dopo il via libera al referendum per la mozione di sfiducia alla dirigenza blaugrana.
Tennis
14 ore

Federer in tv con le scarpe griffate: Srf nei guai

Violato il divieto di pubblicità. L'episodio è stato segnalato da un telespettatore che ha inoltrato un reclamo poi accolto dall'organo di mediazione
Atletica
14 ore

Squalifica di due anni per il re dello sprint Coleman

Il 24enne statunitense, campione del mondo in carica dei 100 m, sospeso per le ripetute violazioni del regolamento antidoping
Calcio
15 ore

Le rossocrociate a un passo dagli Europei di calcio

Dopo la vittoria per 2-0 contro la Romania, alla Svizzera manca solo un punto per la qualificazione agli Europei 2022 in Inghilterra.
Swiss Olympic
15 ore

‘Limitazioni necessarie, ma senza fermare lo sport’

Il capo missione di Swiss Olympic auspica che il Consiglio Federale metta un po' d'ordine all'interno delle varie regole adottate a livello cantonale
Hockey
17 ore

Matt D'Agostini fuori causa per dieci settimane

L'attaccante canadese dell'Ambrì Piotta domani sarà operato per ovviare a un problema al ginocchio sinistro
Calcio
18 ore

Il presidente Fifa Infantino positivo al coronavirus

Il 50enne presidente dell'organo di governo del calcio mondiale presenta sintomi lievi e si è messo in isolamento per 10 giorni
Hockey
18 ore

Langenthal in qurantena preventiva: niente trasferta a Biasca

Diversi giocatori bernesi, che stasera avrebbero dovuto affrontare i Rockets, hanno accusato sintomi tipici da un'infezione da coronavirus.
Basket
19 ore

Lugano al palo, dalla Sam segnali di forza

Cedraschi: ‘Da tre settimane la squadra non può allenarsi al completo. In queste condizioni è come se non avessimo fatto la preparazione’
Biathlon
19 ore

Nuova squalifica per Evgeny Ustyugov

Dopo l'analisi del passaporto biologico del russo la federazione internazionale di biathlon parla ancora di doping. Annullati i risultati dal 2010 al 2014
Hockey
18.09.2020 - 15:520
Aggiornamento : 19:16

Rockets in quarantena. 'Ma da venerdì lavoreremo normalmente'

A Biasca, tuttavia, la notizia della positività del giocatore al Coronavirus non è una sorpresa. Mike McNamara: 'Era logico, c'era da aspettarselo'

È uno stop che non ci voleva per i Ticino Rockets, che in dirittura d’arrivo della preparazione alla nuova stagione sono stati fermati dalla positività di un loro giocatore. Cosa che costringe quasi tutta la squadra a sottoporsi alla quarantena e al conseguente stop forzato di tutte le attività in attesa di novità. «Le direttive sono chiare: la squadra deve osservare il periodo di quarantena - racconta laconicamente l’assistant coach Mike McNamara -. Il provvedimento concerne tutti i giocatori che erano sul ghiaccio l’ultimo allenamento a cui aveva preso parte il giocatore risultato positivo al tampone. Ora come ora non sono molte le informazioni che ho; presumibilmente nei prossimi giorni alcuni altri giocatori, in particolare quelli che sono stati maggiormente a contatto con il compagno che ha contratto il virus, si sottoporranno al test. In ogni caso per tutti vale la regola che all’apparizione di qualsiasi sintomo è d’obbligo chiamare il medico».

'Graziati’ da questa quarantena sono i giovani assenti all’allenamento di martedì in quanto impegnati o con i partnerteam o perché alle prese con gli studi: «Questi giovani, un paio di giocatori del Davos e un altro paio del Lugano, potranno continuare a seguire la preparazione normalmente con i rispettivi club perché non si sono allenati con il loro compagno. Prima dell’allenamento di martedì la squadra aveva beneficiato di tre giorni di riposo: a mio avviso è verosimile che il giocatore in questione abbia contratto il virus durante questo mini-break».

Lo stop alle attività è arrivato nel bel mezzo dell’amichevole che i Rockets stavano giocando contro l’Evz Academy: «Quando ce lo hanno comunicato avevamo da poco oltrepassato la metà della partita, una partita che finalmente i miei ragazzi stavano anche affrontando con il giusto ritmo. Poi, appunto, è arrivato lo stop: è strano finire un match così, ma, al di là di tutto, quella di fermare l’incontro seduta stante era anche l’unica decisione che si potesse prendere. Non c’erano alternative».

Prima o poi doveva capitare

Mike McNamara la prende con filosofia: «In fondo c’era da aspettarselo. Era inevitabile che prima o poi si sarebbero verificati casi di positività all’interno di una squadra e che di conseguenza si prospettasse la quarantena per tutti. È capitato per primi a noi, ma poteva benissimo succedere a qualsiasi altra società. A volte non è sufficiente adottare tutti gli accorgimenti previsti dai vari protocolli per esserne immuni: il virus c’è e dobbiamo imparare a conviverci... La speranza è che si sia trattato di un solo caso isolato, e che nessuno degli altri lo abbia contratto. In ogni caso abbiamo sempre cercato di fare la massima attenzione, attenendoci scrupolosamente alle speciali disposizioni, a cominciare dal sottoscritto, dal momento che, considerata la mia età (71 anni, ndr), rientro nelle persone potenzialmente più a rischio. Oggi, nella sola mattinata, tanto per fare un esempio, mi sono lavato le mani quattro volte, e la mascherina la porto sempre con me, pronta all’uso quando mi trovo in situazioni in cui non è garantita la distanza minima con gli altri».

Sperare che quanto capitato ai Rockets sia solo un episodio isolato è comunque utopia. E lo sa bene anche il tecnico di origine canadese: «Dovremo convivere tutto il campionato con il Covid-19: posso immaginare che ci saranno altre squadre che durante la stagione dovranno fermarsi per una decina di giorni a causa di un contagio di qualche loro giocatore. Non è da escludere che non tutte le partite potranno essere giocate, chissà...». Uno scenario a cui Mike McNamara ha già pensato? «In una situazione di incertezza come questa, è normale che si nutrano dubbi e si pensi a un eventuale piano B». Piano B che potrebbe prevedere, qualora non tutte le formazioni avessero disputato lo stesso numero di partite, a stilare una classifica in base al coefficiente di punti a partita... «Sì, effettivamente potrebbe essere un’eventuale soluzione in caso non si riuscisse a completare il torneo regolarmente. Speriamo comunque di non dovervi fare ricorso».

Reuille: 'Aspettiamo dettagli dal medico cantonale'

«Siamo fermi: aspettiamo le comunicazioni nel dettaglio da parte del medico cantonale su cosa fare - conferma da parte sua il direttore sportivo dei Rockets Sébastien Reuille -. Le direttive parlano chiaro: la squadra deve essere posta in quarantena per i dieci giorni successivi all’esposizione al contagio del virus. Ciò che posso dire è che alcuni nostri giocatori sono già stati chiamati dall’ufficio del medico cantonale per sottoporsi a ulteriori controlli al fine di scongiurare ulteriori contagi. Ora come ora sono stati interpellati solo alcuni, ma è probabile che a loro se ne aggiungano altri nei prossimi giorni. In attesa che ci forniscano la lista esatta dei giocatori che dovranno effettivamente sottoporsi alla quarantena, per precauzione siamo tutti fermi: gli allenamenti sono sospesi. Ovviamente non è una notizia che ci rende molto felici, ma consola il fatto che i giorni di stop forzato saranno al massimo dieci, e dunque fino a giovedì prossimo (compreso). Poi, da venerdì, si potrà tornare a lavorare normalmente sul ghiaccio».

Il medico cantonale Giorgio Merlani, sulla decisione di fermare la partita amichevole con l'Academy precisa: «Non è una decisione emanata dal medico cantonale. Si tratta di una scelta privata che non è stata imposta dal sottoscritto».

HOCKEY: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved