laRegione
rockets-in-quarantena-ma-da-venerdi-lavoreremo-normalmente
Il tecnico dei 'Razzi' Eric Landry (Ti-Press)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 FANTASY HOCKEY
1
Luganesina
3390
2
OjeOje
3336
3
HCLM
3328
4
Fazz17
3240
5
Wee
2802
6
Minoly
2589
7
Highliner Giazz
2406
8
Capseicina Peppers
2369
9
O la va O la spacca
2293
10
clotkamikazzze
2253
ULTIME NOTIZIE Sport
CALCIO
7 ore

Lo Young Boys conquista un punto in Romania

Una conclusione di Fassnacht permette ai gialloneri di rimediare al vantaggio del Cluj firmato da Rondon. Primo punto dei bernesi in questa Europa League
Hockey
9 ore

Kostner positivo, Ambrì Piotta in quarantena

L'attaccante biancoblù ieri aveva accusato sintomi influenzali. Annullata la partita di domenica a Zugo
Calcio
11 ore

Fc Lugano, dopo Bottani positivo anche Osigwe

Sono in totale otto i bianconeri in quarantena. Il club ha chiesto il rinvio della partita di domenica contro lo Young Boys
Hockey
14 ore

'Andare avanti era la miglior opzione. O la meno peggio'

Nicola Mona: 'Fermare il campionato per un paio di mesi sperando che poi la situazione sarebbe migliorata era un'idea, ma non la più plausibile'
Altri sport
18 ore

Anche senza spettatori il campionato di Lna di pallavolo continua

Lo ha deciso oggi Swiss Volley, che entro la fine della settimana emanerà nuovi concetti di protezione da adottare durante allenamenti e partite
tennis
21 ore

Argento e bronzo per il Ticino, ma l'oro è aver potuto giocare

Due medaglie alle finali nazionali dell'Interclub junior. Riccardo Margaroli (Tennis Ticino): tante le squadre iscritte, movimento cantonale in salute
Hockey
23 ore

Si pattina almeno fino al 1° dicembre

Direzione della Lega e i club della National League hanno preso la decisione di continuare il campionato, poi valuteranno come procedere
Hockey
1 gior

'Un aiuto finanziario federale ora diventa imprescindibile'

Lo dice il direttore generale dell'Ambrì Piotta Nicola Mona. Lombardi: 'Quanto deciso oggi da Berna ci impone di rifare i calcoli ripartendo da zero'
Hockey
1 gior

Rappi in quarantena, salta la partita di venerdì a Lugano

Tre giocatori sangallesi e due membri dello staff positivi al coronavirus. In Swiss League fermato anche il Langenthal
Calcio
1 gior

Campana: 'Abbiamo bisogno aiuti, ma anche coerenza'

Il direttore generale dell'Fc Lugano si aspetta un sostegno economico da parte della Confederazione ma punta anche il dito contro le quarantene "selvagge"
Hockey
1 gior

Rockets, gestione 2019/20 con un leggero utile

L'assemblea degli azionisti conferma in blocco il Cda uscente. Nel quale siederà anche il vicesindaco di Lugano Michele Bertini
Hockey
1 gior

'Una sconfitta non solo per lo sport, ma per l'intera società'

Per il presidente del Lugano Vicky Mantegazza quanto deciso da Consiglio federale mette seriamente a repentaglio la sopravvivenza del club
Hockey
1 gior

‘Un colpo durissimo’ per l'hockey su ghiaccio

National e Swiss League lanciano un appello: restituiteci il pubblico al più presto
Calcio
1 gior

Swiss Football League: ‘Società a rischio’

La lega sulle misure del Consiglio federale: ‘I club dipendono dai prestiti senza interessi, ma ridateci presto il pubblico’
Hockey
1 gior

L'Ambrì Piotta perde anche Marco Müller per 4-6 settimane

Nella sfida di ieri con lo Zurigo, l'attaccante leventinese si è procurato uno strappo legamentare del ginocchio destro
Hockey
1 gior

La nona scelta del draft Nhl rinforza lo Zurigo

Il 19enne attaccante austriaco Marco Rossi (120 gol in 56 partite nella scorsa Junior League e fresco di firma con Minnesota) potrebbe debuttare già venerdì
Hockey
18.09.2020 - 15:520
Aggiornamento : 19:16

Rockets in quarantena. 'Ma da venerdì lavoreremo normalmente'

A Biasca, tuttavia, la notizia della positività del giocatore al Coronavirus non è una sorpresa. Mike McNamara: 'Era logico, c'era da aspettarselo'

È uno stop che non ci voleva per i Ticino Rockets, che in dirittura d’arrivo della preparazione alla nuova stagione sono stati fermati dalla positività di un loro giocatore. Cosa che costringe quasi tutta la squadra a sottoporsi alla quarantena e al conseguente stop forzato di tutte le attività in attesa di novità. «Le direttive sono chiare: la squadra deve osservare il periodo di quarantena - racconta laconicamente l’assistant coach Mike McNamara -. Il provvedimento concerne tutti i giocatori che erano sul ghiaccio l’ultimo allenamento a cui aveva preso parte il giocatore risultato positivo al tampone. Ora come ora non sono molte le informazioni che ho; presumibilmente nei prossimi giorni alcuni altri giocatori, in particolare quelli che sono stati maggiormente a contatto con il compagno che ha contratto il virus, si sottoporranno al test. In ogni caso per tutti vale la regola che all’apparizione di qualsiasi sintomo è d’obbligo chiamare il medico».

'Graziati’ da questa quarantena sono i giovani assenti all’allenamento di martedì in quanto impegnati o con i partnerteam o perché alle prese con gli studi: «Questi giovani, un paio di giocatori del Davos e un altro paio del Lugano, potranno continuare a seguire la preparazione normalmente con i rispettivi club perché non si sono allenati con il loro compagno. Prima dell’allenamento di martedì la squadra aveva beneficiato di tre giorni di riposo: a mio avviso è verosimile che il giocatore in questione abbia contratto il virus durante questo mini-break».

Lo stop alle attività è arrivato nel bel mezzo dell’amichevole che i Rockets stavano giocando contro l’Evz Academy: «Quando ce lo hanno comunicato avevamo da poco oltrepassato la metà della partita, una partita che finalmente i miei ragazzi stavano anche affrontando con il giusto ritmo. Poi, appunto, è arrivato lo stop: è strano finire un match così, ma, al di là di tutto, quella di fermare l’incontro seduta stante era anche l’unica decisione che si potesse prendere. Non c’erano alternative».

Prima o poi doveva capitare

Mike McNamara la prende con filosofia: «In fondo c’era da aspettarselo. Era inevitabile che prima o poi si sarebbero verificati casi di positività all’interno di una squadra e che di conseguenza si prospettasse la quarantena per tutti. È capitato per primi a noi, ma poteva benissimo succedere a qualsiasi altra società. A volte non è sufficiente adottare tutti gli accorgimenti previsti dai vari protocolli per esserne immuni: il virus c’è e dobbiamo imparare a conviverci... La speranza è che si sia trattato di un solo caso isolato, e che nessuno degli altri lo abbia contratto. In ogni caso abbiamo sempre cercato di fare la massima attenzione, attenendoci scrupolosamente alle speciali disposizioni, a cominciare dal sottoscritto, dal momento che, considerata la mia età (71 anni, ndr), rientro nelle persone potenzialmente più a rischio. Oggi, nella sola mattinata, tanto per fare un esempio, mi sono lavato le mani quattro volte, e la mascherina la porto sempre con me, pronta all’uso quando mi trovo in situazioni in cui non è garantita la distanza minima con gli altri».

Sperare che quanto capitato ai Rockets sia solo un episodio isolato è comunque utopia. E lo sa bene anche il tecnico di origine canadese: «Dovremo convivere tutto il campionato con il Covid-19: posso immaginare che ci saranno altre squadre che durante la stagione dovranno fermarsi per una decina di giorni a causa di un contagio di qualche loro giocatore. Non è da escludere che non tutte le partite potranno essere giocate, chissà...». Uno scenario a cui Mike McNamara ha già pensato? «In una situazione di incertezza come questa, è normale che si nutrano dubbi e si pensi a un eventuale piano B». Piano B che potrebbe prevedere, qualora non tutte le formazioni avessero disputato lo stesso numero di partite, a stilare una classifica in base al coefficiente di punti a partita... «Sì, effettivamente potrebbe essere un’eventuale soluzione in caso non si riuscisse a completare il torneo regolarmente. Speriamo comunque di non dovervi fare ricorso».

Reuille: 'Aspettiamo dettagli dal medico cantonale'

«Siamo fermi: aspettiamo le comunicazioni nel dettaglio da parte del medico cantonale su cosa fare - conferma da parte sua il direttore sportivo dei Rockets Sébastien Reuille -. Le direttive parlano chiaro: la squadra deve essere posta in quarantena per i dieci giorni successivi all’esposizione al contagio del virus. Ciò che posso dire è che alcuni nostri giocatori sono già stati chiamati dall’ufficio del medico cantonale per sottoporsi a ulteriori controlli al fine di scongiurare ulteriori contagi. Ora come ora sono stati interpellati solo alcuni, ma è probabile che a loro se ne aggiungano altri nei prossimi giorni. In attesa che ci forniscano la lista esatta dei giocatori che dovranno effettivamente sottoporsi alla quarantena, per precauzione siamo tutti fermi: gli allenamenti sono sospesi. Ovviamente non è una notizia che ci rende molto felici, ma consola il fatto che i giorni di stop forzato saranno al massimo dieci, e dunque fino a giovedì prossimo (compreso). Poi, da venerdì, si potrà tornare a lavorare normalmente sul ghiaccio».

Il medico cantonale Giorgio Merlani, sulla decisione di fermare la partita amichevole con l'Academy precisa: «Non è una decisione emanata dal medico cantonale. Si tratta di una scelta privata che non è stata imposta dal sottoscritto».

HOCKEY: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved