SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
6 min

Muore a 22 anni durante l’allenamento

Vittima il colombiano Andres Balanta, in forza agli argentini dell’Atletico Tucuman
Hockey
44 min

Josi decisivo contro i Ducks

Il difensore bernese firma il gol-vittoria al supplementare per Nashville
I Mondiali dal divano
6 ore

Vengo anch’io: no, tu no!

Scopriamo come stanno vivendo la rassegna iridata gli assenti
IL DOPOPARTITA
12 ore

L’Ambrì, il pessimo affare e la rabbia. ‘È ora di intervenire’

Le porte dello spogliatoio restano chiuse a lungo alla Gottardo Arena dopo la sconfitta col Losanna. Cereda: ‘Io ho detto poco, hanno parlato i giocatori’
il dopopartita
12 ore

Altra lezione allo Zugo grazie a ‘Due tempi ottimi e Schlegel’

Dopo il 6-1 rifilato in casa, i bianconeri fanno il bis imponendosi 4-1 alla Bossard Arena, grazie a una partenza a razzo. Morini: ‘Vittoria meritata’.
Hockey
13 ore

Lugano, prestazione convincente, Zugo annichilito

Quinta vittoria in sei incontri: i bianconeri confermano i progressi delle ultime settimane, vincendo 4-1
Qatar 2022
13 ore

Derby britannico all’Inghilterra

Troppo forte la squadra di Southgate per il Galles: agli ottavi, Kane e compagni troveranno l’Olanda
Hockey
14 ore

Il Losanna sbanca la Gottardo Arena

L’Ambrì recupera uno (sfortunato) doppio svantaggio, ma non basta per vincere: i vodesi vincono 3-2 e scavalcano i biancoblù in classifica
Qatar 2022
14 ore

Gli Usa battono l’Iran e conquistano gli ottavi di finale

Nello scontro diretto gli americani affronteranno l’Olanda, per l’Inghilterra c’è invece il Senegal
Qatar 2022
16 ore

Una corsa contro il tempo per Xherdan e Noah

A Doha si lavora per il recupero di Shaqiri e Okafor in vista della sfida alla Serbia di venerdì
biathlon
16 ore

Niklas Hartweg sul podio nella prima gara stagionale

Il 22enne elvetico conquista il secondo posto nella gara di Kontiolahti in Finlandia, battuto solo dalla svedese Martin Ponsiluoma
Qatar 2022
17 ore

Il Qatar perde anche la terza

Tutto facile per l’Olanda, che chiude la prima fase superando 2-0 i deludentissimi padroni di casa
Qatar 2022
17 ore

Senegal avanti con merito

Gli africani sconfiggono 2-1 un Ecuador troppo rinunciatario e accedono agli ottavi di finale
Atletica
18 ore

La terza tappa di Coppa Ticino di cross a Delorenzi e Stampanoni

In Capriasca cinquina per l’Us Ascona, poker per Us Capriaschese e Ga Bellinzona
L’ANGOLO DELLE BOCCE
18 ore

Alessandro Eichenberger vince contro Mombelli a Losone

Finale tutta Ideal Coldrerio nel torneo organizzato dall’Sb Verzaschesi in memoria di Jenny Molteni Drew e Luigi Rossi
gallery
Sci
19 ore

Le tante iniziative di Tiski per avvicinare la popolazione

C’è molta attesa per la neve e per i Mondiali Junior di Moguls ed Aerials di Airolo. Anna Gabutti: ‘Ma per noi sono importanti anche i Kids Day’
COSE DELL’ALTRO MONDO
22 ore

Lamar Jackson e la difficile gestione dei social media

Il quarterback di Baltimore è rimasto coinvolto in una diatriba con un tifoso dopo la pesante sconfitta a Jacksonville
TIRI LIBERI
23 ore

Hervé Coudray, il nuovo factotum del basket elvetico

Il francese è stato nominato responsabile tecnico nazionale. Possiede un importante curriculum nella formazione e una filosofia che si ispira agli Usa
Calcio
1 gior

Gianluca Ferrero nuovo presidente della Juve

L’uomo d’affari 59enne scelto dall’azionista principale per succedere ad Andrea Agnelli
Formula 1
1 gior

Mattia Binotto si è ufficialmente dimesso dalla Scuderia Ferrari

Il team principal lascerà il suo ruolo il 31 dicembre. ‘Giusto compiere questo passo, per quanto sia stata per me una decisione difficile’
Qatar 2022
1 gior

L’ombra delle minacce alle famiglie dei giocatori dell’Iran

La Cnn cita una fonte della sicurezza interna: decine di Pasdaran in Qatar per controllare i giocatori ed evitare proteste e contatti con stranieri
atletica
1 gior

Del Ponte si opera ‘per evitare questo infortunio in futuro’

La ticinese è vittima di una frattura da stress. Coach Meuwly detta i tempi di recupero: ‘Allenamento a pieno regime da metà marzo, gare in estate’
SERIE A
1 gior

Il CdA della Juve si è dimesso in blocco: lascia anche Agnelli

Il dirigente 46enne saluta il club bianconero dopo più di dodici anni: decisive le contestazioni sulle plusvalenze.
Qatar 2022
1 gior

La doppietta di Bruno Fernandes porta il Portogallo agli ottavi

Ottima prestazione che si meritano a pieno merito i tre punti con l’Uruguay, dopo la Corea ci sarà la seconda classificata del girone della Svizzera
volley
1 gior

Bellinzona chiaramente sconfitto dal Therwil

Le basilesi passano all’Arti e Mestieri con un secco 3-0. Valentina Mirandi: ‘Ci siamo fatte sopraffare dalle difficoltà’.
Qatar 2022
1 gior

Yakin: ‘Col Brasile serviva più coraggio’

Freuler: ‘Sapevamo che la gara decisiva sarebbe stata quella coi serbi’
volley
1 gior

Sesta vittoria consecutiva per il Lugano

Kanti Sciaffusa sconfitto al tie break, dopo aver sprecato un match point nel quarto set. Bianconere sempre terze in classifica.
QATAR 2022
1 gior

Il gol di Casemiro infrange il sogno della Svizzera

Elvetici battuti all’83’ di una sfida giocata con ordine e sacrificio e che avrebbero meritato di chiudere in parità. Ora si decide tutto contro la Serbia
Calcio
1 gior

Sanzionato Balotelli, assolto Constantin

L’attaccante del Sion aveva paragonato la Lega svizzera di calcio alla mafia: multa di 5mila franchi
Qatar 2022
1 gior

Incerto l’immediato futuro dell’interista Onana

Escluso dalla rosa prima di Camerun-Serbia, il portiere africano starebbe per lasciare il Qatar
22.09.2022 - 05:30
Aggiornamento: 19:52

‘Nessuno sarà mai grande come Prost, Ayrton e Schumi’

Luigi Mazzola, ingegnere, ci racconta i suoi vent’anni di Formula 1, fra piloti straordinari, dirigenti carismatici e innovazioni rivoluzionarie

nessuno-sara-mai-grande-come-prost-ayrton-e-schumi

Quando vediamo sfrecciare i bolidi della Formula 1, ammirando le imprese dei piloti migliori, difficilmente ci soffermiamo a pensare a ciò che sta dietro a certe performance, agli uomini che le rendono possibili. L’incontro con l’ingegner Luigi Mazzola, luganese d’adozione, ci offre invece l’occasione di scoprire qualche dettaglio relativo a questo universo seminascosto ma fondamentale. «Ho iniziato in Formula 1 nel 1988 e ho terminato nel 2009, vincendo 6 Mondiali piloti e 8 titoli costruttori», esordisce il sessantenne dai natali ferraresi. «Mi ero appena laureato, avevo lavorato solo due mesi alla Lamborghini, nel settore della produzione di serie. La Ferrari cercava un ingegnere e tramite il Politecnico di Torino – dove avevo studiato – mi contattò e fissammo un appuntamento per vedere se fossi adatto per la Gestione sportiva. Per un ragazzo che aveva appena finito di studiare era qualcosa di impensabile, ci sarei andato anche in ginocchio. L’incontro andò bene ed entrai in azienda il 1º settembre ’88. Iniziai all’ufficio calcoli e disegno, disegnando alcuni pezzi delle vetture, ma già a inizio ’89 passai a occuparmi della pista».

Nel settembre dell’88, il Drake Enzo Ferrari era morto da pochi giorni... «Esatto, ma la sua presenza si percepiva in ogni caso, perché avevo a che fare con persone che, lavorando lì da 20-30 anni, mi facevano capire che personaggio era stato il fondatore del marchio. La sua impostazione era ancora vivissima, molto concreta». Per il Cavallino non erano anni troppo buoni: dal ’79 non vinceva un Mondiale piloti e, prima di quel titolo firmato dal sudafricano Scheckter, c’era stato un altro lunghissimo digiuno. «Dopo il primo anno, diventai ingegnere di pista nel ’90, con l’arrivo di Alain Prost. E avremmo subito potuto vincere il Mondiale: non successe perché a Suzuka Senna buttò fuori Prost, ma anche per via dei dissidi interni fra Alain e Mansell».

L’intermezzo elvetico

La prima parte dell’avventura dell’ingegner Mazzola a Maranello si chiuse molto presto… «Mi licenziai a inizio ’92, in disaccordo con la linea dirigenziale. Avevo fatto strada molto in fretta, sia perché Prost mi prese sotto la sua ala protettrice sia perché, diciamolo, ero piuttosto bravo. E così Peter Sauber, saputo che ero libero, mi invitò a Hinwil, dove iniziai a lavorare a un progetto straordinario: costruire da zero una macchina di Formula 1. Trovai persone esperte di Motorsport, certo, ma nessuno sapeva nulla di Formula 1, quindi ebbi subito un ruolo importante. Nel 1993 – dopo esserci procurati ciò che serviva – eravamo già pronti per fare il Mondiale di F1, e al primo Gp chiudemmo davanti alla Ferrari. Dopo la gara, un dirigente della Ferrari mi disse che il presidente Montezemolo voleva parlarmi. ‘Com’è possibile che una macchina nera stia davanti a noi?’, mi chiese quando lo raggiunsi. Io e Montezemolo in Ferrari ci eravamo incrociati a fine ’91, quando lui era appena rientrato dopo molti anni. Subito provammo stima reciproca, e così fece di tutto per riportarmi "a casa", dove in effetti tornai nel ’94 dopo aver lavorato alla Sauber con piloti come Lehto e Wendlinger».

A Maranello trovò molte facce nuove… «Prost e Mansell se n’erano andati, lasciando il volante a Berger e Alesi. Ma soprattutto era arrivato un dirigente del calibro di Jean Todt, che mi tolse dalle gare e mi affidò la responsabilità di mettere in piedi e dirigere la squadra test, che era diventata ormai un’esigenza. Cominciai con quattro collaboratori, che portai a oltre 300 nel giro di pochissimi anni. Nessuno nel circus possedeva una struttura come la mia: ingaggiai i meccanici migliori, scovandoli ovunque, anche nei rally, e setacciai le università inglesi per reclutare i tecnici più bravi. Ci ingrandimmo così tanto che, lo stesso giorno, ci capitava di provare su tre circuiti diversi, in Italia e all’estero. Nella cultura Ferrari i test erano già basilari, ma noi li portammo a livelli inimmaginabili. I simulatori ancora non esistevano, dunque tutto andava sviluppato e provato nella realtà: aerodinamica, motori, sospensioni. Coordinavo l’intero sviluppo della macchina, mi piaceva molto, era un lavoro di creatività pura».

Era un’epoca in cui la F1 stava cambiando davvero parecchio a livello tecnologico. «Già, e fummo proprio noi a introdurre il cambio semi-automatico, di tipo idraulico. La tecnologia si stava affermando definitivamente, specie in campo elettronico, idraulico e aerodinamico. Costruimmo una seconda galleria del vento, più grande della prima, in scala 1:2 invece che 1:3». E tutto ciò che ideavate veniva poi trasferito alle auto di serie, quelle usate tutti i giorni dai comuni mortali… «Certo, il cambio semi-automatico, il traction control, tutte le assistenze di guida, gli impianti frenanti o ancora il differenziale idraulico».

Clay e Gilles

A Maranello, in due periodi diversi, era passato il pilota luganese Regazzoni, che per tutti i ferraristi è un idolo ancora oggi. Che ricordo avevano di Clay tecnici e meccanici che avevano collaborato con lui? «Avevano tutti lavorato con piacere con Regazzoni, così come fecero con Gilles Villeneuve. In realtà, mi hanno sempre raccontato più aneddoti sul canadese o su Reutemann che non sul ticinese o sul suo compagno Lauda, forse perché – quando io arrivai – i meccanici più anziani avevano già lasciato Maranello. L’autentica icona era Villeneuve, che era nel cuore delle persone. Parlandone, tutti si emozionavano fino alle lacrime. Di Clay, più che altro, mi dicevano di quanto gli piacesse la sfida al volante, sia in pista sia sulle strade normali, piene di traffico. Andava sempre al limite, forse anche oltre. Villeneuve invece era una specie di scommessa quando giunse a Maranello: aveva corso pochissimi Gp, e prima ancora veniva dalle gare in motoslitta. Solo Schumacher – qualche anno dopo – entrò nel cuore di chi lavorava in Ferrari come aveva fatto il canadese».

L’era di Michael

Schumi vinse moltissimo, al contrario di Villeneuve che divenne idolo pur con un palmarès davvero esiguo. «Avesse avuto a disposizione le vetture e la struttura che ebbe Michael, avrebbe vinto altrettanto, perché lui e Schumi erano superiori alla macchina, nel senso che sapevano sfruttare la vettura al 100%, una cosa che non capita mica a tutti i piloti, anzi, riesce a pochissimi». Pare che Michael, quando arrivò in Ferrari e provò la monoposto dell’anno precedente, vi disse: ma come avete fatto a non vincere il Mondiale con una macchina simile? «Confermo, anche se al primissimo test a Fiorano nel novembre del ’95, effettuato solo per provare sedile e pedaliera, girò 5 secondi più lento di Nicola Larini, uno dei nostri collaudatori. E Michael ovviamente si preoccupò, anche perché a Fiorano il tracciato è corto, lo si completa in 1 minuto. Poi andammo all’Estoril, e di nuovo Michael girò lentissimo. La macchina, però, non aveva nessun problema. E così ebbi un’intuizione: il problema stava nell’assetto, che decisi di cambiare del tutto. Lo stravolsi, andando contro tutto ciò che era stato fatto fin lì, e soprattutto sconfessando la filosofia di John Barnard, che mi diede una strigliata memorabile. Però, col nuovo assetto, Michael finalmente cominciò a volare. Barnard tentò di convincerlo a seguire la sua linea, ma Schumacher fu irremovibile: voleva l’assetto ideato da me, grazie al quale girò subito 3 secondi più veloce di quanto faceva Berger, con la stessa macchina, fino a poche settimane prima».

Torniamo a Jean Todt: che tipo era? «Era totalmente dedicato alla causa, essendo stato lui stesso pilota e navigatore. Era presente ovunque, 24 ore al giorno. Se c’era un problema, voleva che lo chiamassimo a qualsiasi ora. E rispondeva sempre al primo squillo, anche alle tre di notte. Era dunque una persona che – pretendendo molto da se stesso – si aspettava molto anche dagli altri. Era piuttosto autoritario, incuteva un certo rispetto». Malgrado fisicamente non sia certo un gigante… «Io sono altissimo, lui invece bassissimo. E così, per non metterlo troppo in imbarazzo, cercavo di parlargli da seduto, perché lui il complesso del nano, come Napoleone, un po’ ce l’aveva. Todt fu uno dei grandi artefici della crescita della Ferrari in quegli anni, ma a fare davvero la differenza fu Ross Brawn, che creò una vera squadra e la mise nelle condizioni ideali per lavorare. Ed era formidabile a fare da filtro fra noi e Montezemolo, o fra noi e la famiglia Agnelli. Accentrava tutta la pressione su di sé, consentendo a noi di lavorare in modo tranquillo».

Confronti

Cosa dire di Ayrton Senna? «Non ci ho mai lavorato, ma lo conoscevo bene, perché lui veniva sempre da noi a chiedere cosa facevamo e come lo facevamo. Diventammo, oserei dire, amici. Anche lui, come me, arrivava in pista la mattina prestissimo, e magari ci facevamo una camminata insieme, chiacchierando. Personaggio straordinario: sarei stato felicissimo di lavorare con lui. Metto Prost, Schumacher e Senna sul gradino più alto del podio. Fra i piloti odierni, solo Verstappen può forse ambire a raggiungere quel livello». E Hamilton? «Ha vinto 7 Mondiali, ma non ha la stessa dedizione che mettevano nel lavoro personaggi come Prost, Senna o Michael. Hamilton mi pare molto distratto da altre cose. E, soprattutto, ha perso un Mondiale contro Rosberg, cioè il suo teammate. Fra il 2015 e il 2016 ha perso 7 gare consecutive contro Rosberg, una cosa pazzesca. Ok, anche Prost ha perso un Mondiale da Senna e uno da Lauda, ma erano piloti molto più forti di Rosberg, non c’è paragone. Michael non avrebbe mai perso un Mondiale contro il suo compagno di squadra. Hamilton è forte, certo, ma non sarà mai ai livelli di quei tre».

I problemi di oggi

Parlando di stretta attualità, qual è il vero problema della Ferrari quest’anno? «Hanno una grande macchina, ma a livello di gestione hanno fatto errori clamorosi. Hanno purtroppo cambiato struttura, rinunciando a ciò che per me è necessario. Ai miei tempi, se c’era un problema di tipo tecnico, Todt andava da Brawn a chiederne conto. Ora invece Mattia Binotto svolge entrambi i ruoli: mica può chiedere spiegazioni a se stesso. E poi sopra Todt c’era Montezemolo, uno che, quando le cose andavano male, si presentava in riunione alle 10 di mattina e ci distruggeva. Era bravo a spronarci, ma lo faceva con estrema durezza. Oggi purtroppo in quel ruolo non c’è nessuno e temo che gli errori fatti quest’anno si ripeteranno, perché immagino che non verrà cambiato nulla».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved