WAS Capitals
1
SJ Sharks
4
fine
(0-1 : 0-1 : 1-2)
COB Jackets
0
CAL Flames
6
fine
(0-1 : 0-2 : 0-3)
TOR Leafs
4
ANA Ducks
3
fine
(2-1 : 1-1 : 0-1 : 0-0 : 1-0)
Detroit Red Wings
4
CHI Blackhawks
6
3. tempo
(0-4 : 3-0 : 1-2)
COL Avalanche
BOS Bruins
04:00
 
WAS Capitals
1
SJ Sharks
4
fine
(0-1 : 0-1 : 1-2)
COB Jackets
0
CAL Flames
6
fine
(0-1 : 0-2 : 0-3)
TOR Leafs
4
ANA Ducks
3
fine
(2-1 : 1-1 : 0-1 : 0-0 : 1-0)
Detroit Red Wings
4
CHI Blackhawks
6
3. tempo
(0-4 : 3-0 : 1-2)
COL Avalanche
BOS Bruins
04:00
 
e-un-2021-da-ricordare-in-attesa-delle-novita
Quello di Abu Dhabi è soltanto un capitolo: gli altri sono ancora tutti da scrivere
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
BASKET
6 ore

Lugano Tigers sconfitti nella Svizzera centrale

Migliore al tiro sotto tutti gli aspetti, la compagine ticinese ha avuto un passaggio a vuoto nel secondo periodo che le è costata la vittoria
Hockey
7 ore

La sfida vista da Ambrì. ‘Saranno i duelli, la chiave’

Cereda lancia la sesta sfida con il Lugano, ultimo sforzo prima della pausa. ‘Sarà benefica: le scorie post contagio non si sono del tutto dissipate”
HOCKEY
8 ore

‘Il derby? Sarà una battaglia, come sempre’

Julian Walker: ‘Tutte le sfide con l’Ambrì sono state tiratissime, non vedo favoriti. Dovremo fare bene il lavoro sporco, proprio come lo sanno fare loro’
CALCIO
10 ore

Arthur Cabral sul punto di approdare alla Fiorentina

L’attaccante brasiliano del Basilea attende solo gli sviluppi del caso Valhovic. Quest’anno ha segnato 14 reti in 18 partite di Super League
Hockey
10 ore

Lugano, Schlegel si deve fermare. Fino a marzo

Niente derby per il portiere bianconero: lesione agli adduttori della coscia. McSorley dovrà scegliere se puntare sul canadese Irving o su Fatton
CICLISMO
10 ore

Joel Suter secondo alla Challenge Mallorca

Il Spagna il 23enne elvetico della Uae Emirates è stato preceduto dal compagno di squadra McNulty, giunto al traguardo in solitaria
CALCIO
11 ore

Il Lugano riapre la campagna abbonamenti

Chi non avesse già provveduto a inizio stagione, da domani ha la possibilità di assicurarsi a prezzi scontati le nove partite casalinghe del ritorno
MOTOCICLISMO
11 ore

Via libera medico per Marc Marquez

Il pilota spagnolo ha superato i problemi di diplopia e sarà presente dal 5 al 7 febbraio nei primi test stagionali sul circuito di Sepang
CALCIO
11 ore

Infortunio al piede, Mirko Salvi out due mesi

Colpo duro per l’Yverdon, neo-promosso in Challenge League, costretto a fare a meno del suo estremo difensore
Hockey
11 ore

Le ragazze svizzere ai Giochi senza la loro stella. Per ora

Valori limite per entrare in Cina: Alina Müller e Sinjia Leemann incrociano le dita e vanno in isolamento. Weibel: ‘Fiduciosi della strategia adottata’
Tennis
12 ore

Medvedev firma l’impresa a Melbourne: è semifinale

Sotto di due set contro Aguer-Aliassine, il russo ribalta la partita e stacca il biglietto per il penultimo atto degli Australian Open
Hockey
13 ore

Hedlund e il suo staff non si muovono da Rapperswil

Confermata in blocco la guida tecnica dei sangallesi. Che resterà (almeno) fino al termine della stagione 2023/24
Sci
15 ore

Michelle Gisin dice no a Garmisch-Partenkirchen

Terza defezione di lusso, nel clan rossocrociato, per le ultime gare di Coppa del mondo prima della partenza per Pechino
Calcio
17 ore

L’Fc Lugano ha di nuovo un presidente, sarà Philippe Regazzoni

Classe ‘69, Regazzoni è attinente di Balerna ma residente a Küssnacht e da 25 anni è attivo nell’ambito assicurativo.
Calcio
22 ore

Da Lima a Yaoundé, quante tragedie legate al calcio

Disordini tra tifosi, strutture fatiscenti, sicurezza e forze dell’ordine inadeguate, fatalità: il dramma in Camerun è solo l’ultimo di una lunga lista
Hockey
1 gior

Ambrì sconfitto a Zurigo con onore e ripreso dal Berna

I Lions fanno la differenza nell’ultimo periodo dopo l’1-1 al termine dei primi due tempi. In classifica i leventinesi cedono agli Orsi il decimo posto.
Hockey
1 gior

A Zugo un martedì pazzo, che al Lugano frutta un punto

Serata incredibile alla BossardArena, in cui succede di tutto, decisa da Hansson al supplementare. Con i bianconeri che, però, perdono Schlegel
Sci
1 gior

A Schladming 7 elvetici a punti, ma lontani da Linus Strasser

Il tedesco si impone nello slalom sulla Planai precedendo il norvegese McGrath e l’austriaco Feller. Tanguy Nef (decimo) miglior rossocrociato.
Calcio
1 gior

Roy Hodgson ci ripensa: dovrà salvare il Watford

A 74 anni e 188 giorni l’ex selezionatore della Svizzera prende il posto dell’esonerato Claudio Raineri e diventa il più anziano allenatore della Premier.
L'ANGOLO DELLE BOCCE
1 gior

Buona la prima per Eichenberger-Gianinazzi

Grande inizio di stagione per la coppia dell’Ideal Coldrerio. A Cavergno ha battuto 12-0 Rossi - Lorenzetti (Torchio)
Gallery
Tennis
1 gior

Australian Open, Nadal-Berrettini in semifinale

Rafa ha sconfitto Shapovalov in cinque set, l’azzurro ha fatto lo stesso contro il francese Monfils. Donne, avanti Ashleigh Barty e Madison Keys
FORMULA 1
 
15.12.2021 - 23:420

È un 2021 da ricordare, in attesa delle novità

La supremazia Red Bull e Mercedes, le speranze di Ferrari e le attese di tutti gli altri. Ma anche in futuro i big saranno ancora i big

È bene rammentarlo: Fia e Liberty Media hanno permesso al Mondiale di continuare a esistere, gestendo l’emergenza Covid e salvando il Circus, permettendo lo svolgimento del Mondiale 2021 su 22 gare in quasi altrettanti Paesi, con un pubblico sempre maggiore, aspettando un 2022 che prevederà addirittura un Gran Premio in più. È bene dirlo prima di sciorinare ore e ore di critiche, perché notoriamente i meriti si dimenticano mentre invece gli errori marchiano.

Tecnicamente, in questa stagione abbiamo vissuto una chiara supremazia binaria da parte di Red Bull e Mercedes-Benz. La prima è stata capace di compiere un gran lavoro a livello aerodinamico, spremendo poi a Mondiale in corso un’inattesa potenza dal propulsore Honda, che a livello di cavalli è arrivato vicinissimo a quello inglese della casa tedesca (ma solo di nome), tanto che si parla di un gap di non più di 20 cavalli, alla fine. Marko e Horner hanno poi saputo portare a progressiva maturazione il talento di Verstappen, rendendolo proficuo, costante, duro e intimidatorio. Nonostante la giovane età, si è imposto per uno stile chiaro che recita circa così: se arrivo in staccata io non alzo il piede, e se posso ti stringo e ti accompagno fuori, quindi cerca di non passarmi, mai. Per i tifosi degli altri 19 piloti un assunto oltremodo eccessivo, ma che ha chiaramente segnato la relazione anche psicologica dei colleghi nei confronti di Max; tutti sanno che senza Drs ampio, passarlo sia un’impresa, e molto rischiosa. Nel tempo, siamo certi, forgerà anche questa caratteristica, che a giusta ragione molto spesso lo ha portato davanti alla commissione Fia per reprimende e multe, ma nel contempo l’olandese viene amato da chi ancora intende la F1 come una lotta, non come sport per signorine raffinate, non come vittima di mille regolamenti che ne uccidono l’essenza: competere solo per vincere. Aveva ben ragione Enzo Ferrari quando affermava che il secondo è il primo degli ultimi: la F1 è questo.

Giusto a dire, allora, che il terzo posto della Ferrari e il quinto di Sainz sono narrazioni per giovani imbranati: se fosse vivo il ‘Drake’, nel suo ufficio dalle mattonelle gialle come da Niki Hasler sarebbero volate parole grosse, penne e stracci. Il signor Binotto deve rendersi conto che dopo avere menato il torrone per oltre 20 mesi, dicendo che sarà il 2022 l’anno in cui giudicare la vera Ferrari, a forza di spostare l’asse temporale dell’attesa si è messo in un vicolo cieco: se tutto andrà bene avrà solo fatto il suo dovere, se tutto andrà male, o anche solo così così, sarà lapidato sulla pubblica piazza, che di questi tempi sono giornali e social. Se John Elkann è arrivato a pensare seriamente di riprendere a bordo Jean Todt dopo che le relazioni si erano rotte in modo complesso (non diciamo altro per evitare noie legali), questo la dice lunga su un problema che attanaglia la Ferrari, dalla produzione alle corse: totale assenza di un vero leader che conosca quel mondo, non quello dei semiconduttori.

Quanto ad Hamilton, questo Mondiale l’ha perso prima, non domenica, con quel picco negativo di performance a metà campionato, nonostante le due uscite di Verstappen. Perché, oggettivamente, per l’intera stagione oltre che dalle sue capacità l’inglese è stato aiutato da una fortuna sfacciata: quando si rompeva un pezzo era quello di Bottas, se capitava un pit stop un poco più lungo del solito era quello del finnico, e via dicendo. Ma se il concentrato di sfortuna gli è stato servito tutto all’ultima gara sotto forma di qualche disordine gestionale Fia, resta il fatto che spesso il sette volte campione del mondo non sia stato supportato dalle strategie del muretto, non al pari di quello di Horner. Questo è ciò che l’ha davvero privato dell’ottavo sigillo, non la confusione di Abu Dhabi.

Poi ci sono Alfa Romeo e Sauber, il cui nome ci aveva fatto sognare, a giusta ragione, ma la morte di Marchionne ha reso il percorso completamente diverso rispetto al progetto iniziale, perso nei corridoi torinesi nel corso di un acquisto di Psa su Fca spacciato per sinergia (la parola magica delle bugie), salvato in extremis dalla sincera passione corsaiola di Carlos Tavares e Jean Philippe Imparato, i due manager che però ora chiederanno conto a Fred Vasseur di un nono posto opaco e sterile. Certo che la relazione pessima del francese con Binotto non abbia aiutato per nulla, ma così è. Toccherà ai piloti Valtteri Bottas e Guanyu Zhou fare qualcosa insieme ai tecnici, e il budget cup potrebbe aiutare.

Sì, perché nel 2022 cambieranno davvero molte cose, e ve le racconteremo presto. Poche illusioni, comunque, perché i grandi resteranno tali e i piccoli idem. E non ci saranno enormi cambiamenti di classifica: soltanto Lewis Hamilton avrà un anno in più e molta fame, contro un Max Verstappen carico e sicuro del suo valore.

L’addio di Iceman

‘In quest’ambiente gli amici non esistono’

Kimi Raikkonen, 42 anni, entrato in F1 alla Sauber nel 2001 in virtù di un patentino speciale perché al tempo era ancora minorenne, campione del mondo con la Ferrari nel 2007 (ultimo titolo del Cavallino, per intenderci) e capace d’interrompere brevemente la carriera in F1 per passare ai rally: un’icona di pilota, che ha battuto il record di Gp di Barrichello ed è il più amato dai tifosi dopo Michael Schumacher. Chiamato IceMan poiché capace di mutismi imbarazzanti a conferenze stampa e incontri con sponsor, in realtà nel privato e con la gente del team è uomo capace di risate e goliardie inimmaginabili, e ha pure versato qualche lacrima commossa pochi giorni fa a Hinwil quando ha salutato il personale col figlio in braccio. Gli abbiamo chiesto come sarà il dopo, lui ha risposto così. «La F1 non è tutto nella vita: sarà bello dedicarsi alla famiglia, a mia moglie, vedere crescere i figli. La F1 è solo una parte: non mi pesa smettere, era prevedibile».

Intanto tuo figlio Robin sta iniziando con i kart: «Mi pare che in Svizzera si possa iniziare a gareggiare a 7 anni, in Finlandia invece prima. Per ora deve solo divertirsi e non pensare a nulla, poi vedremo».

Qualche rimpianto, nel lasciare la F1? «In questo ambiente non ci sono amici – dice, schietto –. Ci sono persone con cui lavori molto, intensamente, e si spera bene: però non sono tuoi amici. Se sei il campione del mondo ti trattano bene, poi il giorno dopo se ne dimenticano. Ma è giusto che sia così. Ecco perché è bello smettere: vuole dire tornare liberi di vivere una vita vera. Questa era una specie di finzione votata al risultato, in uno sport che ho amato e amerò per sempre. Ma fuori è diverso, è del fuori che ora ho voglia, che ci crediate o meno. Quindi per me quella di lunedì è stata una giornata splendida, in una vita da vivere».

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved