Cagliari
Sampdoria
12:30
 
Cagliari
Sampdoria
12:30
 
silverstone-e-giunta-l-ora-del-cambiamento
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Sci
2 ore

Il sorriso resiliente di Mélanie Meillard

Tre gravi infortuni e quasi 4 anni passati a ricostruirsi come atleta non hanno scalfito la passione e l’ambizione della 23enne di Hérémence.
Calcio
13 ore

Marchesano inventa per Ceesay e lo Zurigo affonda il Lugano

Al Letzigrund nel match d’alta classifica un Lugano privo di Bottani non riesce a tirare in porta una sola volta e viene punito dal suo ex attaccante
Hockey
14 ore

Lugano, ‘con Hudacek più respiro a McSorley’

Domenichelli fa il punto alla situazione degli stranieri: ‘L’eventuale ingaggio di un altro giocatore non sarà per prima di metà novembre’
Hockey
14 ore

Non basta il doppio vantaggio: Ambrì battuto a Berna

I biancoblù disputano un ottimo primo tempo e una buna prestazione, ma pagano le numerose occasioni mancate e le fatiche del derby
Hockey
14 ore

Il Davos non fa sconti a un Lugano incerottato

Niente da fare alla Cornèr Arena, superati dalla compagine di Wohlwend grazie alla doppietta di Ambühl
Hockey
22 ore

Libor Hudacek approda al Lugano

Hnat Domenichelli: ‘Libor è un attaccante di talento che può giocare sia al centro sia all’ala destra’. Lo slovacco resterà fino al termine della stagione
VELA
1 gior

Un martedì a Tenero, dove la vela è donna

Al Centro sportivo nazionale una serata dedicata alle regate al femminile, aperta a chi è in attività o a chi vuol avvicinarsi a quell’affascinante realtà
DOPOPARTITA
1 gior

Il sollievo di Cereda. ‘Ho detto ai ragazzi di non panicare’

Nel terzo derby l‘Ambrì ritrova il successo. ‘Lo dovevamo ai nostri tifosi’. Mentre il Lugano vuol correggere il tiro. ’Dischi profondi e più precisi’
Gallery
Hockey
1 gior

È il guizzo di capitan Fora a risolvere il derby

La terza stagionale tra Ambrì Piotta e Lugano si decide in un finale che dà le maggiori emozioni
Hockey
1 gior

Decide l’insistenza di Fora: il terzo derby è dell’Ambrì

Il derby numero 242 della storia viene deciso a meno di due minuti dalla sirena: Lugano costretto alla resa dal tocco sotto porta del capitano biancoblù
SCI
1 gior

Mikaela Shiffrin tra tecnica e velocità

Dopo due anni difficili per motivi personali, la statunitense è pronta a gareggiare in tutte le competizioni, in particolare alle Olimpiadi di Pechino
CALCIO
1 gior

Semine - Locarno, c’è pure una denuncia penale

L’ha depositata un giocatore bellinzonese, colpito violentemente alla testa durante la rissa e costretto a tre giorni di ospedale
Calcio
1 gior

Servirebbe una macumba, contro Marchesano e lo Zurigo

Domani al Letzigrund il Lugano si gioca il terzo posto con una squadra e un giocatore che mal digerisce (4 sconfitte filate e 6 gol subiti dal ticinese)
FORMULA 1
16.07.2021 - 22:030

Silverstone, è giunta l'ora del cambiamento

Là dove nel 1950 si disputò il primo Gp della F1 moderna, sono state presentate le monoposto per il 2022 e si è modificato il metodo di qualifica

Era da molto tempo che tifosi, giornalisti, piloti, sponsor si lamentavano di quanto i Gp di Formula Uno fossero divenuti noiosi e spesso anche soporiferi. Ora assistiamo al primo di una serie di cambiamenti a lungo attesi, pianificati certo, ma che conoscono un'accelerazione rilevante sotto la conduzione di Stefano Domenicali, profondo conoscitore del mestiere e della realtà di questo sport, quale Ceo di Liberty Media.

Tutto ha avuto inizio giovedì, in realtà, quando è stata presentata la F1 del 2022, o per meglio dire, la maquette che però regala già chiari orientamenti anche in questo caso votati a rendere più divertenti le competizioni. Prima di tutto vengono abolite molte propagini aerodinamiche e puliti i flussi conseguenti, con monoposto che dovranno stare in pista per loro conto e non con mille sussidi di stampo aeronautico. Poi cambiano gli pneumatici che diventano da 18 pollici, sono più grandi a fronte di una monoposto più corta di ben 20 centimetri. L'alettone posteriore è molto pulito e convoglierà un'altro tipo di turbolenza semplificata verso il muso anteriore del concorrente che segue. Lo schema delle sospensioni cambierà e in generale le azioni sono state condotte per ridare fiato a un Mondiale che da troppo tempo era alquanto asfittico.

A Silverstone tutto cominciò nel lontano 1950, prima gara della F1 intesa come lo è oggi, e spetta al circuito britannico nel 2021 essere portatore del più grande cambiamento di setting dello show, da lungo tempo a questa parte.

Si tengono delle prove libere al weekend, poi 3 set di qualifica chiamati Q1, Q2 e Q3. Nelle prime due, tutti i team corrono con uguali coperture, nella 3, in programma nel tardo pomeriggio, i team scelgono liberamente e il tempo che viene staccato serve per la corsa sprint del sabato. 

Qui sta la novità più profonda. I piloti scendono in pista per una gara di 100 km, nel caso di Silverstone 17 giri, nei quali possono competere in modo libero. Non è ammesso alcun cambio gomme e rifornimento, quindi competizione pura nella quale spingere oltre al limite della gara della domenica.

La griglia di partenza della domenica sarà sancita dal risultato del sabato, che apporta 3 punti al primo, 2 al secondo e 1 al terzo. Sarà possibile riparare i guasti occorsi durante la micro competizione. Corretto prevedere molto combattimento libero.

Gli altri due Gp sperimentali che testeranno la nuova formula saranno Monza e Interlagos (ammesso che si disputi, se del caso sarà cercata una nuova pista) e qualora il nuovo format riscontrasse successo e gradimento, diventerebbe lo standard per tutte le gare del Mondiale 2022. Un problema anche di palinsesto televisivo, specie per le emittenti generaliste come la nostra Rsi, perché gli appuntamenti da seguire crescono e vanno a scontrarsi con esigenze di prime-time. Inutile fasciarsi già la testa, attendiamo e domenica potremo giudicare serenamente.

Insomma ci attende un vero weekend di corsa con l'abbandono per ora temporaneo del format delle qualifiche, invero alquanto prevedibile almeno sino quando non arrivassero le ultime 10 monoposto.

Tornando invece al tema della monoposto 2022, come potete osservare dalla fotografia essa vuole raggiungere anche gli obiettivi del budget cap, quello di contenere i costi per i team da un lato e di permettere ad altri costruttori di accedere al Mondiale, non più frenati da un investimento di denaro troppo rilevante.

Nei tempi passati, prima della crisi della finanza e del sistema fiscale di controllo sullo sponsoring (si potrebbe scrivere un libro sul tema), il sabato delle qualifiche in F1 era così lungo che alcune squadre potevano girare per poi essere totalmente escluse dalla gara della domenica. Più di recente, si avevano 26 monoposto in griglia: Domenicali ha questo mandato, salvare la F1 dal tracollo finanziario, apportare nuovi argomenti e gestire lo show.

La Haas è in vendita e anche per questa ragione nella stagione in corso non è stata oggetto di upgrade tecnologici come sarebbe stato utile.

Nelle qualifiche valide a definire lo schieramento di domani, Hamilton per la prima volta dal Gp di Spagna riesce per ora a piazzare il miglior tempo per poco più di 70 millesimi su Verstappen. Eccezionale il crono di Russell che è giunto ottavo in un momento di recupero della Williams dopo anni di oblio. Tutto il resto nella norma.

Una buona notizia per concludere: Alfa Romeo e Sauber hanno deciso di proseguire almeno sino alla stagione 2023 la collaborazione con un rinnovato impegno bilaterale. In particolare, il personale ingaggio di Carlos Tavares, Ceo di Stellantis, e Jean Philippe Imparato, Ceo Alfa Romeo, – anche contro molti pareri avversi in seno all'azienda – sta a significare mezzi e sinergie, ma anche attesa, finalmente, di veri risultati. È tempo che un nome come Alfa Romeo splenda in F1 e non sia solo frutto di un deal per pagare una fattura di propulsori Ferrari.

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved