CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
pugilato
19 min

Tiago Pugno diventa professionista

Il 30enne pugile ticinese è ora alla ricerca di risorse economiche per lanciare al meglio la seconda parte di carriera
TENNIS
26 min

La Svizzera sfida la Germania con un Wawrinka nel motore

Coppa Davis, da venerdì a domenica a Treviri affronta la squadra del campione olimpico Alexander Zverev
Altri sport
1 ora

Tom Brady annuncia il (nuovo) ritiro

L’uomo dei record, 45 anni, ha detto in un video che lascerà il football, stavolta ‘per davvero’
Hockey
2 ore

Ecco i 25 convocati di Fischer per i Beijer Hockey Games

Si gioca a Zurigo e Malmö, con Fora, Mirco e Marco Müller, Thürkauf, Heim, Eggenberger e Bichsel
Calcio
3 ore

Non valido il contratto di Ziyech al Psg

I documenti relativi al trasferimento dal Chelsea sono giunti fuori tempo massimo alla Lega francese di calcio
Hockey
11 ore

L’hockey stravagante di Sankt Moritz ’48

75 anni fa, al termine di una lunga pausa forzata, per ospitare i primi Giochi dopo la pace ritrovata furono scelte la Svizzera e le nevi engadinesi
il dopopartita
16 ore

L’Ambrì espugna Zugo ‘con la testa e con la lotta’

Uno spunto di Heed dopo 14" di overtime regala la decima vittoria da due punti ai suoi. Pestoni: ‘Ora sottovalutare l’Ajoie sarebbe un errore gigantesco’.
IL DOPOPARTITA
16 ore

Lugano in bianco in un martedì nero. ‘Questione di feeling’

Cinque schiaffi nel primo tempo, triste primato di una partita che si spegne subito. Gianinazzi ‘Probabilmente, un domani gestirei la cosa diversamente’
Altri sport
17 ore

Hockey su prato, Lugano promosso in Serie B Indoor

Decisivi i due successi ottenuti contro Grasshopper e Berna al torneo finale di Prima Lega a Zurigo
Hockey
18 ore

Tim Heed regala due punti d’oro all’Ambrì Piotta

Ottima prestazione dei leventinesi a Zugo: la sfida ha premiato la truppa di Cereda, vittoriosa 3-2 dopo l’overtime
Hockey
18 ore

Nuovo tonfo del Lugano, gode il Friborgo

Dolorosa sconfitta per la truppa di Luca Gianinazzi: ospiti padroni totali alla Cornèr Arena e vincenti per 6-1, con cinque gol nei primi 20’.
Unihockey
21 ore

Ticino fermato dal Kloten

I bellinzonesi, sconfitti in casa dai Jets 7-3, chiudono settimi in classifica e sfideranno nei playoff l’Ad Astra
CALCIO
13.11.2022 - 18:31
Aggiornamento: 19:48

Il Lugano chiude il 2022 con tre punti e il quarto posto

I bianconeri salutano un anno di grandi successi con una vittoria contro il Winterthur firmata dalla doppietta di Celar e dal gol di Amoura

il-lugano-chiude-il-2022-con-tre-punti-e-il-quarto-posto

Tre punti in più in classifica per andare alla pausa al quarto posto, appena due lunghezze dietro il Servette (secondo), anche se lo Young Boys fa corsa solitaria in testa con +12 sui bianconeri. Nell’ultima apparizione a Cornaredo, gli uomini di Mattia Croci-Torti hanno colto un importante successo – per quanto al termine di una prestazione non eccelsa – contro il Winterthur, appena quattro giorni dopo la vittoria negli ottavi di finale di Coppa Svizzera.

La prima emozione arriva dopo appena 6’. Una palla recuperata dalle parti dell’area del Winterthur permette a Valenzuela di andare alla conclusione dal limite. Sulla traiettoria si frappone involontariamente Arnold che smorza il tiro e, di fatto, mette Celar davanti a Pukaj. Lo sloveno insacca e il Var convalida. Al 15’ il Lugano crede di aver messo in cassaforte i tre punti: su un centro dalla sinistra di Steffen, la palla arriva a Celar che da dentro l’area lascia partire un diagonale rasoterra sul quale Pukaj non può intervenire. Il Winterthur, però, trova la forza di reagire, agevolato da una difesa bianconera nella circostanza troppo statica. Al 20’ Di Giusto trova l’inserimento… giusto tra Doumbia e Mai, entra in area, approfitta dello scivolone di Arigoni e si presenta davanti a Saipi per il tocchettino che riporta gli zurighesi a meno uno.

A questo punto il Lugano si addormenta, smette di giocare e lascia l’iniziativa in mano agli ospiti, i quali al 29’ si creano una ghiotta occasione con Di Giusto che si inserisce ancora approfittando di un rinvio mancato di Valenzuela, mette in mezzo per l’accorrente Büess, ma il numero 9 arriva all’appuntamento in anticipo e la palla gli sfila alle spalle. Nel finale di primo tempo i padroni di casa si riorganizzano, pur commettendo qualche leggerezza di troppo.

A inizio ripresa, il Lugano si crea subito un’occasione, con Steffen che arriva un attimo in ritardo sulla bella verticalizzazione di Haile-Selassie. Al 53’ una respinta di testa di Daiby dà a Bislimi la possibilità di andare alla conclusione da posizione molto favorevole, ma l’ex Sciaffusa spara alle stelle. Tra il 56’ e il 57’ altre due opportunità bianconere, dapprima con una di Steffen sull’esterno della rete, poi con un’incursione di Haile-Selassie al quale non riesce lo scavetto, peraltro da posizione molto defilata, per superare Pukaj in uscita.

Risponde il Winterthur al 61’ con un numero di Di Giusto sulla linea di fondo che ridicolizza Valenzuela, con annesso cross e conclusione in scivolata di Burkart, troppo centrale però per sorprendere Saipi. Nel finale di partita, altre due occasioni per i bianconeri, entrambe con Babic: dapprima una conclusione di poco alta, subito dopo una deviata di piede dal portiere del Winterthur. Gli ospiti si gettano in avanti e il Lugano trova spazi per le ripartenze che non riesce però a finalizzare, come quando all’86’ Steffen si ritrova davanti a Pukaj su un preciso traversone di Bottani (costretto un minuto dopo a lasciare il campo per infortunio): il controllo di petto del nazionale non è preciso e l’estremo difensore zurighese fa in tempo a rimediare. Il gol della sicurezza è soltanto rimandato di pochi minuti. All’89’ Amoura, appena entrato al posto di Bottani, ruba palla a centrocampo e si invola in solitaria verso Pukaj: potrebbe servire al centro il liberissimo Babic, ma preferisce la conclusione personale che si insacca nell’angolino basso alla sinistra del portiere zurighese.

Lugano - Winterthur (2-1) 3-1

Reti: 6’ Celar 1-0. 15’ Celar 2-0. 20’ Di Giusto 2-1. 89’ Amoura 3-1

Lugano: Saipi; Arigoni, Mai, Daprelà, Valenzuela; Sabbatini, Doumbia; Steffen, Bislimi (66’ Macek), Haile-Selassie (66’ Bottani; 88’ Amoura); Celar (77’ Babic)

Winterthur: Pukaj; Gantenbein; Schmid, Arnold, Daiby (82’ Schattin); Abedini (82’ Kryeziu), Corbaz (57’ Seiler); Di Giusto, Ramizi, Burkart (75’ Kamberi); Büess (46’ Manzambi)

Arbitro: Cibelli

Note: 3’140 spettatori. Lugano privo di Mahou (squalificato), Aliseda, Durrer, Facchinetti, Hajdari (infortunati) e Ziegler (non convocato); Winterthur privo di Dakaj, Gelmi, Lekaj (squalificati), Ballet, Costinha, Fayulu, Rodriguez (infortunati), Chiappetta (ammalato). Ammoniti: 33’ Arigoni. 50’ Valenzuela. 57’ Berner. 59’ Ramizi

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved