Losanna
5
Davos
4
fine
(2-0 : 1-1 : 1-3 : 0-0 : 1-0)
Olten
2
GCK Lions
3
fine
(1-1 : 0-1 : 1-0 : 0-0 : 0-1)
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Tennis
34 min

Davis, dopo il venerdì Svizzera e Germania sull’1-1

Il successo di Hüsler non basta: nulla da fare per Stan Wawrinka nel duello con il numero uno tedesco Alexander Zverev
Hockey
1 ora

Ambrì, una sconfitta che non ci voleva

La compagine biancoblù si è inchinata all’Ajoie davanti ai propri tifosi: all’overtime decide tutto un gol di Frossard.
Hockey
1 ora

Il Lugano rialza la testa a Zugo e torna a casa con tre punti

Gli uomini di Luca Gianinazzi riescono nuovamente a prevalere sui campioni svizzeri: 4-1 il risultato finale alla BossardArena
CALCIO
5 ore

Il nuovo ‘Nacho’ ha sete di riscatto

Dopo un anno difficile sul piano personale e deludente in campo, Ignacio Aliseda è tornato sereno: ‘Voglio mostrare al Lugano tutte le mie qualità’
Formula 1
6 ore

La Ford torna in Formula 1 con la Red Bull

Il costruttore automobilistico statunitense fra tre anni farà ritorno nel Circus che aveva abbandonato nel 2004
sci nordico
6 ore

A Dobbiaco cade Nadine Fähndrich

La lucernese fuori in semifinale (come Valerio Grond tra gli uomini) e perde la testa della Coppa del mondo di sprint
ATLETICA
6 ore

Sepulveda Moreira e Tahou brillano nei 60 metri

Ai campionati ticinesi di sprint e ostacoli che a Locarno hanno chiuso la stagione indoor
Basket
7 ore

Domenica di festa per la Sam, per il Lugano invece cerotti

A Nosedo arriva il Monthey, nel pomeriggio in cui verrà celebrato il trionfo in Coppa. I Tigers, invece, vanno a Nyon. ‘Siamo in emergenza’
unihockey
14 ore

Il Ticino è ai playoff ‘e non era evidente’

I rossoblù di capitan Monighetti hanno chiuso settimi la regular season, ora nei quarti c’è l’Obvaldo: ‘Avversario giocabile, ciò che viene, viene’
OLIMPIADI
1 gior

La posizione di Washington: ‘Sì ai russi, ma senza bandiera’

Anche gli americani dicono la loro sulla presenza degli atleti di Russia e Bielorussia a Parigi. ‘Dev’essere chiaro che non rappresentano il loro Paese’
Formula 1
1 gior

È morto Jean-Pierre Jabouille. Aveva ottant’anni

Si è spento l’uomo che segnò l’inizio di un’epoca, portando per la prima volta al successo una vettura turbo sul tracciato di Digione, nel luglio del 1979
CALCIO
1 gior

Preparazione fisica, il tallone d’Achille della Nazionale

Pier Tami ha presentato le conclusioni dell’analisi svolta dall’Asf dopo i Mondiali. ‘Negli ottavi ci stiamo benissimo, per i quarti serve l’exploit’
Calcio
1 gior

Joaquin Ardaiz in prestito al Winterthur

Il 24enne uruguaiano lascia il Lucerna dopo mezzo campionato e un solo gol
nuoto pinnato
1 gior

Nuoto pinnato, Flippers Team in evidenza a Ravenna

Al Trofeo Bizantino Hrechko si impone nei 100 e 200 m monopinna, Smishchenko nei 50 apnea e monopinna e nei 100 monopinna e Del Ponte nei 50 apnea e mono
pallanuoto
1 gior

I Lugano Sharks a Basilea per i quarti di Coppa svizzera

Venerdì all’Eglisee gli uomini di Jonathan Del Galdo vogliono dar seguito al successo sullo Sciaffusa e qualificarsi per il final four
Calcio
1 gior

Varane non vestirà più la maglia ‘Bleu’

Il difensore centrale della Francia ha deciso di lasciare la Nazionale dopo 93 presenze e un titolo mondiale
TENNIS
1 gior

Marc-Andrea Hüsler aprirà le danze in Coppa Davis

Sarà lo zurighese a disputare la prima partita della sfida tra Germania e Svizzera. Nella seconda scenderà in campo Stan Wawrinka
CALCIO
11.11.2022 - 12:28
Aggiornamento: 17:39

La Sfl rinuncia ai playoff a favore del ‘modello scozzese’

L’assemblea della Lega ha smentito la decisione presa sei mesi fa e che aveva suscitato la contestazione dei tifosi. Campana: ‘Occasione persa’

la-sfl-rinuncia-ai-playoff-a-favore-del-modello-scozzese

La Swiss Football League rinuncia ai playoff. Riunita a Berna, l’assemblea generale della Sfl ha deciso, con 12 voti favorevoli e 8 contrari (tra i quali quelli di Lugano e Bellinzona), di soprassedere al progetto di introdurre i playoff per il titolo e per i posti in Europa. A partire dalla prossima stagione (2023-24) verrà invece adottato il "modello scozzese", vale a dire un formula ibrida con 33 turni, ai quali faranno seguito altre cinque partite per le sei migliori classificate. Anche le squadre che avranno chiuso le prime 33 giornate tra il 7° e il 12° posto disputeranno cinque partite supplementari, per altro senza nulla in palio se non la lotta contro la retrocessione. Una modalità che la Sfl aveva già preso in considerazione due anni fa, ma che all’epoca aveva scartato.

Ricordiamo che la decisione di adottare i playoff era stata presa soltanto lo scorso mese di maggio. L’idea, insomma, non è durata neppure sei mesi. La contestazione alla formula decisa dalla Sfl è montata rapidamente, in particolare nel corso delle ultime settimane, quando i tifosi di molte squadre si sono apertamente schierati. Il lancio di una petizione ha raccolto qualcosa come 60’000 firme in pochi giorni, tra le quali anche quelle di alcuni calciatori, ad esempio Breel Embolo.

La maggioranza dei 20 club di Super League ha dunque deciso di accettare la proposta dello Zurigo e del suo presidente Ancillo Canepa e di virare su un "modello scozzese", mentre non ha voluto toccare l’aumento da 10 a 12 delle squadre di Super League. La sorte dei playoff appariva scontata già prima dell’inizio della riunione. Nelle scorse settimane diversi club avevano apertamente appoggiato la proposta dello Zurigo e proprio poco prima dell’inizio dell’assemblea, anche il Basilea, che fin lì aveva mantenuto un profilo basso, ha dichiarato in un comunicato stampa di voler votare contro un finale di campionato a eliminazione diretta.

Quello legato ai playoff non era l’unico tema all’ordine del giorno. I delegati hanno infatti accettato una proposta di Winterthur, Vaduz e Wil in merito all’adattamento delle esigenze in materia di stadi per la partecipazione alla Super League. D’ora in poi, la capienza minima di uno stadio sarà di 5’000 persone, almeno il 20% delle quali sedute, il settore ospiti dovrà avere almeno 600 posti e sarà possibile disputare una stagione nella massima categoria nonostante uno stadio omologato per la Challenge League, a patto che vengano regolate immediatamente le richieste in materia di sicurezza e di media elettronici (ad esempio l’intensità luminosa dei fari).

Campana: ‘Peccato, adesso guardiamo avanti’

Michele Campana, membro del comitato della Swiss Football League si dice amareggiato per la decisione presa dall’assemblea... «Permetto di parlare in quanto membro Sfl e non con la pettorina dell’Fc Lugano. A mio modo di vedere è stata persa una grossa occasione per portare qualcosa di innovativo e coraggioso all’interno del calcio svizzero. Secondo me e secondo la maggioranza del comitato, quello dei playoff era il modello più adatto per affrontare le sfide future del nostro movimento, avrebbe reso la Lega più attrattiva per le nuove generazioni e per le televisioni, con la drammaticità di partite decisive. Purtroppo, non si è avuto coraggio a sufficienza. In democrazia, però, le decisioni a maggioranza vanno accettate – non come fatto dopo il voto di maggio... –, ragion per cui bisogna guardare avanti. Per la credibilità del calcio svizzero ritengo che per i prossimi cinque o sei anni nessuno abbia voglia di rimettere in discussione questo format. Così, però, ci ritroviamo con un calendario di 38 partite contro le attuali 36, con l’Uefa che prossimamente chiederà altre quattro date a sua disposizione e con una Coppa Svizzera che rischia di pagare le conseguenze di questa politica».

Con il "modello scozzese" non è detto che tutti disputino lo stesso numero di partite casalinghe... «Con 12 squadre non esiste un formato ideale. Ogni squadra giocherà 33 partite (3 turni da 11, ndr), più cinque sfide per il titolo e cinque contro la retrocessione, per un totale di 38. Si cercherà di fare in modo che a fine stagione le squadre abbiano disputato lo stesso numero di partite in casa e in trasferta contro ogni avversario, ma non è detto che sia possibile. Se non dovesse essere il caso, si cercherà di compensare nel corso degli anni successivi».

Senza più pathos già a Natale...

La decisione odierna, di fatto, pone una pietra tombale sull’introduzione dei playoff nel calcio, disciplina che si erge a ultimo baluardo di una supposta sacralità sportiva. Il mondo del pallone rimane infatti l’unico, nell’ambito degli sport di squadra, a restare ostinatamente contrario a una formula a eliminazione diretta. I fautori del "modello scozzese" asseriscono che i playoff non garantiscono che a vincere il titolo sia la squadra più forte e, di conseguenza, in Champions League potrebbe andarci anche una società meno attrezzata. Secondo la formula voluta dalla Sfl, i playoff per il titolo si sarebbero limitati a una finale al meglio delle tre partite tra la prima e la seconda, in Champions non ci sarebbe dunque potuta andare l’ottava. Ma, come sempre, il calcio, forse in quanto sport più popolare al mondo, crede di sapere una più del diavolo, nonostante sia l’unico a vedere nei playoff una catastrofe invece di un’opportunità. Vale per i dirigenti, come vale per i tifosi, i quali non si fanno problemi (anzi!) a esaltarsi quando nell’hockey si conclude la regular season e iniziano, finalmente, le cose serie. E così, la Swiss Football League continuerà a incoronare il campione nazionale praticamente a metà stagione (quest’anno il titolo sembra già promesso allo Young Boys e non siamo nemmeno a Natale!): nelle ultime otto stagioni la differenza media di punti tra la prima e la seconda è stata di 16,4. Per l’assegnazione del titolo di pathos non ce n’è, ci si accontenterà di trepidare per un posto nel primo turno di qualificazione in Europa o Conference League, oppure per una retrocessione evitata all’ultimo respiro...

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved