CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
3 ore

Flamenco nel pallone, Al Hilal in finale

La formazione saudita batte 3-2 i brasiliani e approda all’atto decisivo del Mondiale per club, dove sfiderà il Real o gli egiziani dell’Al Ahly
HOCKEY
5 ore

Gdt Bellinzona, è ancora tempo di emozioni

Dopo la semifinale di Coppa persa contro il Martigny, che quel trofeo l’ha poi vinto, da giovedì spazio alla magia playoff. ‘C’è il livello per salire’
Salto con gli sci
8 ore

Mondiali, Simon Ammann ci sarà

Il ‘Folletto del Toggenburgo’ farà parte del contingente rossocrociato per le gare iridate di Planica, previste dal 21 febbraio al 5 marzo
Atletica
8 ore

Moggi e Petrucciani da record a Macolin

I due ticinesi dell’Lcz tra i grandi protagonisti nel weekend, ma da segnalare ci sono anche i due primati di categoria stabiliti da Laura Torino Imberti
COSE DELL'ALTRO MONDO
8 ore

Una squadra in Europa? No, meglio quattro

La Nfl sta pensando di sbarcare sul Continente con un’intera division. Un’idea che non andrà in porto prima di un decennio, viste le molte incognite
Sci
9 ore

Lara a difesa del suo titolo iridato

In programma mercoledì a Méribel il superG femminile, con la ticinese – campionessa in carica – ovviamente fra le favoritissime
NATIONAL LEAGUE
10 ore

Il Berna mette le mani su Josh Teves

Il ventisettenne difensore canadese rinforzerà gli Orsi fino al termine della stagione: arriva dai finlandesi dell’Jyväskylä
Formula 1
10 ore

Nuovo look per l’Alfa Sauber

Livrea rosso-nera per la vettura del team con sede a Hinwil, che conferma i piloti Bottas e Zhou nel Mondiale che scatta il 5 marzo in Bahrain
Parigi 2024
10 ore

‘Niente russi finché c’è la guerra’

Anne Hidalgo, sindaca della capitale francese, cambia idea: ora è contraria alla presenza di Mosca alle Olimpiadi di Parigi del 2024
Sci
11 ore

Combinata d’oro per Pinturault

Sulle nevi di casa, il veterano francese precede sul podio gli austriaci Schwarz e Haaser. Rossocrociati senza acuti
Basket
12 ore

Calendari troppo fitti e time out sprecati

Fra i problemi del nostro basket c’è l’uso spesso improprio e controproducente da parte degli allenatori dei minuti di sospensione
Sci
14 ore

Pinturault al comando dopo il superG

Nella combinata iridata di Méribel-Courchevel, Meillard chiude solo 12° la prova veloce, staccato di 1"34 dal francese. La manche di slalom alle 14.30
Calcio
14 ore

Terremoto in Turchia, ritrovato vivo Christian Atsu

Il ghanese ex Chelsea e Newcastle, che figurava fra i numerosissimi dispersi, è stato tratto in salvo dalle macerie provocate dal sisma
Calcio
14 ore

Alex Frei esonerato

Il Basilea, in profonda crisi, ha deciso di cambiare l’allenatore che aveva ingaggiato soltanto la scorsa estate
PODISMO
15 ore

Sono Roberto Delorenzi ed Elena Roos i nuovi campioni di cross

Questo l’esito dopo l’ultima prova di Coppa Ticino, andata in scena nel weekend sul tortuoso circuito di 1,5 km disegnato dalla Sam in zona Malombra
BASKET
1 gior

LeBron James e Kareem Abdul-Jabbar, così simili e così diversi

Martedì contro Oklahoma o giovedì contro Milwaukee, ‘Lbj’ strapperà a ‘Kaj’ il record di punti segnati nella Nba
Angolo Bocce
1 gior

Riccio e Cadei firmano la prima gara di categoria B

A Lugano i due locarnesi della Stella si aggiudicano con un sofferto (ma meritato) 12-10 la finale che li opponeva a Silvia Lanz e Rocco Caggiano
SCI ALPINO
1 gior

I Mondiali si aprono con l’argento di Wendy Holdener

La svittese ha chiuso al secondo posto la combinata, alle spalle dell’italiana Brignone. Fuori alla terz’ultima porta Shiffrin, male Michelle Gisin
Hockey
1 gior

Heim salta la Nazionale, Rüfenacht torna sul ghiaccio

Ad Ambrì si attende di conoscere l’entità del problema del bernese e di quello di Kneubuehler. Forze nuove in arrivo per Luca Cereda
Volley
1 gior

Le ragazze del Bellinzona guadagnano due punti

Dopo un buon avvio, le ticinesi subiscono la reazione dell’Aarau, ma alla fine riescono comunque a imporsi al tiebreak
03.09.2022 - 23:09
Aggiornamento: 04.09.2022 - 22:33

Steffen e Amoura regalano al Lugano tre punti fondamentali

Al Letzigrund, trasformato in un campo di patate da un paio di concerti, i bianconeri superano con un po’ di fortuna uno Zurigo sempre più in crisi

steffen-e-amoura-regalano-al-lugano-tre-punti-fondamentali
Keystone
Zan Celar in un duello aereo con Kryeziu

Quando ormai a un Lugano un po’ stanco – e quasi scomparso nella ripresa – pareva andare più che bene il pareggio, un cross dalla sinistra di Valenzuela su cui il neoentrato Amoura si avventa come un rapace per superare di testa il portiere zurighese Brecher regala ai bianconeri una vittoria provvidenziale che lo fa salire in classifica a quota 9 punti. E scaccia, almeno per il momento, un po’ di dubbi e preoccupazioni. Senza dubbio, non poteva cominciare meglio l’avventura bianconera di Renato Steffen, giunto a Lugano nelle ultime ore utili di mercato, subito titolarizzato e già in gol dopo meno di cinque minuti al termine di un’azione straripante di Haile-Selassie sulla sinistra: palla per Celar, tocco quasi impercettibile ma molto intelligente e conclusione a colpo sicuro dell’accorrente neoacquisto proveniente dal Wolfsburg.

Gli uomini di Croci-Torti, che nel primo tempo hanno la fortuna di giocare nella metà meno disastrata del terreno del Letzigrund – devastato da un paio di recenti concerti – sembrano in totale controllo del match, finché al 24’ subiscono (tanto per cambiare in modo sfortunato) la rete del pareggio zurighese, firmata da Tosin dopo un paio di rimpalli favorevoli. A quel punto, il Lugano si spegne e la partita perde la verve che l’aveva caratterizzata nei primi minuti, eccezion fatta per un’occasione capitata sui piedi di Celar, servito benissimo da Bottani, ma precipitoso nel calciare addosso al portiere avversario. I padronidi casa rispondono soltanto con un bel tiro di Guerrero, che finisce di poco alto, forse per colpa dell’irregolarità del manto (ben poco) erboso. Allo scadere di un primo tempo giocato a lungo malino da entrambe le squadre, si mette in mostra anche Bottani: una sua conclusione deviata da Haile-Selassie mette in difficoltà Brecher, costretto a deviare in angolo. Sugli sviluppi del corner, buon tentativo di Arigoni, sfortunato.

La ripresa mostra uno Zurigo più intraprendente: quasi sempre suo il pallino del gioco, così come le conclusioni. Il Lugano non riesce a costruire vere occasioni, se non qualche accenno di contropiede, senza mai però concretizzarlo. L’unica vera chance per i bianconeri, oltre a un bel sinistro a giro di Steffen uscito non di molto, viene da Sabbatini, che al 52’ chiama in causa il portiere avversario. Fortunata in un paio di circostanze la difesa sottocenerina: dapprima su una ripartenza di Tosin – che è troppo egoista – e poi su una palla crossata bassa dalla sinistra su cui un paio di attaccanti zurighesi si avventano con un ritardo infinitesimale.

Le sostituzioni operate da Croci-Torti paiono prudenti, e sembrano non incidere. Ma poi, giusto allo scadere del 90’, i bianconeri trovano il nuovo e definitivo vantaggio con Amoura (subentrato a Bottani), che si lancia di testa su un bel cross dalla sinistra di Valenzuela e batte Brecher. Il Lugano, ancora in cerca di una sua vera identità, coglie il terzo successo in campionato (di nuovo fuori casa), mentre per lo Zurigo fanalino di coda la notte si fa sempre più buia. I tigurini si consoleranno con l’Europa League, ma se giovedì giocheranno così contro l’Arsenal, ci sarà poco da stare allegri.

Zurigo – Lugano: 2-1 (1-1)

Letzigrund: 10’360 spettatori
Reti: 5’ Steffen (1-0), 24’ Tosin (1-1), 90’ Amoura
Ammoniti: 9’ Mets, 19’ Celar, 26’ Avdijai, 60’ Rohner
Arbitro: Dudic
Zurigo (3-4-1-2): Brecher, Omeragic, Kryeziu, Mets (46’ Aliti), Boranijasevic, Dzemaili (65’ Krasniqi), Selnases, Adrià Guerrero (86’ Santini), Avdijaj (65’ Conde), Tosin, Rohner (65’ Okita); (Kostadinovic, Kambery, Hornschuh, De Nitti). All. Foda

Lugano (4-2-3-1): Saipi, Valenzuela (94’ Hajdari), Daprelà, Mai, Arigoni, Sabbatini, Doumbia, Haile-Selassie (75’ Bislimi), Bottani (75’Amoura), Steffen (64’ Mahou), Celar (64’ Babic); (Osigwe, Mahmoud, Macek). All. Croci-Torti

Le pagelle

Saipi 4,5: Incolpevole sull’1-1 dei tigurini, resta praticamente disoccupato nel primo tempo. A inizio ripresa, una sua indecisione in uscita per poco non regala il gol ai tigurini. Attento in altre 2-3 occasioni.

Valenzuela 4,5: Toccato duro dopo pochi minuti da Avdijai (che forse meritava il rosso), mostra buona intesa con Daprelà e soprattutto serve l’assist a Amoura per il gol-vittoria. Nella sua zona lo Zurigo non porta troppi pericoli.

Daprelà 4: Sfortunato sul gol dell’1-1 zurighese, quando serve involontariamente Tosin. Poi svolge discretamente il proprio lavoro, concedendo tutto sommato poco alle punte avversarie.

Mai 3: Torna titolare e sbaglia qualche pallone nel primo tempo, anche perché nella sua zona il campo è in condizioni pietose. Spesso in ritardo nelle chiusure, mostra cose leggermente migliori nella ripresa, ma mostra insicurezza. Il tedesco deve ancora crescere parecchio.

Arigoni 4: Sfrutta la prestanza fisica di cui è dotato, appena può si spinge avanti, e se c’è da concludere non si tira indietro. Nella ripresa soffre un po’ la velocità degli attaccanti tigurini.

Sabbatini 4: Anche lui purtroppo – specie nei primi 45’ – si trova a giostrare nel mezzo di ciò che pare un campo bombardato e non è troppo preciso negli appoggi. Insieme a Doumbia, si trova spesso in inferiorità numerica in mezzo al campo.

Doumbia 3,5: Sbaglia qualche appoggio e qualche chiusura, pare meno mobile rispetto a quanto visto contro il San Gallo. Forse non al massimo della condizione, tira la carretta fino alla fine.

Haile-Selassie 4,5: Pareva non dovesse essere titolare, invece è fra i migliori. A tratti incontenibile nel primo tempo, sia a sinistra sia quando si accentra. Straripante nell’azione del gol di Steffen in apertura di gara. Cala nella ripresa.

Bottani 4,5: Rientrante, nei primi minuti mostra voglia e movimento, poi sparisce un po’, come tutta la squadra. Poi si riprende bene, e Omeragic e gli altri difensori non sono mai tranquilli quando il pallone finisce sui suoi piedi.

Steffen 5: Incurante dei continui fischi dei tifosi zurighesi, debutta segnando dopo cinque minuti scarsi. Corre parecchio, si dà da fare, arretra in cerca del pallone, dialoga già abbastanza bene coi compagni di reparto. Un bel sinistro a giro nella ripresa, lascia il campo – stanchino – a mezz’ora dal termine.

Celar 3,5: Prezioso il suo tocco breve per Steffen sulla rete dell’1-0, ma ancora non riesce a incidere come potrebbe. Lontano dal giocatore visto la scorsa primavera, perde qualche palla di troppo. Nel primo tempo spara sul portiere Brecher un pallone che Bottani gli serve al bacio. Smarrito.

Amoura 5: Entra al posto di Bottani e allo scadere, con coraggio e tempismo, firma il gol vittoria: risolutivo.

Bislimi e Mahou, S.V: Stavolta i cambi effettuati da Croci-Torti non incidono troppo, se non nel caso di Amoura.

Croci-Torti 4: Finalmente c’è un po’ di fortuna anche per lui, dopo tanti episodi avversi in questo inizio di stagione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved