per-michele-campana-piu-drammaticita-e-meno-partite-morte
20.05.2022 - 18:28
Aggiornamento: 19:36

Per Michele Campana ‘più drammaticità e meno partite morte’

Il direttore operativo dell’Fc Lugano e membro di comitato della Sfl commenta la riforma della Super League, passata a larga maggioranza

Per Michele Campana, direttore operativo dell’Fc Lugano e dallo scorso novembre membro di comitato della Sfl, l’approvazione della riforma in maniera così netta (19 voti favorevoli all’allargamento a 12 e 16 alla formula con playoff) rappresenta una vittoria.

«Come membro di comitato non posso che essere felice – conferma il dirigente bianconero –. Quando siamo entrati in carica (con lui ad esempio anche Marco Degennaro, ndr) ci è stato chiesto di presentare una proposta di allargamento a 12 squadre e una nuova formula. Nonostante i tempi stretti ci siamo riusciti e oggi, dopo praticamente cinque anni dal primo studio per una riforma dei due campionati di Swiss Football League e tre tentativi (di cui l’ultimo non andato a buon fine in particolare a causa della pandemia e dei timori legati a essa), finalmente la riforma è realtà».

Quanto alla formula particolare, Campana sottolinea come «credo sia una prima a livello europeo, ma d’altronde per un campionato a 12 non c’è una formula ideale e abbiamo dovuto inventarne una che tenesse conto degli interessi di tutti. E al netto delle critiche – preventivate in quanto eravamo consci di rompere in un certo senso una tradizione – che secondo me tra cinque anni saranno dimenticate, pensiamo di esserci riusciti. In particolare la nuova formula sposa i desideri delle nuove generazioni che vogliono sempre più drammaticità e incertezza attraverso il maggior numero possibile di partite decisive. Le prime 22 lo saranno per rimanere nei primi sei posti; le successive 10 da una parte per partecipare alla finale, dall’altra per cercare di evitare la relegazione; e alla fine, nel momento più bello dell’anno che è maggio, ci saranno le partite decisive per il titolo, per l’Europa e per la salvezza».

Per la felicità di tutti, televisioni comprese, con le quali bisognerà ridiscutere i termini degli accordi… «Ma non sarà un problema, dai partner principali c’era già un ok di massima. D’altronde per loro questa riforma è quasi un regalo, perché se è vero che avranno qualche costo in più per la produzione delle partite, il prodotto sarà ancora più appetibile, con meno partite morte una fase finale spettacolare».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
michele campana sfl
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved