come-nel-1993-il-lugano-conquista-berna-in-coppa-e-un-trionfo
+6
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
BOXE
4 ore

Il giorno che Mike sbranò le orecchie a Holyfield

25 anni fa su un ring del Nevada Mike Tyson si rese protagonista di un episodio davvero clamoroso
calcio
11 ore

La nazionale femminile demolita dalla Germania

Nella penultima amichevole prima degli Europei le ragazze di Nils Nielsen vengono sconfitte addirittura per 7-0
calcio
11 ore

Il Basilea si aggiudica Zeki Amdouni

Il pezzo pregiato del calciomercato elvetico si accasa ai rossoblù con un prestito biennale con successiva possibilità d’acquisto definitivo
tennis
11 ore

Tennis, la favola di Bellier si conclude contro Bautista Agut

Lo spagnolo elimina l’elvetico nella semifinale del torneo di Maiorca
atletica
12 ore

Us Ascona protagonista nella prima giornata degli Svizzeri

Oro di Gian Vetterli nel lancio del disco, argento di Ajla Del Ponte sui 100 m, bronzo di Emma Piffaretti nel lungo. Mujinga Kambundji da record
nuoto
15 ore

Noè Ponti chiude ottavo nella finale dei 100 delfino

Vince Kristof Milak, mentre Noè crolla nel finale ed è ultimo
ATLETICA
16 ore

Athletissima, si prepara un 200 di grande livello

Presentati i primi nomi della 47esima edizione in programma il 26 agosto. Ma il cartellone definitivo verrà stilato solo dopo Mondiali ed Europei
CALCIO
16 ore

Parte la campagna abbonamenti dell’Fc Lugano

I detentori di una tessera stagionale potranno entrare gratuitamente alla prima partita casalinga di Conference League
CALCIO
17 ore

‘A Lugano per ultimare il mio apprendistato’

Lukas Mai, nuovo difensore centrale dei bianconeri, chiamato a sostituire Maric: ‘La dirigenza mi ha fatto capire di essere davvero interessata a me’
TENNIS
20 ore

A Wimbledon Wawrinka pesca l’italiano Sinner

Subito un pezzo grosso per il vodese, presente a Londra grazie a una wild card. In campo femminile, Golubic contro Petkovic, Bencic contro Wang
CALCIO
23 ore

Il norvegese Ole Selnaes a Zurigo

Il centrocampista ha firmato per una stagione. Il Sion cede in prestito al Winterthur il portiere Timothy Fayulu
NUOTO
23 ore

Sasha Touretski eliminata, resta solo Noè Ponti

La ginevrina non ha superato le batterie dei 50 stile libero e ha chiuso con il 21° tempo. Il ticinese ultimo svizzero ancora impegnato ai Mondiali
Calcio
1 gior

Calendario Liga, il Real debutta ad Almeria

Si gioca dal 14 agosto, il Barça riceve il Rayo, trasferta breve per l’Atletico (Getafe)
Calcio
1 gior

Un centrocampista congolese per lo Zurigo

Jonathan Okita ha firmato per tre anni con i campioni svizzeri
NUOTO
1 gior

Mondiali, Noè Ponti va in finale

Obiettivo raggiunto a Budapest nei 100 delfino. Domani alle 18.44 tornerà in acqua per una medaglia. Roman Mityukov nei 200 dorso ha chiuso al 7. posto
atletica
1 gior

Del Ponte, Petrucciani e tutti gli altri

Ticino come al solito ambizioso ai Campionati Svizzeri assoluti di Zurigo. Spiccano le presenze di Ajla Del Ponte e Ricky Petrucciani
CALCIO
1 gior

Roman Hangarter e Mijat Maric, nuovi acquisti del Team Ticino

Lo zurighese prenderà il posto di Immersi quale responsabile tecnico, mentre l’ex difensore bianconero rivestirà il ruolo di talent manager
15.05.2022 - 15:52
Aggiornamento : 21:47

Come nel 1993 il Lugano conquista Berna: in Coppa è un trionfo!

29 anni dopo il 4-1 rifilato al Grasshopper al Wankdorf i bianconeri si ripetono battendo con lo stesso risultato il San Gallo

Il Lugano ce l’ha fatta. Ventinove anni dopo l’ultima volta e sei dopo la dolorosa sconfitta nella finale del 2016 contro lo Zurigo, i bianconeri hanno vinto la quarta Coppa Svizzera della loro storia superando 4-1 (come nel 1993, quando a cadere era stato il Grasshopper) il San Gallo in un Wankdorf trasformato dai quasi 10’000 sostenitori giunti dal Ticino in una bolgia bianconera. Una storica vittoria conquistata con grinta e cuore ma anche tanta tattica (perfette le scelte di Croci-Torti), intelligenza ed esperienza, in particolare dei giocatori più rappresentativi bianconeri, dagli insostituibili Lavanchy, Custodio e Lovric al capitano di mille battaglie Sabbatini, passando per un Bottani che si è preso infine la meritata rivincita dopo il rigore sbagliato nel 2016. Ma bravi sono stati tutti i luganesi, fuori e dentro dal campo.

Nella splendida cornice da tutto esaurito del Wankdorf (28’500 spettatori) il Lugano è sceso in campo con Saipi tra i pali (grazie all’effetto sospensivo applicato in seguito al ricorso inoltrato dal club contro le due giornate di squalifica per l’espulsione rimediata in campionato contro l’Yb). Davanti a lui una difesa a quattro composta, in assenza dell’infortunato Mijat Maric, dai centrali Ziegler e Daprelà, fiancheggiati da Valenzuela a sinistra e Rüegg (preferito quindi ad Amoura) a destra. A centrocampo in mezzo la coppia formata da Sabbatini e Lovric, con Lavanchy a destra e Custodio a sinistra, mentre Bottani si è piazzato alle spalle dell’unica punta Celar.

In casa San Gallo il tecnico Peter Zeidler ha confermato il portiere di Coppa Watkowiak, davanti al quale si sono piazzati Sutter, Stergiou, Maglica e Schmidt. Quintillà, capitan Görtler e Ruiz nel centrocampo a tre, mentre davanti è toccato al tridente Von Moos, Duah e Quintillà.

Primo tempo: i bianconeri partono a mille (Zelar la sblocca già al 4’) ma poi rallentano

A differenza di quello che si temeva, è stato il Lugano a partire a mille, con Valenzuela entrato nell’area avversaria dopo appena 15 secondi e Custodio che al 4’ si è visto bloccare la conclusione a botta sicura da un avversario. Poco male perché sul successivo calcio d’angolo battuto da Ziegler Celar ci ha messo la testa deviando imparabilmente alle spalle di Watkowiak. Uno scenario ideale per i bianconeri non solo a livello di risultato, ma anche nello sviluppo del gioco, con i sangallesi costretti già a scoprirsi e costretti a concedere spazi ai ticinesi, molto abili e rapidi nelle ripartenze (Bottani in primis, fermato qualche minuto dopo solo dall’ultimo difensore avversario).

Con il passare dei minuti la pressione del San Gallo si è fatta più insistente e dopo un brivido per un’uscita di Saipi non perfetta e una conclusione concessa da buona posizione a Schmidt (che ha però sparato alle stelle), al 21’ si è concretizzata nel gol del pareggio: punizione (provocata da un fallo evitabile di Custodio) dalla destra battuta da Ruiz e incornata vincente dell’accorrente Maglica, che ha battuto sul tempo Ziegler e infilato Saipi, dal canto suo rimasto tra i pali quando forse avrebbe potuto tentare l’uscita. Come nel punteggio, l’equilibrio si è ristabilito anche in campo, con i biancoverdi che hanno tolto il piede dall’acceleratore e il Lugano che ha riguadagnato qualche metro. Tanto da riaffacciarsi dalle parti della porta avversaria al 37’, con un sinistro dal limite di Lovric bloccato a terra da Watkowiak. Quest’ultimo al 39’ ha poi compiuto un vero miracolo su Zelar, abilissimo a mettere a terra lo splendido lancio di Lovric per ritrovarsi a tu per tu con il portiere avversario, salvo poi non riuscire a superarlo con il tocco sotto ravvicinato.

A romperlo (l’equilibrio) è stato nuovamente il Lugano, tornato a spingere e premiato dal 2-1 realizzato da Custodio, lesto a un minuto dalla pausa a raccogliere al limite dell’area piccola una respinta corta della difesa avversaria e a scagliare un siluro alle spalle di un’impotente Watkoviak.

Secondo tempo: Bottani rompe la maledizione, Haile-Selassie la chiude

Dagli spogliatoi le due squadre sono rientrate con i medesimi effettivi e la squadra di Zeidler è tornata a spingere sull’acceleratore, rendendosi però pericolosa solo al 57’, oltretutto con una conclusione ciabattata da Guillemenot. Al 59’ è infine arrivata l’ora della rivincita (attesa sei anni, ossia dal rigore sbagliato nella finale persa nel 2016) di Mattia Bottani, che ha approfittato della splendida giocata di Lavanchy (traversone di controbalzo sul lancio/rinvio di Custodio) per insaccare da due passi.

La prima reazione dei sangallesi è arrivata qualche minuto dopo con l’incrocio sfiorato da Ruiz su punizione, ma è stato ancora Custodio (poco dopo sostituito da Haile-Selassie) ad avere sui piedi il pallone per chiudere l’incontro al 65’, trovando però stavolta sulla sua strada le manone del portiere tedesco. Nemmeno il tempo di disperarsi per l’occasione mancata che proprio il neoentrato ha definitivamente fatto partire la festa bianconera finalizzando una rapidissima ripartenza e l’assist di Celar. Un colpo durissimo dal quale i sangallesi non sono più riusciti a riprendersi, lasciando il campo al trionfo bianconero.

Lugano - San Gallo 4-1

Reti: 5’ Zelar 1-0. 21’ Maglica 1-1. 44’ Custodio 2-1. 58’ Bottani 3-1. 69’ Haile-Selassie 4-1.

Lugano: Saipi; Rüegg, Daprelà (85’ Hajrizi), Ziegler, Valenzuela; Lavanchy, Lovric, Sabbatini, Custodio (66’ Haile-Selassie); Bottani (79’ Amoura); Celar.

San Gallo: Watkowiak; Sutter (72’ Fazliji), Steriou, Maglica, Schmidt; Görtler, Quintillà, Ruiz (80’ Lungoyi); Von Moos (72’ Toma), Duah (72’ Schubert), Guillemenot (80’ Besio).

Arbitro: Schnyder.

Note: Stadio Wankdorf di Berna, 28’500 spettatori. Lugano senza Maric, Baumann, Facchinetti (infortunati). Ammoniti: 55’ Duah. 71’ Maglica. 77’ Görtler.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coppa svizzera fc lugano

CALCIO: Risultati e classifiche

Guarda tutte le 10 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved