Bayern Monaco
3
Plzen
0
1. tempo
(3-0)
Marseille
3
Sporting Cp
1
1. tempo
(3-1)
BENCIC B. (SUI)
BOUCHARD E. (CAN)
19:50
 
La Chaux de Fonds
Olten
19:45
 
Langenthal
Visp
19:46
 
Ticino Rockets
Dra.gosier-ga
20:00
 
Turgovia
Winterthur
20:00
 
Sierre
GCK Lions
20:00
 
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
1 ora

Possibile ritorno di Messi al Barça

Il fuoriclasse argentino potrebbe riabbracciare la Catalogna la prossima estate
CICLISMO
2 ore

Tre Valli varesine, vince Pogacar

Successo allo sprint per lo sloveno, che sabato nel Lombardia difenderà lo scettro vinto lo scorso anno
VOLLEY
2 ore

Weekend da cinque punti per il Bellinzona

Le ticinesi hanno sconfitto nettamente Val-de-Travers e soltanto al tie-break l’Aadorf
COSE DELL’ALTRO MONDO
3 ore

Aaron Rodgers si accomoda nell’elitario club dei 500

Il quarterback di Green Bay ha infranto il muro del mezzo migliaio di touchdown lanciati. Meglio di lui solo Brady, Brees, Manning e Favre
FORMULA E
3 ore

Contratto pluriennale per Buemi

Il pilota elvetico ha firmato per il team inglese Envision Racing
Calcio
6 ore

L’Italia chiede al Brasile l’estradizione di Robinho

L’ex attaccante del Milan violentò una 23enne a Milano nel 2013. È condannato a nove anni di reclusione per violenza sessuale di gruppo
ATLETICA LEGGERA
6 ore

Ai ‘ticinesi’ doppietta di Sepulveda, Borin, Küng e Cerutti

Oltre 150 atleti si sono dati appuntamento al Comunale di Bellinzona per giocarsi i 31 titoli in palio
CORSA D’ORIENTAMENTO
7 ore

La finale di Coppa del mondo sorride agli svizzeri

A Davos e Klosters, ottime prove degli elvetici che hanno tenuto testa a svedesi e norvegesi. Elena Roos terza nella prova long
SCI ALPINO
8 ore

Ernia del disco per Justin Murisier

Il 30enne vallesano è stato sottoposto a intervento chirurgico. Swiss Ski non precisa la durata della sua assenza
TIRI LIBERI
9 ore

Lugano in costruzione, Sam già rodata

Cosa ha lasciato il primo turno di campionato al di là della sconfitta del favorito Friborgo. Tigers al lavoro, la Spinelli attende esami più tosti
Storie mondiali
14 ore

Mondiali ’98, Jean-Marie Le Pen e la Francia multicolore

Il successo dei Galletti nel Mondiale del 1998, cavalcato o misconosciuto a seconda delle fazioni, si portò appresso diverse implicazioni politiche
HOCKEY
20 ore

Roman Josi grande protagonista a Berna con i suoi Predators

Il difensore elvetico ha firmato due reti e fornito un assist nella vittoria di Nashville nella sfida amichevole
CALCIO
23 ore

Un’indagine rivela abusi sistematici nel calcio femminile Usa

L’inchiesta è stata portata avanti dall’ex procuratrice generale Sally Yates che ha raccolto la testimonianza di oltre 200 giocatrici della Nwsl
CALCIO
28.02.2022 - 15:28

Philippe Regazzoni, una tipologia di presidente tutta nuova

Il numero uno dell’Fc Lugano completa il Cda con Martin Blaser e Georg Heitz: ‘Mi occuperò dell’aspetto finanziario, non di quello tecnico-tattico’

philippe-regazzoni-una-tipologia-di-presidente-tutta-nuova

Chi, nell’ultimo decennio, si era abituato alla figura di un presidente decisionista, interventista, sempre presente, allo stadio come nella vita del club, incarnata alla perfezione da Angelo Renzetti, dovrà adattarsi a un cambiamento di realtà. Sì, perché Philippe Regazzoni, il nuovo presidente dell’Fc Lugano, porterà nel club bianconero una visione diversa di quelli che sono i compiti del numero uno. La gestione diretta della squadra rimarrà nelle mani degli altri due membri del Cda, il Ceo Martin Blaser e Georg Heitz, affiancati dal responsabile dell’area tecnica Carlos da Silva... «Nutro grande rispetto per quanto fatto da Angelo Renzetti negli anni della sua presidenza – afferma Regazzoni, 52enne originario di Balerna ma residente nella regione di Zurigo, sceso in Ticino sabato per un incontro con la stampa –. Ma quella che si è voluta dare al Lugano è un tipo di organizzazione diversa. Che, tra l’altro, si avvicina molto di più a quella che è la mia personalità. Non avrei mai accettato il ruolo di presidente-patron, di quello che si fa carico in prima persona di tutta la gestione della società. È un ruolo che non mi si addice. In società possiamo far affidamento su una buona base di professionalismo, ma non possiamo riprodurre un tipo di gestione che non ci appartiene, che non è il nostro. La forma di gestione che vogliamo dare all’Fc Lugano è un po’ diversa da quella alla quale si è generalmente abituati, ma ciò non significa che il futuro non possa riservare belle soddisfazioni».

Impegnato professionalmente nel ramo delle riassicurazioni, Philippe Regazzoni si occuperà in primo luogo dell’aspetto finanziario... «Possiedo esperienza nella gestione di società anonime e mi fa molto piacere metterla a disposizione dell’Fc Lugano».

Un presidente-contabile, più che un presidente-allenatore come in passato il Lugano era stato abituato ad avere. In questo senso, Philippe Regazzoni non ha alcuna intenzione di interferire con quella che è la conduzione tecnico-tattica della prima squadra. Anche perché è il primo ad ammettere di non possedere le necessarie conoscenze per potersi permettere di esprimere giudizi sull’operato di allenatore e giocatori... «È vero, sono allenatore assistente della seconda squadra dell’Fc Küssnacht, ma non è certo per questo mio ruolo che Martin Blaser e Georg Heitz mi hanno chiesto di partecipare all’avventura dell’Fc Lugano. Anche perché il calcio non è stata la mia prima passione sportiva. Mia figlia gioca e anche a buon livello, mentre io mi diverto tutti i mercoledì con gli amici, ma in gioventù mi sono dedicato soprattutto al rugby. E devo dire che già allora le trasferte in Ticino erano particolarmente piacevoli, grazie soprattutto all’ottimo "terzo tempo" che ci veniva offerto. Alla luce dei miei trascorsi sportivi, dunque, non ho intenzione alcuna di mettere voce nella gestione tecnica della società. Mi limiterò ad agire nell’ambito di quelle che sono le mie competenze professionali».

La scelta di Philippe Regazzoni rappresenta dunque una sorta di spartiacque con il passato, quasi che si fosse voluto marcare in modo sostanziale la differenza con la gestione di Angelo Renzetti. «Non ci interessa guardare al passato – conferma il Ceo Martin Blaser –, le nostre scelte non rappresentano la volontà di tagliare i ponti. Esistono due possibili modelli di gestione. Nel primo c’è il presidente-padrone che fa, disfa, decide e mette i soldi in prima persona: non è né meglio, né peggio di altri tipi di management, ma non è il nostro. Il secondo si confà maggiormente alle nostre esigenze e prevede un Consiglio di amministrazione ristretto, costituito da poche persone in grado di prendere decisioni in modo veloce e snello. "Veloce" non sempre è sinonimo di "migliore", ma al momento siamo in tre e a noi va bene così. Non è che si voglia essere diversi per forza, ma abbiamo le nostre idee e le vogliamo portare avanti. Inoltre, possiamo avvalerci della competenza a livello operativo e strategico del nostro direttore Michele Campana».

A Cornaredo, insomma, bazzicheranno soprattutto Blaser e Da Silva, mentre le visite di Regazzoni saranno più sporadiche... «Il Ticino lo frequento fin da bambino, anche perché parte della mia famiglia risiede ancora qui. Adesso avrò una scusa per qualche visita supplementare. D’altro canto, però, il mio ruolo all’interno della società non mi obbliga a vedere tutte le partite: non serve per poter leggere i bilanci. Penso che sarò presente, diciamo, una volta al mese».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved