l-amarezza-di-abel-braga-mi-sembra-impossibile
La permanenza a Cornaredo è durata poco
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
2 ore

Filip Pesan nuovo tecnico del Losanna?

Il 44enne ex selezionatore della Repubblica Ceca avrebbe raggiunto un accordo valido per le prossime due stagioni con la società vodese
Hockey
3 ore

Scherwey lascia la Nazionale. ‘Lo devo al mio corpo’

Il club gli avrebbe concesso di restare, ma l’attaccante del Berna decide di tornare a casa per operarsi. ‘A un certo punto non sentivo più il piede’
Calcio
5 ore

L’apostrofo rosa tra il Botta e la Nazionale

Nel giorno del suo 31esimo compleanno Mattia Bottani festeggia la convocazione di Yakin: ‘Non ci credevo più, proverò a dimostrare che non si sbaglia’
CALCIO
5 ore

Al Grasshopper non meno di nove partenze

Le cavallette cambiano pelle in vista della prossima stagione. Al momento, cinque mancati rinnovi e quattro rientri dal prestito
tiro
5 ore

Vittoria di Oxana Baetscher ai Campionati cantonali juniores

All’84esima edizione della Giornata cantonale del giovane tiratore a 300 m, successo della pregassonese davanti a Luca Veglio e Alex Patocchi
scherma
6 ore

Ancora un titolo svizzero a squadre del Club Lugano Scherma

Ai Nazionali di spada di Neuchâtel, festeggiano le ragazze U20, battendo in finale il Ginevra di un solo punto. Quarto posto per le U17
PODISMO
6 ore

Oehen e Stampanoni trionfano al Tamaro Trail

Elhousine Elazzaoui ha invece migliorato il trentennale record della Giubiasco-Carena. Domenica in programma la Staffetta Vigor
Hockey
6 ore

Smacco Danimarca: la Slovacchia le soffia il posto all’ultimo

Tatar e compagni infliggono una severa lezione agli scandinavi. Mentre nell’altro girone anche gli Stati Uniti chiudono la prima fase con un successo
Altri sport
6 ore

‘Dopo Merckx e Cancellara, riecco il ciclismo nel Mendrisiotto’

Presentata la 5ª tappa del Tour de Suisse in agenda il 16 giugno sulle strade che hanno già vissuto epiche battaglie. ‘Favorito Marc Hirschi’
CALCIO
01.09.2021 - 18:21
Aggiornamento : 19:12

L'amarezza di Abel Braga: ‘Mi sembra impossibile’

Poche parole da parte del tecnico brasiliano per esternare l'amarezza: ‘Quando me l'hanno comunicato sono caduto dalle nuvole’

Il Lugano ieri mattina si è allenato sotto la guida di Mattia Croci-Torti, l’assistente di lunghissimo corso al quale la società ha affidato temporaneamente la squadra in quanto sa che su di lui può sempre fare affidamento. È molto legato allo zoccolo duro del gruppo e ai suoi senatori più rappresentativi. Tutto sommato serena l’atmosfera a Cornaredo, al netto della delusione per la mancata conferma di Covilo, l’àncora per ogni occasione, utile al gruppo anche se quasi sempre a partita in corso. È come se la decisione fosse nell’aria (Un presagio? Il benservito a Hugo Moura, calciatore validissimo, voluto a Lugano dallo stesso Braga). Come se non fosse una sorpresa - perché non lo è - che la nuova proprietà decidesse di togliere a Braga un incarico affidatogli da altri, a prescindere da come lo stava svolgendo.

L’arrivo in città da Chicago di Sebastian Pelzer, incaricato di individuare il successore, ha dato la spallata definitiva al tecnico brasiliano, portando alla luce la precarietà di un progetto tecnico dal quale la nuova proprietà ha preso le distanze. In fondo, nessuno si meraviglia più di tanto, nell'ambiente bianconero. Semmai qualcuno potrà iniziare a chiedersi “che cosa ne sarà di me?”.

Il tecnico carioca: ‘Fatico a crederci, non era il momento giusto’

A quanto pare, a non porsi la domanda era stato proprio lo stesso Braga, anche se a metà della scorsa settimana circolavano voci in merito a un possibile colpo di scena da parte del tecnico carioca nella conferenza stampa pre Sion (voci che, a rileggerle con il senno di poi, assumono una valenza assai più precisa). A sentire il diretto interessato, il suo allontanamento è stato il classico fulmine a ciel sereno: «Assolutamente. Quando ne sono stato informato, in mattinata direttamente a Cornaredo, sono caduto dalle nuvole, mi sembrava impossibile, continuo a faticare a crederci. Anche perché sin qui i risultati sono stati positivi, con un gioco perfezionabile, ma che si stava sviluppando nella giusta direzione».

Sembrava che tra il tecnico sudamericano e il popolo bianconero (e la città tutta) fosse nato immediatamente un feeling molto forte, tant’è che i commenti apparsi sui social subito dopo la comunicazione dell’esonero, erano tutti molto critici nei confronti della nuova proprietà e solidali nei confronti di Braga… «Mi ero espresso più volte durante le conferenze stampa: Lugano era un bel posto nel quale lavorare, per la città, ma soprattutto perché l’ambiente in squadra era molto positivo. Purtroppo, sono situazioni che nel calcio possono succedere, a maggior ragione quando arriva una nuova dirigenza, con la quale si può comunque collaborare in maniera proficua pur senza essere in sintonia su ogni singola scelta “strategica”. Peccato, a mio modo di vedere – e facendo salvo il diritto della dirigenza di muoversi nella direzione che più l’aggrada – questo non era il momento giusto per cambiare».

Una cosa è certa: Abel Braga il suo 69º compleanno non lo scorderà facilmente.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
abel braga esonero fc lugano super league

CALCIO: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved