Wawrinka S. (SUI)
RUUSUVUORI E. (FIN)
18:30
 
martin-blaser-giusto-cosi-nell-interesse-del-lugano
+2
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
HOCKEY
23 min

Roman Cervenka un anno di più a Rapperswil

Il ceco, con i Lakers dal 2019, lo scorso anno è stato il miglior realizzatore con 64 punti in 52 partite. Il nuovo contratto scadrà nel 2024
HOCKEY
39 min

Dopo la sospensione per Covid, riparte il Mondiale U20

La Svizzera di Marco Bayer a Edmonton per riallacciare i fili di una competizione fermata lo scorso dicembre. Presenti i ticinesi Zanetti e Biasca
Tennis
45 min

Un ticinese campione del mondo di tennis Under 14

Alex Bergomi e i suoi compagni hanno vinto la finale del Mondiale ITF a squadre U14
CALCIO
3 ore

Tre turni di squalifica per Ati Zigi

Il portiere del San Gallo perderà le sfide contro Lucerna, Lugano (Super League) e Rorschach (Coppa) dopo il calcio rifilato sabato alla cavalletta Pusic
MOUNTAIN BIKE
3 ore

Europei giovanili, il successo di Capriasca

Si è chiusa con grande soddisfazione degli organizzatori la rassegna continentale che ha richiamato in Ticino centinaia di biker
NUOTO
4 ore

Jérémy Desplanches, la lombalgia che non ci voleva

Il ginevrino si avvicina agli Europei in condizioni fisiche tutt’altro che perfette: ‘Ma sto stringendo i denti per un posto in finale nella 200 stile’
tennis
18 ore

Victoria Azarenka senza visto, salta Toronto

La bielorussa non potrà affrontare Belinda Bencic nel primo turno del torneo canadese a causa di un problema di ‘termini di trattamento’
mountain bike
19 ore

Filippo Colombo splendido secondo a Mont Ste. Anne

Il ticinese si arrende soltanto al francese Titouan Carod. Nino Schurter è sesto. Tra le donne successo di Jolanda Neff.
corsa d'orientamento
20 ore

Oro per Aebersold, bronzo per la staffetta maschile

La Svizzera conquista due medaglie nel weekend conclusivo degli Europei di corsa d’orientamento in Estonia
gallery
la ricorrenza
21 ore

Con il parkour ‘da diciotto a ottantacinque sport’

Gioventù e Sport celebra il cinquantesimo anniversario organizzando a Tenero un campo per settecento giovani e inaugurando una nuova disciplina
calcio
21 ore

Il Chiasso pareggia, ma la prestazione è egregia

Al debutto a Bulle i rossoblù del nuovo tecnico Luigi Tirapelle fanno 2-2, dopo tanti cambiamenti a tutti i livelli
CALCIO
23 ore

Europa o Super League, la musica non cambia

A quattro giorni dalla sconfitta contro il Beer Sheva, il Lugano cede a Cornaredo anche contro il Lucerna
Calcio
1 gior

Calciatore manda il fratello a sposarsi al posto suo

Mohamed Buya Turay è stato chiamato dagli svedesi del Malmö, che hanno voluto arrivasse in Europa nel giorno del matrimonio. La soluzione è creativa
calcio
1 gior

Il Bellinzona espugna il Principato

A Vaduz Pollero regala i tre punti ai granata, che riscattano così la sconfitta casalinga contro lo Stade Losanna
MOTOMONDIALE
1 gior

Bagnaia trionfa in Inghilterra

A Silverstone, Pecco ha preceduto Viñales e Miller. Ottavo Quartararo, fuori Zarco
beachvolley
1 gior

Beachvolley, la Nations Cup femminile è svizzera

Vergé-Dépré-Bentele e Hüberli-Brunner conquistano la prima edizione della competizione, sconfiggendo in finale la Germania
calcio
2 gior

‘Un piacere affrontare ricordi e amici’

Il Vaduz di Alessandro Mangiarratti accoglie il Bellinzona. ‘Diversi tifosi mi hanno scritto che verranno a vedere la partita’
BASEBALL
2 gior

Consigli per gli acquisti? Una figurina da sette milioni

Una foto del 1909 di Honus Wagner, l’Olandese volante, stella del baseball d’inizio Novecento, venduta a 7,5 milioni di dollari. ‘È arte, è storia!’
CICLISMO
2 gior

Dylan Teuns fa le valigie: subito alla Israel-Premier Tech

Vincitore della Freccia vallone ad aprile, il trentenne belga cambia squadra a stagione in corso, in partenza dalla Bahrain-Victorius
Calcio
laR
 
01.09.2021 - 13:04
Aggiornamento: 18:22

Martin Blaser: ‘Giusto così, nell'interesse del Lugano’

Il Ceo del Lugano spiega le ragioni alla base dell'esonero dell'allenatore Abel Braga: ‘Decisione finalizzata al miglioramento del club a medio-lungo termine’

«Ci siamo più volte confrontati con Abel Braga, come è corretto che due parti che collaborano e operano assieme facciano. Ha svolto un ottimo lavoro anche qui a Lugano, ma siccome il nostro ragionamento è in prospettiva, con vista sul progetto a lungo termine, siamo arrivati alla convinzione che cambiando possiamo ancora migliorare. Siamo giunti alla conclusione che a medio e lungo termine il nostro progetto possa ulteriormente migliorare con una guida tecnica diversa». Martin Blaser, Ceo dell’Fc Lugano, spiega così l’esonero - a sorpresa, ma fino a un certo punto - del tecnico brasiliano, sollevato dall’incarico di allenatore della prima squadra dopo che era invece stato confermato nonostante facesse riferimento alla cordata che aveva in Thyago De Souza l’interlocutore principale, al centro di una trattativa farsa poi andata a finire male.

Questione di rispetto

«È anche una questione di rispetto per le persone coinvolte - aggiunge il dirigente che insiste molto sull’educazione e le buone maniere -. Funziona così anche nella vita di tutti i giorni, in ogni ambito: se si constata che ci sono cose che non convincono appieno, non entrare nel merito della questione - dal mio punto di vista - significa prendere in giro le persone, mancare loro di rispetto. Abbiamo preso la decisione ieri sera, l’abbiamo comunicata subito stamattina, perché la riteniamo quella giusta, in quanto finalizzata al miglioramento del nostro progetto sportivo a lungo termine. Anche a rischio che all'esterno venga recepita male o non sia gradita. La nostra è una riflessione ponderata, in linea con la nostra strategia. Nulla di emozionale, men che meno di personale, è bene ribadirlo. Sarebbe offensivo che si pensasse che è stata una decisione di pancia. Dietro c’è un discorso strategico serio che non c'entra niente con le emozioni. Ribadisco che se sei convinto che un certo passo vada fatto per migliorare una situazione, in ogni ambito della quotidianità, devi decidere. Punto. Certe decisioni non vanno affrettate, ma quando arrivi al punto di avere un’opinione sicura e ben ponderata, allora è il momento di decidere. Di agire».

Trattative solo dopo aver chiarito

Abel Braga, però, non è un allenatore sconosciuto. Ha un profilo ben definito, una carriera alle spalle che parla per lui. Né all’attuale proprietà bianconera mancano l’esperienza o gli specialisti per valutarne l’operato e la filosofia. Non era possibile capire prima che non era il tecnico adatto al nuovo corso dell’Fc Lugano? «Va considerato anche che, per un certo periodo, Joe Mansueto e la sua organizzazione ancora non erano i proprietari dell’Fc Lugano. È una questione di buone maniere e di correttezza: abbiamo intavolato le prime discussioni solo quando abbiamo ricevuto “l’investitura”, quando la responsabilità ha cominciato a essere la nostra. Non prima, come è giusto che sia. Lo scorso 18 agosto durante la presentazione del nuovo corso ho ribadito la nostra intenzione di ascoltare quanto la società aveva da dire, a tutti i livelli. Vediamo, ascoltiamo, parliamo, e solo dopo decidiamo. Abbiamo agito così anche con la questione Braga. Abbiamo fatto le nostre valutazioni e preso la decisione che ci vedeva convinti, in quanto adatta ai nostri scopi». 

Il nuovo nome, il successore di Abel Braga, non è ancora stato individuato. Un profilo, però, sicuramente sì. Del resto, chi mastica calcio per professione, una lista di allenatori o giocatori sulla quale chinarsi all’occorrenza ce l’ha, basta consultarla e avviare i contatti. «E qui torniamo alla buona educazione e al modo giusto di procedere, ritengo importantissimo ribadirlo: non abbiamo intavolato alcuna trattativa né aperto discussioni con eventuali candidati prima di aver chiuso con Braga, per rispetto del personaggio che è, dell’uomo. Ci siamo chinati sulla sua sostituzione una volta che con lui è stato tutto sistemato. Ci attendono giorni piuttosto intensi. Una lista di papabili ovviamente c’è, ma le trattative si aprono solo oggi pomeriggio».

‘Accettiamo che ci diano dei matti’

Al momento della presentazione del vostro progetto, tra i buoni propositi evocati vi era quello di lavorare con il massimo rispetto per quello che era stato fatto in passato, dando continuità al lavoro di chi vi ha preceduto. Non ha l’impressione che cambiando già guida tecnica qualcuno possa pensare che tradite i propositi di continuità con i quali vi eravate presentati? Nei tifosi, il timore che poi la cosa si possa ripetere anche per quanto riguarda la rosa della prima squadra, è lecito… «Posso capire questo tipo di riflessione, è umana. Ma chi ha dei dubbi, è perché non ha ben compreso o ancora non gli è chiaro quale sia la nostra strategia, quale strada vogliamo imboccare. A chi si sta facendo “cattivi” pensieri, non posso dire che sbaglia. Amo molto i piccoli esempi legati alla vita quotidiana: ecco perché dico che può succedere anche a me di non capire bene certe dinamiche, osservandole dall'esterno. Tuttavia, affinché un giorno possa essere chiaro a tutti in quale direzione andiamo, oggi è necessario che accettiamo che qualcuno ci possa dire che siamo matti».

A proposito di comprensione, come giudica la reazione di Braga, la sua delusione? «È un grande personaggio nel mondo del calcio, ha vinto una moltitudine di titoli. È proprio perché merita tutto il nostro rispetto che era fondamentale comunicargli subito la nostra decisione, senza temporeggiare, magari appoggiandosi al pretesto di una classifica non brillante. Non è il nostro modo di fare, sarebbe prendere in giro. Per quanto la decisione possa essere male interpretata all’esterno, per noi era il caso di andare a fondo della questione, di agire. La delusione è comprensibile. Legata anche al fatto che ci sono posti più brutti, nel mondo, in cui lavorare, rispetto a Lugano e al Ticino». 

Triade al lavoro: Pelzer, Blaser e Da Silva

Tocca a Sebastian Pelzer, direttore tecnico dei Chicago Fire, giunto espressamente in Ticino, condurre le trattative con i candidati alla panchina bianconera? «Sebastian è impiegato al cento per cento per i Fire, per cui è anche il responsabile dello scouting. Con l’avvenuto cambio di proprietà è venuto a Lugano per toccare con mano la nuova realtà, valutare bene la situazione, visionare le strutture, valutare il settore giovanile, gli allenamenti della prima squadra. Non è il solo responsabile delle trattative. Lui ha stilato la lista dei papabili ma le discussioni le condurrà di concerto con il responsabile dell’area tecnica Carlos Da Silva e con il sottoscritto».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
abel braga fc lugano martin blaser
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved