instancabile-e-competente-i-calciatori-lo-stimano-molto
Bernhard Heusler e Georg Heitz
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
53 min

Jerôme Bachofner torna in riva alla Limmat

Dopo tre stagioni con lo Zugo, l’attaccante 25enne si accorda con i Lions, con cui nel 2018 aveva vinto il titolo
Podismo
1 ora

Delorenzi e Lucchina regolano il plotone di crossisti

Massiccia partecipazione alla quarta tappa di Coppa Ticino. Che ora si prende un mese di pausa e tornerà a metà gennaio
Hockey
13 ore

‘Contro il Davos ci è mancato un po’ di tutto’

Kneubuehler torna sulla sconfitta dell’Ambrì in casa dei grigionesi. ‘Stanchi dal giorno prima? No, è più mentalmente che non eravamo pronti”
Calcio
13 ore

Il Bellinzona torna da Bienne con un pareggio

Terzo pari, in rimonta, per i Granata di Aeby. ‘All’intervallo ero arrabbiato, poi i ragazzi si sono assunti maggoiri responsabilità’
Tennis
14 ore

Due a zero alla Croazia, la Davis torna in Russia

Per la terza volta dopo 2002 e 2006 i russi mettono le mani sull’Insalatiera. Il punto decisiva lo conquista Daniil Medvedev
SCI ALPINO
14 ore

Il forte vento causa l’annullamento della libera di Beaver Creek

Gli organizzatori hanno provato sia ad abbassare il punto di partenza, sia a posticipare per tre volte il via, ma senza risultati
Formula 1
14 ore

È una domenica bestiale: il Mondiale torna in parità

Lewis Hamilton vince il penultimo Gran Premio della stagione sull’asfalto di Gedda e pareggia i conti con Verstappen. Si deciderà tutto all’ultima corsa
BASKET
15 ore

La Sam Massagno si offre la testa della classifica

La Spinelli batte l’Olympic, mentre il Lugano cede al Monthey e scivola in ultima posizione
Calcio
16 ore

Croci-Torti: ‘I giocatori mi seguono in maniera spettacolare’

Il tecnico del Lugano soddisfatto dopo il 2-0 al Sion, settimo risultato utile consecutivo a Cornaredo. ‘In casa vogliamo solo vincere’
Sci
16 ore

Sofia Goggia è addirittura da tris. Ma stavolta Lara c’è

L’italiana vince anche il superG di Lake Louise, dopo i trionfi nelle due libere, al termine di un testa a testa con la ticinese, battuta per 11 centesimi
CALCIO
16 ore

Il Chiasso chiude il 2021 con una sconfitta

Troppe le occasioni sbagliate dai rossoblù contro lo Young Boys II. Vitali: ‘Soltanto la capolista è al di sopra delle altre’
Calcio
17 ore

Lugano invincibile a Cornaredo, superato anche il Sion

I bianconeri s’impongono 2-0 contro i vallesani grazie alle reti di Bottani e Facchinetti centrando il settimo risultato utile in casa con Croci-Torti.
Gallery
Hockey
17 ore

Due reti in otto minuti e game over per l’Ambrì Piotta

Il Davos segna due gol in avvio di confronto, poi controlla il match e mette le mani sul successo, condannando i leventinesi alla resa
AUTOMOBILISMO
18 ore

La domenica a Gedda si apre con un pauroso incidente

In Formula 2 subito dopo il via la vettura di Fittipaldi travolge quella del francese Pourchaire: coscienti, i due piloti si trovano entrambi all’ospedale
UNIHOCKEY
20 ore

Repubblica Ceca battuta, la Svizzera è medaglia di bronzo

Bella prestazione delle elvetiche ai Mondiali di Uppsala, dopo la pesante sconfitta di sabato in semifinale contro la Svezia (14-1)
VOLLEY
22 ore

Lugano battuto, ma a testa alta

Le ticinesi superate 3-1 dal Pfeffingen, al termine di quella che è stata la migliore prestazione della stagione
Gallery
Hockey
1 gior

Decisivo Loeffel, a Berna il Lugano coglie due punti pesanti

I bianconeri pareggiano il conto all’ultimo minuto a 6-4 per merito del topscorer Luca Fazzini e si impongono ai rigori grazie all’estro del difensore
Gallery
Hockey
1 gior

Un buon Ambrì si arrende solo all’overtime ai Lions

Il ‘ruggito’ di Hollenstein al 63’46" mette fine a una partita particolarmente combattuta. Per i leventinesi a bersaglio Heim e McMillan
Hockey
1 gior

Dominic Zwerger ‘out’ fino a dopo la pausa Nazionale

Il giocatore dell’Ambri Piotta ha subìto una lesione muscolare durante l’allenamento di venerdì mattina
calcio e finanza
2 gior

È ancora Italia-Svizzera, la partita delle plusvalenze

Indagini sull’utilizzo spinto della formula per scambiare calciatori da parte della Juventus e altri club di A: nel mirino gli affari con Lugano e Basilea
Calcio
 
14.08.2021 - 05:300
Aggiornamento : 15.08.2021 - 14:53

‘Instancabile e competente, i calciatori lo stimano molto’

In attesa di capire se avrà un ruolo operativo all'Fc Lugano, l'opinione di Florian Raz del Tages Anzeiger (per sei anni alla Basler Zeitung), su Georg Heitz

«Per come conosco io Bernhard Heusler e, soprattutto, Georg Heitz, il Lugano ha fatto un ottimo affare». Florian Raz, collega del Tages Anzeiger, redattore sportivo della Basler Zeitung tra il 2005 e il 2011, ha agito per anni a stretto contatto con gli intermediari che stanno conducendo a buon fine la trattativa per l'acquisizione del pacchetto azionario dell’Fc Lugano. Erano gli anni del Basilea assoluto dominatore della scena nazionale (otto titoli filati, dal 2010 al 2017) e protagonista anche sulla ribalta internazionale, come attestano le diverse  e fortunate partecipazioni alla Champions League.

Un dominio che si è interrotto nella stagione 2017/18, la prima con Bernhard Burgener alla testa del sodalizio, dopo l'uscita di scena dello stesso Heusler, presidente per sei anni, fino al 2017 (fu lui a succedere al lungo interregno targato Gigi Oeri).

Parlando di «ottimo affare», Raz non si riferisce naturalmente alla proprietà facente capo a Joe Mansueto, di cui ancora non si conoscono i dettagli economici e operativi, bensì proprio al lavoro svolto per conto dell’imprenditore americano da due persone che ben conosce e apprezza. Conoscenza e stima sono nate nell’ambito del giornalismo, giacché Heitz, direttore sportivo dei renani e oggi dei Chicago Fire nella Major Soccer League, nasce come redattore sportivo proprio al quotidiano renano. «Ho lavorato con lui alla Basler Zeitung - ricorda Raz -, Georg ha operato a lungo come giornalista sportivo (anche alla Fifa, ndr). È stato proprio lui a volermi nella sua redazione. Abbiamo sempre avuto e abbiamo tuttora un ottimo rapporto, ho grande stima di lui anche a livello personale. Quando ha iniziato la carriera di direttore sportivo ha comprensibilmente preso un po’ le distanze, perché il suo ruolo lo imponeva. Certe cose non le poteva certo svelare alla stampa o anticipare a me».

Giornalista esperto di mercato e di contratti

Negli anni d’oro del Basilea - fu proprio Heusler a volere Heitz come consulente per il settore tecnico - «Georg ha vieppiù allargato la sua sfera di competenza. Negli ultimi tempi della sua permanenza sul Reno ha fatto praticamente tutto lui, anche il lavoro che era competenza di Bernhard Heusler. Era l'interlocutore privilegiato di tutti i collaboratori. Ha un altissimo coefficiente di intelligenza emozionale, capisce molto bene come si tratta con la gente. Lavora tantissimo ed è sempre raggiungibile, anche per i giornalisti». 

Raz confida che il pallino del mercato, della transazioni e dei contratti, Heitz lo ha sempre avuto, anche quando era un redattore sportivo. «È sempre stato un grande esperto in materia di agenti e calciatori, ha sempre avuto tantissimi contatti con i procuratori del mondo del calcio. Faccio un esempio, per capire quanto grande fosse già in passato la sua influenza, pur occupandosi di altro. Quando Pascal Zuberbühler andò in Inghilterra, al Fulham, Georg era ancora giornalista alla Basler Zeitung, ma fu proprio lui a trovargli il posto, in quanto conosceva l’agente inglese che curò la trattativa».

Non è dato sapere, al momento, se Georg Heitz avrà un ruolo operativo all’interno dell’Fc Lugano o se invece ha solo messo le sue competenze al servizio dell’intermediazione per conto terzi. Resta però il fatto che il suo profilo rende l’operazione molto interessante. «È molto riflessivo, nei suoi passi e nelle sue iniziative. Ha una rete di contatti incredibile, è costantemente al telefono. Sa prendere anche decisioni molto importanti, e sappiamo quante ne sono state prese, a Basilea, negli anni in cui è rimasto in carica. 

Si è avvicinato ai renani prima della loro crescita esponenziale che li ha poi portati agli otto titoli filati e alle partecipazioni prestigiose e di successo in Champions League. Come detto, anche quando era un “semplice” giornalista, era già addentro l’ambiente della società rossoblù. In pratica, è colui che fungeva da consulente dei calciatori, programmava loro la carriera. Non di tutti, ovviamente, ma di buona parte di loro. I giocatori chiamavano lui, per sapere cosa fare in una trattativa, in quale direzione muoversi. Non so quale ruolo rivestirà, ma di sicuro il Lugano ha fatto ottimo un affare. I giocatori lo apprezzano sempre tutti. Con molti di loro ha contatti ancora adesso. Del resto, non credo abbia mai “tradito” o illuso nessuno».

Idee chiare

Ottime premesse, allora, per il nuovo corso dell’Fc Lugano. «Certamente. Non conosco il piano finanziario che adotteranno a Cornaredo, a Basilea molto probabilmente ha potuto contare su mezzi nettamente superiori, negli anni della sua gestione. Gli va dato atto di non aver mai detto che non avrebbe commesso degli errori. Ha però ammesso che, tutto sommato, un certo margine gli era assicurato proprio dall’ingente disponibilità finanziaria. Per cinque acquisti che faceva, bastava che tre fossero funzionali al progetto, per dirsi un mercato di successo. Ha le idee chiare, arriva dove si prefigge di arrivare. Negli ultimi tempi a Basilea gli venne rimproverato di reclutare solo dei nazionali. Da persona razionale quale è, lui ha risposto che le attese erano talmente alte che per allestire una squadra di livello devi per forza partire dai giocatori migliori di un paese. E si presuppone che chi è in Nazionale, sia in quel momento uno dei più forti».

La voglia di fare un'esperienza diversa

Qual è il rapporto con Bernhard Heusler? «Fu Heusler, quando era vicepresidente, a volere Heitz al Basilea come consigliere sportivo. Ricordo che alla fine della loro permanenza in seno al club renano, si erano un po’ allontanati. Georg si era fatto carico di praticamente tutto, mentre Heusler si era già un tantino defilato. La squadra vinceva sempre, il meccanismo era oliato e funzionava bene. A un certo punto, Heitz ne ha avuto abbastanza, quella realtà non gli piaceva più. Quando si è trattato di uscire di scena, fu Heitz a dire a Heusler che era il momento giusto di lasciare. Bernhard sarebbe invece rimasto un altro anno»

Come è arrivato a Chicago? «Come detto, gli ultimi mesi a Basilea furono stressanti e poco gratificanti. Chicago è stata la classica bella opportunità. Ha deciso di coglierla. Aveva offerte dalla Germania, ma le ha declinate. Aveva l’impressione che se avesse accettato, nel calcio tedesco sarebbe rimasto sempre lo svizzero al quale non prestare troppa attenzione. Chicago, per contro, ha una serie di atout: altro continente, altra lingua, una sfida che lo ha intrigato. Da affrontare con il supporto di miliardario che gli ha affidato un piano operativo a lungo termine. Nella Major Soccer League il concetto sportivo è completamente diverso da quello al quale siamo abituati in Svizzera e, più in generale, in Europa. Si pianifica ancora a lungo termine, con progetti magari quinquennali, Poco importa se raggiungi i playoff subito o no. I tempi, in quella realtà, sono dilatati. Qui, perdi tre partite e finisci subito sotto processo».

CALCIO: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved