l-allenatore-piu-vincente-ha-sfatato-un-tabu
Euro 2020, bye-bye Francia
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
5 ore

Torna la Serie A fra novità e vecchi difetti

Sabato ricomincia il campionato italiano, che rimane interessante malgrado l’innegabile declino evidenziato negli ultimi anni
tennis
11 ore

Jil Teichmann fa fuori Kontaveit a Toronto

La biennese elimina l’estone ai sedicesimi di finale del torneo canadese con un doppio 6-4. Ora l’attende la rumena Simona Halep
calcio
11 ore

All’Eintracht non riesce la sorpresa, la Supercoppa è del Real

Djibril Sow e compagni sconfitti a Helsinki per 2-0 dalle reti di David Alaba e del solito Karim Benzema
hockey
12 ore

La Svizzera inizia bene il Mondiale… la Svezia meglio

Rossocrociati autori di una prova incoraggiante, ma sconfitti per 3-2 dalla nazionale delle tre corone
atletica
12 ore

Angelica Moser verso gli Europei con qualche dubbio

A Montecarlo l’elvetica deve accontentarsi di salire a 4,36 m nel salto con l’asta. Mentre Fraser-Pryce e Kipyegon regalano spettacolo
atletica
13 ore

Ajla Del Ponte vola in Baviera

La ticinese si prende il ticket per gli Europei, grazie all’11”30 firmato a Langenthal, dove precede Frey di 4 centesimi
nuoto
15 ore

Ponti e Desplanches capifila di una Svizzera ambiziosa

Agli Europei di Roma, la delegazione svizzera punta a ripetere gli ottimi risultati dell’anno scorso a Budapest. Sperando che il Covid non sia d’intralcio
hockey
16 ore

Teemu Hartikainen nuovo colpo del Ginevra Servette

Il finlandese, campione olimpico e del mondo con Filppula e Vatanen, completa il sestetto di stranieri a disposizione di Jan Cadieux
Calcio
16 ore

Lanciata la Super Lega africana

Obiettivo del nuovo torneo è accrescere l’attrattività del calcio continentale
basket
16 ore

‘Abbiamo fatto scelte diverse rispetto al passato’

Robbi Gubitosa e la Sam Massagno vogliono reagire a una stagione che non li ha visti conquistare nemmeno un titolo. Partendo con due stranieri.
TIRO
16 ore

Argento ticinese nella pistola libera in appoggio

Bella medaglia ai Campionati svizzeri a gruppi di Thun lo scorso weekend
CALCIO
27.07.2021 - 20:36

L'allenatore più vincente ha sfatato un tabù

Vladimir Petkovic ha affrontato quattro grandi tornei internazionali in sette anni di gestione. Rimarrà per sempre l'‘uomo di Bucarest’

Con la partenza di Petkovic, la Svizzera perde l’allenatore più vincente della sua storia. Nei sette anni trascorsi sulla panchina rossocrociata, il tecnico di Sarajevo, ma trapiantato in Ticino dal 1993, ha diretto la squadra 78 volte, totalizzando 42 vittorie, 14 pareggi e 22 sconfitte (164-95 il computo delle reti), per una media di 1,79 punti a partita. A titolo di paragone, il suo predecessore Ottmar Hitzfeld aveva ottenuto una media di 1,77 punti in 61 partite, Köbi Kuhn di 1,51 in 70 confronti e Roy Hodgson di 1,78, ma in sole 38 panchine.

Quattro gli eventi marcanti della gestione Petkovic: due campionati europei, un Mondiale e la partecipazione alla final four della prima edizione di Nations League.

Non basta l’eurogol

La prima esperienza risale agli Europei in Francia, chiusi con il solito amaro in bocca per il mancato accesso ai quarti di finale. Eppure, la fase a gruppi non era andata male, con la vittoria per 1-0 (rete di Schär) contro l’Albania, in una partita piena di insidie emotive per la presenza in squadra di numerosi ragazzi di origine kosovara, e i pareggi contro Romania (1-1, Mehmedi) e Francia (0-0). Negli ottavi, contro la Polonia non era bastato nemmeno l'eurogol di Shaqiri con una semi rovesciata dal limite a sfatare il tabù dei quarti di finale. Ai rigori l’errore di Xhaka aveva condannato gli elvetici.

Aquilotti, delusioni e critiche

Stessa storia, ma con ancora maggior rammarico, due anni dopo in Russia. Pareggio con il favoritissimo Brasile (1-1, Zuber) e vittoria nel tesissimo confronto con la Serbia, sfociato nel gesto dell'aquila albanese da parte di Xhaka e Shaqiri in occasione delle due reti (2-1). Altro pareggio nella terza partita, contro la Costarica (2-2, Dzemaili, Drmic), mezzo passo falso che non aveva però inficiato la qualificazione agli ottavi di finale. Ed è stato quello, con ogni probabilità, il momento più difficile dell’intera gestione di Valdimir Petkovic. Perché tutta la nazione, al cospetto di una Svezia alla portata, si attendeva l’agognato quarto di finale. E invece, un gol di Forsberg aveva regalato alla Svizzera l’ennesima delusione e con essa le prime voci critiche sulla gestione del tecnico e sulla necessità di una sua rimozione.

La resurrezione

E invece, appena quattro mesi più tardi, la Nazionale aveva colto un’incredibile vittoria contro il Belgio (5-2 dopo lo 0-2 iniziale: Rodriguez, tripletta di Seferovic, Elvedi). Un successo che aveva permesso a Petkovic e alla Nati di andarsi a giocare, per la prima volta nella storia del calcio svizzero, la semifinale di un torneo internazionale. Nella final four il sorteggio aveva riservato il Portogallo padrone di casa che si era imposto 3-1 (Rodriguez). Nella finale di consolazione, vittoria dell’Inghilterra 6-5 ai rigori.

L’apoteosi di Bucarest

L’ultimo grande appuntamento è storia di poche settimane fa, ma la sua genesi va ricercata addirittura nel marzo 2019, quando si era aperta la fase di qualificazione a Euro 2020. Un girone affrontato dalla Svizzera con il fiato un po’ corto (un paio di pareggi e una sconfitta in Danimarca), ma che alla fine aveva comunque regalato il ticket a una fase finale scivolata di un anno a causa del pandemia. Un pareggio poco convincente con il Galles (1-1, Embolo), una figuraccia contro l’Italia (3-0) e le polemiche sul coiffeur all'interno della bolla, apparivano come presagi funesti. Ma Petkovic ha saputo toccare le corde giuste e da quel momento tutto è cambiato: buona partita contro la Turchia (3-1, Seferovic e due volte Shaqiri) e, soprattutto, grandissima prestazione contro la favorita Francia, battuta ai rigori dopo aver rimontato nel finale un immeritato svantaggio di due reti (1-3). Finalmente, i quarti di finale, attesi dal 1954! E poco c’è mancato che arrivasse pure la semifinale, al termine di un’altra splendida prestazione contro la Spagna (sconfitta ai rigori dopo l’1-1 al 120’: Shaqiri). Sembrava dovesse essere il trampolino per i Mondiali in Qatar, è invece stato l’ultimo acuto della gestione di Valdimir Petkovic.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
calcio sette anni vladimir petkovic
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved