Calcio
04.06.2021 - 18:21
Aggiornamento: 19:19

Svizzera, un solo dubbio nell'undici, il laterale destro

Mbabu o Widmer l'unico dubbio di Petkovic. Altre preoccupazioni? La valigia sempre in mano e qualche giocatore a corto di minuti

Ats, a cura de laRegione
svizzera-un-solo-dubbio-nell-undici-il-laterale-destro
+1

I rossocrociati beneficiano di due giorni di libero, prima del raduno e della partenza per Baku, lunedì. a che punto è la Svizzera? Sei risposte per capirne di più.

Cinque vittorie di fila - Dopo aver trascorso il 2020 senza alcuna vittoria, la Svizzera ha vinto i cinque incontri del 2021. Un atout importante, che però in chiave Europei significa poco. Basta ricordare le squadre avversarie - la Bulgaria (n. 71 del ranking Fifa), la Lituania (134), la Finlandia (54), gli Stati Uniti (20) e il Liechtenstein (186) per capire che contro il Galles (17) sarà decisamente un’altra storia.

La squadra titolare - L’undici ideale di Petkovic è noto in dieci dei suoi undicesimi. Petkovic ha detto di volersi prendere anocra un paio di notti di riflessione prima di decidere in maniera definitiva, ma è scontato che Yann Sommer, Nico Elvedi, Fabian Schär, Manuel Akanji, Ricardo Rodriguez, Granit Xhaka, Remo Freuler, Breel Embolo, Xherdan Shaqiri e Haris Seferovic saranno in campo sabato 12 giugno contro il Galles. L’unica maglia ancora da assegnare è quella del laterale destro, un ballottaggio tra Kevin Mbabu, giocatore dell'attitudine offensiva, e Silvan Widmer, più portato al contenimento. I due potrebbero anche alternarsi in una staffetta, a seconda dell’avversaria.

La condizione dei titolari - La mancanza di minuti giocati che affligge qualche rossocrociato sarà un limite? Schär (35 minuti in 2 partite con il Newcastle), Rodriguez (3 presenze, 122 minuti con il Torino) e Shaqiri (3 spezzoni con il Liverpool 122 minuti) negli ultimi tre mesi non hanno praticamente mai visto il campo

I jolly da calare - Mario Gavranovic ha realizzato una tripletta contro il Liechtenstein, Christian Fassnacht una doppietta, ma sono e restano delle riserve. Qualche possibilità in più potrebbe averla Steven Zuber, convincente nei due test recenti. Tuttavia il suo impiego relegherebbe Rodriguez in panchina, uno che è titolare della Nazionale da dieci.

Con la valigia in mano - Due volte a Baku, una volta a Roma. La Svizzera viaggerà molto, ma il titolo di regina delle miglia aeree spetta alla Polonia, attesi sulla rotta san Pietroburgo-Siviglia-San Pietroburgo (7’100 km). I rossocrociati si “limitano” a 6’200. Ma se si conta anche la trasferta da domicilio al luogo della prima partita, gli elvetici balzano al comando. E potrebbero aumentare il divario in caso di qualificazione agli ottavi come seconda del girone e eventuale accesso ai quarti: da Roma ad Amsterdam per l’ottavo, dall’Olanda a Baku per il quarto. Ulteriori 5’700 km.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved