CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
hockey
1 ora

‘Possiamo vincere, ma aiutandoci a vicenda’

Michael Spacek, al suo primo derby ticinese, punta sul complesso, forte anche delle tante bocche da fuoco: ‘Poco importa chi segna ed è il top scorer’
CICLISMO
2 ore

L’ultima pedalata di Alejandro Valverde sarà al Lombardia

Lo spagnolo ha annunciato, a 42 anni, il ritiro dalle competizioni. È stato campione del mondo nel 2018 e ha vinto 4 volte la Liegi e 5 la Freccia
ATLETICA
2 ore

Argento e primato ticinese U20 per Tiziana Rosamilia

A Ginevra si sono svolte le finali nazionali del MilLe Gruyère. La ragazza dell’Usa Ascona ha abbassato il limite ottenuto nel 1993 da Marta Odun
TENNIS
2 ore

A Tallin, Belinda Bencic come un rullo compressore

Nel torneo estone la sangallese ha superato di slancio il primo turno, infliggendo un chiaro 6-0 6-2 alla padrona di casa Malygina
hockey
3 ore

‘Anche il mio rendimento deve migliorare’

Markus Granlund, nonostante le due reti segnate, non è soddisfatto del suo inizio a Lugano. Ma è tutta la squadra che nel derby deve riscattarsi.
CALCIO
3 ore

Nations League, chiudere i conti con la salvezza

La Svizzera ospita a San Gallo la Repubblica Ceca. Un pari basterebbe per mantenere il posto in Lega A. Partita numero 100 per Ricardo Rodriguez
hockey
4 ore

Tre giornate a Salomäki

L’attaccante del Losanna punito per il colpo alla testa di Oliwer Kaski
CICLISMO
8 ore

Van der Poel colpevole, ma può lasciare l’Australia

Il ciclista olandese accusato di violenza contro due adolescenti nella notte precedente il Mondiale di Wollongong
Hockey
9 ore

Ambrì senza Heed per tre o quattro settimane

Colpa di un infortunio al costato rimediato venerdì a Porrentruy
NATIONS LEAGUE
10 ore

Vittoria storica, carenze croniche

La selezione guidata da Murat Yakin torna dalla Spagna con qualche certezza in più, ma pure con la consapevolezza di essere sguarnita in certi ruoli
CALCIO
25.05.2021 - 13:28
Aggiornamento: 16:45

Il Sottomarino Giallo ultimo ostacolo al dominio inglese

Domani a Danzica, il Villarreal affronta il Manchester United nella finale di Europa League. Aspettando il derby inglese di Champions

il-sottomarino-giallo-ultimo-ostacolo-al-dominio-inglese

"Red Devils" contro "Submarino Amarillo": il Manchester United deve superare l'ostacolo Villarreal e il suo timoniere Unai Emery, specialista dell'Europa League (mercoledì dalle 21.00) nella finale di Danzica, in Polonia, per sperare di tornare a conquistare il trofeo a quattro anni di distanza dall’ultima volta.

Marcus Rashford, Paul Pogba e tutte le stelle mancuniane saranno sufficienti contro l'esperienza e il record di Emery, tre volte vincitore dell'Europa League con il Siviglia (2014, 2015, 2016) e finalista con l'Arsenal nel 2019? Tutto è possibile, e lo stadio di Danzica ospiterà una partita che ha il sapore di una Champions League di fine secolo: l'ultima volta che le due squadre si sono incontrate, infatti  è stato nelle fasi a gironi della Champions del 2008 e del 2005, un periodo d'oro per entrambi i club. Meno promettente per lo spettacolo, il fatto che i quattro incontri erano sempre finiti in un pareggio senza reti.

Il mago Emery

Ma mercoledì, uno o l'altro dovrà vincere. Al momento, è difficile scegliere un favorito. L'allenatore basco Unai Emery ha compiuto miracoli dalla sua nomina come allenatore del “Sottomarino Giallo” la scorsa estate. Ha preso in mano una squadra che era caduta in uno stato di abbandono e l’ha portata a un settimo posto nella Liga, sinonimo di qualificazione per la nuova Europa League Conference. La forma attuale è incoraggiante: il Villarreal è reduce da una brillante vittoria per 4-0 sul Siviglia, ex squadra di Emery, con una tripletta di Carlos Bacca, e da un’ultima partita di campionato finita con una sconfitta all'ultimo respiro contro il Real Madrid (2-1).  Con il suo entusiasmo senza limiti, Emery è riuscito a costruire la migliore squadra del Villarreal dai tempi di Diego Forlan, Santi Cazorla, Joan Capdevila e Giuseppe Rossi negli anni 2000. Il nuovo allenatore ha dato speranza ai tifosi di questa città di medie dimensioni nella periferia agricola del nord di Valencia.

Maguire assente?

Per Ole Gunnar Solskjaer e il Manchester United, la finale sarà l'occasione per chiudere alla grande una stagione che li ha visti tornare in Champions. Per lungo tempo, Solskjaer è stato considerato un allenatore a tempo, nominato in virtù del suo illustre passato come Red Devil, ma solo in attesa del prossimo grande nome dopo Jose Mourinho e Louis Van Gaal. Ma i risultati gli stanno dando ragione. Il norvegese ha portato il ManU al secondo posto alle spalle dei cugini Citizens, con una finale di Europa League che, almeno in parte, mitiga la delusione per il terzo posto nella fase a gironi di Champions (preceduto da Psg e Lipsia).

Con la fine della stagione in leggera discesa una volta assicurato il secondo posto, Solskjaer ha potuto far riposare una squadra stanca, soprattutto gli indispensabili Aaron Wan-Bissaka dietro, Bruno Fernandes a centrocampo e Marcus Rashford in attacco. Ha anche trovato le parole e la formula per rendere Paul Pogba un giocatore affidabile e di nuovo essenziale. E con la firma di Edinson Cavani lo scorso autunno, lo United ha trovato il suo centravanti matador, ciò che il lungodegente Anthony Martial non era riuscito a essere.

Il grande punto interrogativo rimane, tuttavia, la quasi certa assenza del difensore centrale Harry Maguire, costretto a saltare le ultime quattro partite. Senza il suo leader, che Soslkjaer scelga Eric Bailly, Victor Lindelof o Alex Tuanzebe per sostituirlo, la difesa sarà senza dubbio il tallone d'Achille di uno United che per la prossima stagione intende puntare ancora più in alto.

E se alla fine a trionfare dovesse essere il Manchester United, per la seconda volta in tre anni (in attesa della finale di Champions che sabato metterà di fronte Manchester City e Chelsea) le Coppe europee finirebbero entrambe in Inghilterra.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved