Lugano
4
Ambrì
1
fine
(1-1 : 1-0 : 2-0)
Lugano
4
Ambrì
1
fine
(1-1 : 1-0 : 2-0)
nessun-miracolo-il-chiasso-ha-perso-la-sua-challenge
+8
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
DOPOPARTITA
7 min

L’entusiasmo di McSorley. ‘Fatton ha il ghiaccio nelle vene’

Il Lugano esulta dopo il successo nel sesto derby, mentre l’Ambrì fa mea culpa. Pestoni: ‘Da tempo ci diciamo che giochiamo bene, ma non vinciamo...’
Hockey
1 ora

Due guizzi di Josephs decidono il sesto (e ultimo?) derby

L’Ambrì va in vantaggio per primo ma alla fine è costretto alla resa. Il Lugano ringrazia l’ala canadese e conforta la sua posizione in classifica
Calcio
4 ore

Yann Sommer calciatore dell’anno

Il portiere del Borussia Mönchengladbach e della Svizzera ha sbaragliato la concorrenza alla Swiss Football Night
Calcio
4 ore

Irak battuto 1-0, Iran qualificato al Mondiale

Quella in Qatar sarà la sesta rassegna iridata alla quale gli iraniani parteciperanno, il terzo Campionato del mondo consecutivo
Calcio
6 ore

Basilea, Fabian Frei prolunga fino al 2024

Il 33enne centrocampista anche nel giro della Nazionale sta disputando la decima stagione con i renani
Sci
7 ore

Corinne Suter la più veloce in prova a Garmisch

Elvetiche in evidenza nel primo allenamento in vista della discesa di sabato. Terza Jasmine Flury
Tennis
11 ore

La finale dell’Australian Open sarà Barty contro Collins

La beniamina di casa numero uno al mondo e la statunitense in semifinale hanno superato in due set rispettivamente l’americana Keys e la polacca Swiatek.
BASKET
1 gior

Lugano Tigers sconfitti nella Svizzera centrale

Migliore al tiro sotto tutti gli aspetti, la compagine ticinese ha avuto un passaggio a vuoto nel secondo periodo che le è costata la vittoria
Hockey
1 gior

La sfida vista da Ambrì. ‘Saranno i duelli, la chiave’

Cereda lancia la sesta sfida con il Lugano, ultimo sforzo prima della pausa. ‘Sarà benefica: le scorie post contagio non si sono del tutto dissipate”
HOCKEY
1 gior

‘Il derby? Sarà una battaglia, come sempre’

Julian Walker: ‘Tutte le sfide con l’Ambrì sono state tiratissime, non vedo favoriti. Dovremo fare bene il lavoro sporco, proprio come lo sanno fare loro’
CALCIO
1 gior

Arthur Cabral sul punto di approdare alla Fiorentina

L’attaccante brasiliano del Basilea attende solo gli sviluppi del caso Valhovic. Quest’anno ha segnato 14 reti in 18 partite di Super League
Hockey
1 gior

Lugano, Schlegel si deve fermare. Fino a marzo

Niente derby per il portiere bianconero: lesione agli adduttori della coscia. McSorley dovrà scegliere se puntare sul canadese Irving o su Fatton
CICLISMO
1 gior

Joel Suter secondo alla Challenge Mallorca

Il Spagna il 23enne elvetico della Uae Emirates è stato preceduto dal compagno di squadra McNulty, giunto al traguardo in solitaria
CALCIO
1 gior

Il Lugano riapre la campagna abbonamenti

Chi non avesse già provveduto a inizio stagione, da domani ha la possibilità di assicurarsi a prezzi scontati le nove partite casalinghe del ritorno
MOTOCICLISMO
1 gior

Via libera medico per Marc Marquez

Il pilota spagnolo ha superato i problemi di diplopia e sarà presente dal 5 al 7 febbraio nei primi test stagionali sul circuito di Sepang
CALCIO
1 gior

Infortunio al piede, Mirko Salvi out due mesi

Colpo duro per l’Yverdon, neo-promosso in Challenge League, costretto a fare a meno del suo estremo difensore
Hockey
1 gior

Le ragazze svizzere ai Giochi senza la loro stella. Per ora

Valori limite per entrare in Cina: Alina Müller e Sinjia Leemann incrociano le dita e vanno in isolamento. Weibel: ‘Fiduciosi della strategia adottata’
Tennis
1 gior

Medvedev firma l’impresa a Melbourne: è semifinale

Sotto di due set contro Aguer-Aliassine, il russo ribalta la partita e stacca il biglietto per il penultimo atto degli Australian Open
Hockey
1 gior

Hedlund e il suo staff non si muovono da Rapperswil

Confermata in blocco la guida tecnica dei sangallesi. Che resterà (almeno) fino al termine della stagione 2023/24
Sci
1 gior

Michelle Gisin dice no a Garmisch-Partenkirchen

Terza defezione di lusso, nel clan rossocrociato, per le ultime gare di Coppa del mondo prima della partenza per Pechino
Calcio
1 gior

L’Fc Lugano ha di nuovo un presidente, sarà Philippe Regazzoni

Classe ‘69, Regazzoni è attinente di Balerna ma residente a Küssnacht e da 25 anni è attivo nell’ambito assicurativo.
Calcio
1 gior

Da Lima a Yaoundé, quante tragedie legate al calcio

Disordini tra tifosi, strutture fatiscenti, sicurezza e forze dell’ordine inadeguate, fatalità: il dramma in Camerun è solo l’ultimo di una lunga lista
20.05.2021 - 21:520
Aggiornamento : 23:12

Nessun miracolo, il Chiasso ha perso la sua Challenge

Il successo 2-1 sul Neuchâtel Xamax nell'ultima giornata del campionato cadetto non basta (servivano 3 gol di scarto), i momò retrocedono dopo 11 stagioni

Il Chiasso ha perso la sua Challenge (League). Impostosi 2-1 sul Neuchâtel Xamax in uno scontro diretto che avrebbe però dovuto vincere con almeno tre reti di scarto, il club momò non è riuscito a evitare in extremis l’ultimo posto in classifica e per colpa della peggior differenza reti (-25 contro -22) nei confronti dei neocastellani lascia la categoria cadetta del calcio svizzero dopo ben undici anni. Una lunga permanenza iniziata con la promozione dalla Prima Lega del 2010 targata Raimondo Ponte e proseguita sempre sui binari dell’incertezza e ai limiti della sopravvivenza, basti pensare che una sola volta la compagine momò ha terminato il campionato sopra il settimo posto (nel 2012/2013 quando con Livio Bordoli in panchina si era piazzata sesta), mentre praticamente ogni anno ha flirtato con la retrocessione, evitata nella passata stagione solo grazie alla cancellazione dei campionati inferiori a causa della pandemia e in quella precedente con un incredibile colpo di coda proprio all’ultima giornata, quando il successo in rimonta a Wil (2-1) e la contemporanea sconfitta del Rapperswil ad Aarau (1-0) aveva permesso agli uomini dell’allora tecnico Andrea Manzo di superare (di un punto) in classifica i sangallesi.

Inizio col botto ma il gol degli ospiti taglia le gambe

Un miracolo che non si è riprodotto al Riva IV e questo nonostante l’ottimo inizio degli uomini di Baldo Raineri. Un gol rapido è infatti quello che il Chiasso cercava per mettere subito un po’ di pressione sugli ospiti e tale scenario si è prontamente concretizzato al 15’, quando Hadzi appena da dentro l’area ha sfoderato una conclusione incrociata di sinistro leggermente deviata da un difensore, ma abbastanza per sorprendere il portiere neocastellano con il pallone che ha sbattuto sul palo prima di finire in rete. Un gol che ha ulteriormente caricato i padroni di casa, capaci di trovare il 2-0 appena sette minuti più tardi con un altro sinistro, stavolta di Dixon, che da fuori area ha infilato Walthert alla sua destra. A frenare lo slancio dei rossoblù ci ha pensato pochi minuti dopo quel volpone di Nuzzolo colpendo un palo che ha anche avuto il merito di scuotere i suoi, tanto da portarli a trovare il pesantissimo 2-1 con Parapar, il quale ha superato Safarikas dopo un pallone mal negoziato dalla difesa di casa. Un duro colpo al quale i chiassesi sono riusciti a rispondere solo in chiusura di tempo con un destro ancora di Hadzi di poco a lato.

Nemmeno la pausa è purtroppo servita a riaccendere il fuoco sacro dei chiassesi che nella ripresa ci hanno encomiabilmente provato, ma senza la necessaria qualità e l’energia (soprattutto mentale) di inizio partita, tanto che la prima mezza occasione è stata una conclusione alta di Bahloul al 65’, a cui sono seguite solo un paio di disperate mischie in area avversaria negli ultimi minuti. E così, nonostante l’aggancio ai rossoneri a quota 36 punti reso però vano dalla peggior differenza reti, il Chiasso è retrocesso in Promotion League.

Quel minimo di continuità arrivato troppo tardi

Una retrocessione che per quanto già elencato in precedenza e considerando le difficoltà non solo sportive – in primis a livello di budget, uno dei più limitati del professionismo elvetico – vissute nel recente passato dal club momò, ha ben poco di clamoroso ed è figlia di una stagione che in fondo rispecchia la confusione e la mancanza di stabilità che regna in seno alla società di confine, come dimostrano anche i numeri fuori dal campo: il Chiasso è la formazione di Challenge che in questa stagione ha inserito più giocatori in contingente, ben 39, di cui 18 under 21 formati in Svizzera. A titolo di paragone, al secondo posto di questa speciale classifica c’è il Winterthur con 34 (16 U21), lo Xamax si è fermato a 32 (11) e il promosso Grasshopper a 28 (7). Ancora più impressionante il numero di trasferimenti effettuati dai rossoblù tra la sessione di mercato estiva e quella invernale: sulla lista registrata dalla Swiss Football League figurano addirittura 53 nomi, per 31 partenze e 22 arrivi. Certo, non tutti si sono effettivamente fermati al Riva IV visto che i giocatori utilizzati in stagione da Raineri sono stati 35, ma rimangono comunque troppi per poter ambire a un minimo di continuità tanto a livello di spogliatoio quanto poi di prestazioni e risultati. Anche per una realtà che deve giocoforza – per i citati limiti di budget e per quelli strutturali prima ancora che per vocazione – puntare sulla formazione e sulla valorizzazione dei giovani talenti.

E non è certo un caso se dopo una prima metà di stagione apertasi con l’impresa in Coppa Svizzera contro lo Zurigo (battuto 3-2 al secondo turno) ma poi decisamente avara di soddisfazioni (10 sconfitte, 2 pareggi e solo 3 vittorie, per una media di 0,7 punti a partita), è dopo Natale e una finestra di trasferimenti invernale decisamente meno “animata” di quella estiva (13 operazioni di mercato contro 40) che Maccoppi e compagni hanno mostrato le cose migliori, trovando appunto una certa continuità attraverso oltretutto un gioco piacevole e propositivo. Nel 2021 nei 21 match di campionato (senza quindi contare l'eliminazione negli ottavi di Coppa per mano del Lucerna) sono arrivati sì 8 rovesci, ma anche 6 successi e 7 pari, con una media che si è alzata a oltre un punto (1,2) a partita. Una progressione che ha riacceso il sogno salvezza dei ticinesi, arrivati – nonostante la pesante eredità della prima parte di campionato – a un niente dal lasciare l’ultimo posto occupato per tutta la stagione, ma costretti sul più bello a riaprire gli occhi dalla sconfitta nello scontro diretto del possibile aggancio al Wil (3-2 alla terzultima giornata), prima di rendersi conto dopo l’ultimo giro di giostra che la realtà – leggasi retrocessione – è un incubo dal quale sarà davvero difficile svegliarsi.

Silenzio poco elegante della società rossoblù. Djuric: 'Questo non è più il mio Chiasso'

Un boccone talmente amaro – seppur non del tutto inatteso, anzi – da indurre la società momò a non rilasciare dichiarazioni a fine match, impedendo anche ai suoi giocatori di presentarsi davanti ai nostri microfoni. Un atteggiamento che, seppur stigmatizzandolo, non possiamo che accettare, lasciando spazio a chi invece può festeggiare per essere riuscito a evitare una seconda retrocessione consecutiva che avrebbe avuto del clamoroso... «Sapevamo che sarebbe stata una stagione complicata e anche che questa sera avremmo dovuto soffrire e posso tranquillamente dire che è la sconfitta più bella della mia vita», afferma il difensore ticinese dello Xamax e proprio ex Chiasso Igor Djuric, che poi si toglie un sassolino dalla scarpa: «Qualche settimana fa ho letto che qualcuno in casa Chiasso affermava che abbiamo comprato delle partite, ma tutte le nostre vittorie le abbiamo conquistate sul campo. Sono brutte accuse e a maggior ragione sono contento per com'è finita questa serata, anche perché questo nono è più il Chiasso in cui ho giocato io, quello dei giovani cresciuti qui, quello vero».

Chiasso - Neuchâtel Xamax (2-1) 2-1

Reti: 15’ Hadzi 1-0. 22’ Dixon 2-0. 32’ Parapar 2-1

Chiasso: Safarikas; Dixon (75' Pasquarelli), Affolter, Pavlovic; Malinowski (81' Lujic), Maccoppi, Silva, Hadzi; Bahloul, Marzouk; Cortesi (66’ Manicone)

Neuchâtel Xamax: Walthert; Mveng, Gomes, Basha, Djuric (50’ Morgado), Kempter; Dominguez, Beloko (63’ Corbaz); Parapar (63’ Mutombo), Mafouta (90' Dugourd), Nuzzolo.

Arbitro: Fähndrich

Note: 100 spettatori. Chiasso senza Hajrizi (squalificato), Antoniazzi, Sörensen e Morganella (infortunati); Neuchâtel privo di Rodriguez, Epitaux, Bangura e Koura (infortunati). Al 24’ palo di Nuzzolo. Ammoniti: 23’ Bahloul. 45’ Djuric. 69' Affolter. 79' Mutombo. 85' Walthert. 93' Maccoppi.

CALCIO: Risultati e classifiche

Guarda tutte le 12 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved