PHI Flyers
2
NY Islanders
2
2. tempo
(1-1 : 1-1)
BOS Bruins
1
CAR Hurricanes
5
1. tempo
(1-5)
WAS Capitals
2
WIN Jets
2
2. tempo
(1-2 : 1-0)
OTT Senators
1
BUF Sabres
1
2. tempo
(0-1 : 1-0)
DAL Stars
MON Canadiens
02:30
 
CAL Flames
FLO Panthers
03:00
 
PHI Flyers
2
NY Islanders
2
2. tempo
(1-1 : 1-1)
BOS Bruins
1
CAR Hurricanes
5
1. tempo
(1-5)
WAS Capitals
2
WIN Jets
2
2. tempo
(1-2 : 1-0)
OTT Senators
1
BUF Sabres
1
2. tempo
(0-1 : 1-0)
DAL Stars
MON Canadiens
02:30
 
CAL Flames
FLO Panthers
03:00
 
in-coppa-svizzera-il-lugano-non-inciampa-sul-monthey
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
4 ore

Non è un martedì facile, ma il Lugano torna a sorridere

Traber e Bertaggia spianano la strada, ma poi i bianconeri debbono fare i conti con il ritorno dell’Ajoie, prima di centrare la prima vittoria del 2022
Podismo
9 ore

Lukas Oehen e Giulia Salvadé vincono il cross di Bellinzona

Gab protagonista con cinque vittorie nella quinta prova di Coppa Ticino Ftal Aet che ha lanciato l’annata 2022. In evidenza anche Rcb e Sab.
Bob
9 ore

Follador chiude la stagione tra i migliori d’Europa

Grazie anche alle prestazioni del pilota del Bcsi (con il frenatore Nicola Mariani), la Svizzera ritorna tra le prime quattro nazioni al mondo
L’angolo delle bocce
10 ore

Si riprende a giocare da Cavergno con una gara a coppie

Stagione 2022 al via domenica con una sfida regionale proposta dalle bocciofile Stella di Locarno e Verzaschesi di Gordola
NUOTO
10 ore

Dominio azzurro nel Meeting del Ceresio

Solo 12 delle 78 medaglie in palio sono andate ai ticinesi. Tra gli atleti di casa, in evidenza Tamas Terner ed Emanuele Brivio
Unihockey
10 ore

Weekend da 6 punti, playoff più vicini per il Ticino

La squadra di Tomatis ha battuto Grünenmatt (9-7 in trasferta) e Sarganserland (8-3 all’Arti&Mestieri) ed è quarta in classifica
Hockey
11 ore

Alatalo, Loeffel, Müller, Fora e Simion voleranno a Pechino

Resi noti i 25 ‘eletti’ che Patrick Fischer porterà alle Olimpiadi. Obiettivo dichiarato della Svizzera: le semifinali
Sci nordico
11 ore

Ai Campionati nazionali l’oro va a Fähndrich e Steiner

Nello sprint vittorie di Van der Graaf e Riebli. Progressi per il ticinese Alessandro Vanzetti, dodicesimo e diciannovesimo
Tennis
11 ore

Murray l’inossidabile batte Basilashvili in cinque set

Il britannico è di ritorno a Melbourne a tre anni di distanza da quella che avrebbe dovuto essere l’ultima partita della carriera
Basket
12 ore

Senza alcun senso la formula della Coppa

Il sorteggio libero è anacronistico e sfavorisce troppo le squadre di categoria inferiore. Domani in campionato torna in campo (a Monthey) la Sam Massagno
Tennis
19 ore

Niente impresa per Henri Laaksonen, battuto da Medvedev

Il russo, numero 2 al mondo, mette fine ai sogni di gloria dello sciaffusano agli Australian Open. Eliminate anche Vögele e Golubic
Hockey
19 ore

Storica quintina di Timo Meier sulle piste di Nhl

L’appenzellese degli San José Sharks diventa il primo giocatore svizzero a realizzare cinque gol nella medesima partita di Nhl
CALCIO
07.04.2021 - 20:420

In Coppa Svizzera il Lugano non inciampa sul Monthey

I ticinesi, pur se in formazione rimaneggiata, approcciano bene la sfida in Vallese e trovano tre reti con Christopher Lungoyi. Nei quarti ci sarà il Lucerna

Come logica voleva, il Lugano è approdato ai quarti di finale di Coppa Svizzera, dove martedì 13 aprile affronterà il Lucerna. Non era il Monthey, formazione di Seconda Lega interregionale, a poter rappresentare un ostacolo per una compagine bianconera che ha dimostrato nelle ultime settimane del campionato di Super League di viaggiare con il vento in poppa. E la squadra vallesana non si è dimostrata in grado di fermare la marcia degli uomini di Maurizio Jacobacci, nonostante una prestazione di buon livello, nel corso della quale ha saputo tenere in scacco l’avversario per oltre mezz’ora.

Il tecnico del Lugano ha deciso di rimaneggiare la formazione, lasciando a casa alcuni titolari (Maric, Guerrero, Baumann, Lovric, Lavanchy) e relegandone in panchina altri (Sabbatini e Bottani). Spazio, di conseguenza, a elementi che finora avevano trovato poco spazio (su tutti Opara e Monzialo) e nel finale pure ad alcuni giovani, come Nikolas Muci e Simone Mazzoletti.

Nonostante l’undici di partenza ampiamente rimaneggiato, il Lugano non ha avuto grosse difficoltà contro un avversario di quattro categorie inferiore. Nel corso della prima mezz’ora, è vero, ha dovuto trovare il giusto assetto in campo e le consuete geometrie tra elementi poco avvezzi a giostrare assieme (la bacchetta di direttore d’orchestra Jacobacci l’ha comunque lasciata nelle mani di Oliver Custodio, anche perché squalificato per la partita di sabato contro il Losanna), tant’è che la prima vera occasione della partita è capitata sui piedi dei padroni di casa, con un pallone che lemme lemme è andato a spegnersi a fianco del palo sinistro della porta difesa da Osigwe. Poi, però, con il passare dei minuti il collettivo bianconero è venuto a galla e in cattedra è salito Christopher Lungoyi che dapprima ha sfruttato un traversone di Macek mal gestito dalla difesa, per battere a rete da due passi (35’), poi ha beffato con un pallonetto di testa (sempre su servizio di Macek) il portiere avversario Saffioti, autore di un’uscita avventata (39’).

Due gol che hanno di fatto chiuso la pendenza, in quanto il Monthey ha capito che recuperare sarebbe stata missione impossibile. E, per buona misura, al 67’ ancora Lungoyi ha firmato la tripletta personale con una conclusione al volo da centroarea su intelligente imbeccata da destra di Monzialo.

Durante tutta la ripresa, il Lugano si è limitato a gestire la situazione, cercando di correre il minor numero di pericoli possibile contro un Monthey che ha comunque avuto il pregio di onorare l’impegno (ha costretto Osigwe a un paio di interventi importanti). I bianconeri hanno cercato di tenere sotto pressione la difesa vallesana, ma senza mai dare l’impressione di voler davvero affondare il colpo.

Per la società ticinese, la Coppa Svizzera rappresenta un trofeo importante da inseguire (il presidente Angelo Renzetti non ha ovviamente ancora digerito la sconfitta a opera dello Zurigo nella finale del 2016). Ma, come dimostra la fatica con la quale il Servette ha avuto la meglio del Vevey (due rigori di Imeri all’85’ e 92’), in una competizione a eliminazione diretta il passo falso è sempre lì dietro l’angolo. Per cui il Lugano va senz’altro complimentato per lo spirito con il quale è sceso in campo: concentrazione e attitudine giuste hanno permesso di evitare che la trasferta a Monthey si complicasse come avvenuto in altre occasioni, quando per andare avanti erano stati necessari anche i tempi supplementari, fatica ben volentieri risparmiata in questo finale di stagione già di per sé carico di impegni e appuntamenti.

Monthey - Lugano (0-2) 0-3

Reti: 35’ Lungoyi 0-1. 39’ Lungoyi 0-2. 67’ Lungoyi 0-3

Monthey: Saffiori; Roux, Kurtiu, Martins; Vogel, Baillifard, R. Derivaz (69’ Aslan), Lima (74’ Käser); Oliveira; K. Derivaz (88’ Martenet), Constantin (87’ Jasari)

Lugano: Osigwe; Opara, Kecskes, Daprelà, Facchinetti (82’ Mazzoletti); Macek, Custodio, Guidotti; Monzialo (68’ Abubakar); Gerndt, Lungoyi (83’ Muci)

Arbitro: Wolfensberger

Note: porte chiuse. Ammonito: 16’ Custodio

CALCIO: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved