PHI Flyers
2
NY Islanders
2
3. tempo
(1-1 : 1-1 : 0-0)
BOS Bruins
1
CAR Hurricanes
5
2. tempo
(1-5 : 0-0)
WAS Capitals
2
WIN Jets
2
3. tempo
(1-2 : 1-0 : 0-0)
OTT Senators
1
BUF Sabres
1
3. tempo
(0-1 : 1-0 : 0-0)
NAS Predators
0
VAN Canucks
0
2. tempo
(0-0 : 0-0)
DAL Stars
0
MON Canadiens
0
1. tempo
(0-0)
CAL Flames
FLO Panthers
03:00
 
PHI Flyers
2
NY Islanders
2
3. tempo
(1-1 : 1-1 : 0-0)
BOS Bruins
1
CAR Hurricanes
5
2. tempo
(1-5 : 0-0)
WAS Capitals
2
WIN Jets
2
3. tempo
(1-2 : 1-0 : 0-0)
OTT Senators
1
BUF Sabres
1
3. tempo
(0-1 : 1-0 : 0-0)
NAS Predators
0
VAN Canucks
0
2. tempo
(0-0 : 0-0)
DAL Stars
0
MON Canadiens
0
1. tempo
(0-0)
CAL Flames
FLO Panthers
03:00
 
lustrinelli-un-cuoco-con-la-ricetta-giusta
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
5 ore

Non è un martedì facile, ma il Lugano torna a sorridere

Traber e Bertaggia spianano la strada, ma poi i bianconeri debbono fare i conti con il ritorno dell’Ajoie, prima di centrare la prima vittoria del 2022
Podismo
9 ore

Lukas Oehen e Giulia Salvadé vincono il cross di Bellinzona

Gab protagonista con cinque vittorie nella quinta prova di Coppa Ticino Ftal Aet che ha lanciato l’annata 2022. In evidenza anche Rcb e Sab.
Bob
9 ore

Follador chiude la stagione tra i migliori d’Europa

Grazie anche alle prestazioni del pilota del Bcsi (con il frenatore Nicola Mariani), la Svizzera ritorna tra le prime quattro nazioni al mondo
L’angolo delle bocce
10 ore

Si riprende a giocare da Cavergno con una gara a coppie

Stagione 2022 al via domenica con una sfida regionale proposta dalle bocciofile Stella di Locarno e Verzaschesi di Gordola
NUOTO
11 ore

Dominio azzurro nel Meeting del Ceresio

Solo 12 delle 78 medaglie in palio sono andate ai ticinesi. Tra gli atleti di casa, in evidenza Tamas Terner ed Emanuele Brivio
Unihockey
11 ore

Weekend da 6 punti, playoff più vicini per il Ticino

La squadra di Tomatis ha battuto Grünenmatt (9-7 in trasferta) e Sarganserland (8-3 all’Arti&Mestieri) ed è quarta in classifica
Hockey
11 ore

Alatalo, Loeffel, Müller, Fora e Simion voleranno a Pechino

Resi noti i 25 ‘eletti’ che Patrick Fischer porterà alle Olimpiadi. Obiettivo dichiarato della Svizzera: le semifinali
Sci nordico
12 ore

Ai Campionati nazionali l’oro va a Fähndrich e Steiner

Nello sprint vittorie di Van der Graaf e Riebli. Progressi per il ticinese Alessandro Vanzetti, dodicesimo e diciannovesimo
Tennis
12 ore

Murray l’inossidabile batte Basilashvili in cinque set

Il britannico è di ritorno a Melbourne a tre anni di distanza da quella che avrebbe dovuto essere l’ultima partita della carriera
Basket
12 ore

Senza alcun senso la formula della Coppa

Il sorteggio libero è anacronistico e sfavorisce troppo le squadre di categoria inferiore. Domani in campionato torna in campo (a Monthey) la Sam Massagno
Tennis
19 ore

Niente impresa per Henri Laaksonen, battuto da Medvedev

Il russo, numero 2 al mondo, mette fine ai sogni di gloria dello sciaffusano agli Australian Open. Eliminate anche Vögele e Golubic
Hockey
20 ore

Storica quintina di Timo Meier sulle piste di Nhl

L’appenzellese degli San José Sharks diventa il primo giocatore svizzero a realizzare cinque gol nella medesima partita di Nhl
Tennis
21 ore

‘Djokovic era sereno, gli australiani un po’ meno’

Tristan Schoolkate, sparring partner di Nole durante il suo breve soggiorno australiano, racconta a laRegione l’incontro con il campione serbo
Gallery
Calcio
1 gior

Petkovic, dall’altare di Bucarest alla polvere della Gironda

Il pesante 6-0 rimediato a Rennes pone l’ex ct della Svizzera a serio rischio esonero. Il suo Bordeaux è penultimo con la peggior differenza reti
CALCIO
1 gior

Per la Fifa, Lewandowski è il giocatore dell’anno

Il polacco del Bayern Monaco premiato con il ‘Best Player’. Ha preceduto Leo Messi e Mohamed Salah. Tra le donne vittoria di Alexia Putellas (Barcellona)
Sci
1 gior

Beat Feuz di nuovo papà: è nata Luisa

Con un tempismo perfetto, la secondogenita dello sciatore rossocrociato è venuta al mondo dopo le gare di Wengen e prima di quelle di Kitzbühel
FREESTYLE
1 gior

Dopo Deer Valley per Marco Tadè ci sono le Olimpiadi

Il ticinese è pronto a volare a Pechino, mentre Nicole Gasparini negli Stati Uniti non è riuscita a staccare il biglietto per i Giochi
CALCIO
1 gior

Inghilterra e Kosovo per le amichevoli di marzo

Reso noto il programma 2022 della Nazionale svizzera. Nel mese di giugno quattro partite di Nations League in dieci giorni. E in novembre i Mondiali
HOCKEY
1 gior

‘Playoff lontani, ma provarci rimane un dovere’

Santeri Alatalo e il difficile momento del Lugano: ‘Le ultime sconfitte ci sono costate molto sul piano emotivo, ma abbiamo i mezzi per riprenderci’
CALCIO
23.03.2021 - 20:280

Lustrinelli, un cuoco con la ricetta giusta

Il selezionatore della U21: ‘Un allenatore è come uno chef, non bastano i prodotti di qualità, bisogna saperli unire. Vogliamo terminare la nostra Misione’

Alcuni assicurano che abbia il profilo giusto per guidare, in futuro, la Nazionale maggiore. Per il momento, Mauro Lustrinelli ha accettato la sua prima grande sfida come selezionatore della Svizzera U21, portandola alla fase finale dell’Europeo che inizierà mercoledì in Slovenia. Inghilterra, Croazia e Portogallo ostacoleranno i giovani rossocrociati, protagonisti di una notevole campagna di qualificazione. Ma per la Svizzera, l'idea è quella di completare la “Missione”, un termine coniato dal dipartimento di comunicazione dell’Asf e che è servito come linea guida per questa squadra e per il suo allenatore 45enne. In un'intervista con Keystone-Ats, il ticinese spiega il processo iniziato più di due anni fa.

Il termine “missione” vi accompagna dall'inizio dell'avventura. Senti che i giocatori l'hanno accettato? 

«Assolutamente. Potete chiederlo direttamente a loro. Fin dall'inizio sapevamo che c'era qualcosa di speciale. I ragazzi sono davvero maturi, hanno quel desiderio, quel fuoco. Siamo qui per aiutarli a dimostrare le loro qualità. Ma l'identificazione con qualcosa di più grande è molto importante. La missione è ciò con cui possono relazionarsi, con quello spirito di squadra, il vivere insieme. Un allenatore è come uno chef: non basta avere i prodotti di qualità, occorre anche la ricetta giusta. Bisogna cercare buone relazioni tra i giocatori, tra persone che hanno emozioni diverse».

Come hai costruito questa idea di spirito di gruppo?

«Abbiamo fatto molta strada. Prima di tutto, abbiamo formato uno staff molto forte, in modo da avere una squadra nella squadra. Poi abbiamo cercato di portare un'identità, sia con l'idea di “Missione”, sia con la costruzione del nostro stile di gioco. Abbiamo pensato all'atteggiamento che volevamo avere. Abbiamo sentito che se volevamo progredire a livello internazionale, dovevamo farlo anche nella nostra testa. Quando parliamo di intensità, non ne parliamo solo a livello fisico, ma anche mentale: “Cosa sei disposto a fare per prepararti a vincere?”. E poi ho seguito i giocatori, cercando sempre di parlare con loro degli aspetti mentali. Volevo costruire un rapporto per capirli e aiutarli. Siamo cresciuti insieme».

A livello umano, ha cercato giocatori con un profilo particolare?

«No, non proprio. Perché non credo che in Svizzera si possa cercare un solo profilo. Altrimenti i giocatori a disposizione non sarebbero molti. Mi adatto alle caratteristiche dei miei ragazzi. Devono corrispondere alla mentalità del gruppo».

È speciale allenare una squadra U21, sapendo che sono giovani, ma già professionisti?

«Non è più calcio giovanile. Alcuni di loro giocano all'estero. A livello internazionale l'intensità delle partite è molto alta, proprio come in occasione delle due sfide contro la Francia. A volte ci sono ancora degli errori di gioventù che non possono essere compensati, come invece avviene nei club, dall'esperienza di elementi di 30 anni. Ma abbiamo bisogno che alcuni di loro si assumano questa responsabilità. Questi sono giovani giocatori che normalmente nei loro club non hanno un ruolo di leader. Qui hanno l'opportunità di crescere anche sotto questo aspetto».

Come si fa a parlare con loro?

«Per me non esistono giovani o vecchi. Sono persone e io cerco di costruire un rapporto con le persone. Con una buona energia, rispetto e fiducia reciproca. Mi chiamano Mauro o coach. Non sono un allenatore che frappone molta distanza nei confronti dei suoi giocatori, ma questo non ha niente a che vedere con il rispetto».

E come ti percepiscono?

«Come un allenatore della squadra nazionale che è lì per aiutarli a realizzare i loro obiettivi. Il mio ruolo è quello di indicare la direzione e convincerli che seguendo una certa strada possiamo avere successo. Se i ragazzi hanno fiducia in te, allora ti seguiranno. E se seguono lo staff, allora noi possiamo dar loro fiducia. È un’interazione che si sviluppa nei due sensi. Se credono nel progetto, allora sono pronti a morire in campo per realizzarlo. È davvero un circolo virtuoso».

Come vedi questa generazione da un punto di vista tecnico-tattico?

«A livello tecnico siamo a posto. Anche dal punto di vista tattico. Fisicamente, non siamo ancora al livello di squadre come l'Inghilterra, che sono abituate a giocare ad alta intensità. Mentalmente, abbiamo già fatto un grande passo avanti. Dopo di che, quando prendi un gol all'ultimo minuto contro la Francia, puoi dire a te stesso che avresti potuto fare di più. Per questo dico che la sconfitta è arrivata al momento giusto».

La qualificazione per l'Euro rappresenta già un obiettivo raggiunto?

«Vincere nove partite di fila è stata una cosa importante. Sono anche contento della sconfitta in Francia (2-1 a novembre, ndr). Dovrebbe insegnarci che se non cerchiamo di migliorare, ogni piccolo errore sarà pagato  caro prezzo. Se nelle tre partite dell’Euro non saremo di nuovo disposti a compiere qualcosa di straordinario, sarà molto difficile ottenere i risultati che sognamo».

Che tipo di calcio può giocare la Svizzera U21 contro squadre forti come Inghilterra, Portogallo e Croazia?

«La nostra idea è quella di mantenere la nostra identità, con una buona struttura difensiva molto organizzata. E di essere molto dinamici nella fase offensiva, con il desiderio di cercare la verticalità. Questa è la nostra base e spero che chi guarderà le nostre partite veda una squadra piena di passione e che vuole segnare un gol in più dell'avversario».

Come allenatore, come ti descriveresti?

«Prima di tutto, i giocatori devono andare in campo sapendo cosa fare. Ma di sicuro, nella squadra nazionale, non si può fare molto. Devi dare due o tre concetti dominanti. E bisogna essere flessibili e adattarsi ai giocatori. Almeno nella fase offensiva, perché in quella difensiva c'è solo disciplina».

Sei vicino alle idee di Vladimir Petkovic?

«Sì, in molte cose. Anche se usiamo sistemi completamente diversi. Ma siamo simili in molti aspetti». 

Il ruolo di un allenatore U21 non dovrebbe essere quello di preparare i suoi giocatori per la selezione maggiore?

«Con Pektovic, abbiamo molti scambi, ma non espressamente sulla tattica. Si tratta soprattutto del lato mentale delle cose. Vlado ritiene che un giocatore debba fare la differenza nella U21 per avere la possibilità di andare con la Nazionale maggiore».

Per molti giocatori, questo Euro rappresenterà l'ultima opportunità di indossare la maglia della Svizzera, dato che non andranno mai in prima squadra…

«Esattamente. Devono giocare come se fosse l'ultima partita della loro vita con la maglia rossocrociata».

CALCIO: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved