Wawrinka S. (SUI)
0
BUBLIK A. (KAZ)
0
1 set
(1-2)
DJOKOVIC N. (SRB)
2
TIAFOE F. (USA)
0
fine
(6-1 : 6-3)
BERRETTINI M./DJOKOVIC N.
0
MINAUR A./SOCK J.
0
1 set
(3-0)
Kloten
2
Berna
3
fine
(2-0 : 0-1 : 0-1 : 0-1)
Ambrì
2
Ginevra
3
3. tempo
(0-1 : 2-0 : 0-2)
Zugo
4
Ajoie
3
3. tempo
(0-1 : 2-1 : 2-1)
Lugano
2
Losanna
3
3. tempo
(1-1 : 0-1 : 1-1)
Lakers
4
Langnau
0
3. tempo
(2-0 : 1-0 : 1-0)
GCK Lions
7
Visp
3
3. tempo
(1-0 : 2-1 : 4-2)
Winterthur
3
La Chaux de Fonds
7
3. tempo
(1-4 : 1-2 : 1-1)
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
6 min

Ambrì, la prima sconfitta sotto gli occhi di McCourt

In vantaggio di un gol fino al 49’, i biancoblù di Luca Cereda beffati da un Servette che diventa nuovo capolista (virtuale) grazie a due gol in un minuto
CALCIO
4 ore

Rossocrociati in Spagna pensando già al Qatar

La nazionale Svizzera affronta stasera le Furie rosse per la Nations League
CICLISMO
8 ore

Le speranze mondiali dell’emergente Mauro Schmid

Domani a Wollongong, in Australia, in palio il titolo iridato della corsa in linea
TENNIS
14 ore

La notte dei sorrisi (e delle lacrime) che non scorderemo mai

A Londra, nel torneo da lui stesso ideato, King Roger ha chiuso una carriera irripetibile. Federer nell’Olimpo come Muhammad Ali e Michael Jordan.
HOCKEY
21 ore

Un ottimo tempo non basta, Lugano kappaò a Ginevra

Alle Vernets seconda sconfitta in tre partite per i bianconeri, nella sera del debutto di Connolly. ‘Dobbiamo capire il power-play cos’ha che non va’.
HOCKEY
21 ore

Ambrì, la fuga, il rilassamento e il sollievo

Dopo un avvio strepitoso i biancoblù lasciano rientrare in partita l’Ajoie, ma all’overtime riesce a trovare la quarta vittoria di fila, grazie a Virtanen
HCL
23 ore

Il Lugano fermato a Ginevra, nonostante un ottimo primo tempo

Nella loro prima trasferta stagionale bianconeri battuti alle Vernets nella sera del debutto di Connolly. Le due reti ticinesi firmate da Granlund e
HCAP
23 ore

L’Ambrì sbanca Porrentruy

I biancoblù infilano la quarta vittoria consecutiva, vincendo in terra giurassiana dopo il supplementare per 5-4
Tennis
1 gior

A Metz Wawrinka batte anche Ymer: è semifinale

Il giorno dopo aver eliminato dal torneo francese il numero 4 al mondo, il vodese riesce a buttar fuori anche il numero 100: finisce 6-4 4-6 7-6
Football americano
1 gior

Super Bowl: la Apple si beve la Pepsi

L’accordo pluriennale entrerà in vigore a partire dalla prossima edizione della finalissima di campionato di National Football League
ATLETICA
1 gior

Al MilLe Gruyère i ticinesi a caccia di un posto al Weltklasse

Domani a Ginevra saranno i giovani mezzofondisti a chiudere le finali nazionali di Swiss Athletics, e per i rossoblù quest’edizione sembra promettere bene
gallery
hockey
1 gior

È tempo di derby, anche fra le donne

Domenica alla Gottardo Arena il primo storico incontro tra Hcap Girls e Ladies Lugano. Allenatori concordi: ‘Sulla carta il Lugano è il grande favorito’
BASKET
1 gior

Cambio della guardia alla Sav: Cambieri nuovo presidente

Dopo cinque anni Michele Sera lascia il ruolo di coordinatore della Sezione basket della polisportiva, cedendo il testimone a un giovane di Vacallo
FUTSAL PER SORDI
1 gior

Il Ticino primeggia a Seon e bussa alle porte della Champions

Terza affermazione consecutiva dei ragazzi dell’United Deaf Club ai Campionati nazionali nel Canton Argovia, dove trionfano senza perdere un solo incontro
Gallery
Tennis
1 gior

Aspettando Federer: il lungo commiato di un eterno

Dopo l’ultimo saluto alla regina, Londra fa da sfondo a un altro addio, stavolta sportivo: quello di re Roger
Calcio
2 gior

L’Acb batte il Lugano e si aggiudica il torneo di Giubiasco

Davanti a un migliaio di spettatori i granata segnano due volte nel finale e vincono il triangolare organizzato per l’ottantesimo dell’Usg
BASKET
2 gior

La Sam torna in campo. Per provare a vincere

Fabio Regazzi e la Spinelli guardano ambiziosi alla nuova stagione. ‘L’anno scorso c’è mancato qual-cosa per arrivare a met-tere le mani su un trofeo’
Tennis
2 gior

Riecco ‘Stan the Man’: batte Medvedev e vola ai quarti

Prima grossa soddisfazione per Wawrinka dal suo ritorno alle competizioni: il vodese batte il numero 4 al mondo con il punteggio di 6-4 6-7 (7/9) 6-3
Tennis
2 gior

Roger dice addio al fianco di Rafa

Sarà un doppio giocato con Nadal l’ultima partita della carriera di Federer
CALCIO
23.03.2021 - 20:28

Lustrinelli, un cuoco con la ricetta giusta

Il selezionatore della U21: ‘Un allenatore è come uno chef, non bastano i prodotti di qualità, bisogna saperli unire. Vogliamo terminare la nostra Misione’

lustrinelli-un-cuoco-con-la-ricetta-giusta

Alcuni assicurano che abbia il profilo giusto per guidare, in futuro, la Nazionale maggiore. Per il momento, Mauro Lustrinelli ha accettato la sua prima grande sfida come selezionatore della Svizzera U21, portandola alla fase finale dell’Europeo che inizierà mercoledì in Slovenia. Inghilterra, Croazia e Portogallo ostacoleranno i giovani rossocrociati, protagonisti di una notevole campagna di qualificazione. Ma per la Svizzera, l'idea è quella di completare la “Missione”, un termine coniato dal dipartimento di comunicazione dell’Asf e che è servito come linea guida per questa squadra e per il suo allenatore 45enne. In un'intervista con Keystone-Ats, il ticinese spiega il processo iniziato più di due anni fa.

Il termine “missione” vi accompagna dall'inizio dell'avventura. Senti che i giocatori l'hanno accettato? 

«Assolutamente. Potete chiederlo direttamente a loro. Fin dall'inizio sapevamo che c'era qualcosa di speciale. I ragazzi sono davvero maturi, hanno quel desiderio, quel fuoco. Siamo qui per aiutarli a dimostrare le loro qualità. Ma l'identificazione con qualcosa di più grande è molto importante. La missione è ciò con cui possono relazionarsi, con quello spirito di squadra, il vivere insieme. Un allenatore è come uno chef: non basta avere i prodotti di qualità, occorre anche la ricetta giusta. Bisogna cercare buone relazioni tra i giocatori, tra persone che hanno emozioni diverse».

Come hai costruito questa idea di spirito di gruppo?

«Abbiamo fatto molta strada. Prima di tutto, abbiamo formato uno staff molto forte, in modo da avere una squadra nella squadra. Poi abbiamo cercato di portare un'identità, sia con l'idea di “Missione”, sia con la costruzione del nostro stile di gioco. Abbiamo pensato all'atteggiamento che volevamo avere. Abbiamo sentito che se volevamo progredire a livello internazionale, dovevamo farlo anche nella nostra testa. Quando parliamo di intensità, non ne parliamo solo a livello fisico, ma anche mentale: “Cosa sei disposto a fare per prepararti a vincere?”. E poi ho seguito i giocatori, cercando sempre di parlare con loro degli aspetti mentali. Volevo costruire un rapporto per capirli e aiutarli. Siamo cresciuti insieme».

A livello umano, ha cercato giocatori con un profilo particolare?

«No, non proprio. Perché non credo che in Svizzera si possa cercare un solo profilo. Altrimenti i giocatori a disposizione non sarebbero molti. Mi adatto alle caratteristiche dei miei ragazzi. Devono corrispondere alla mentalità del gruppo».

È speciale allenare una squadra U21, sapendo che sono giovani, ma già professionisti?

«Non è più calcio giovanile. Alcuni di loro giocano all'estero. A livello internazionale l'intensità delle partite è molto alta, proprio come in occasione delle due sfide contro la Francia. A volte ci sono ancora degli errori di gioventù che non possono essere compensati, come invece avviene nei club, dall'esperienza di elementi di 30 anni. Ma abbiamo bisogno che alcuni di loro si assumano questa responsabilità. Questi sono giovani giocatori che normalmente nei loro club non hanno un ruolo di leader. Qui hanno l'opportunità di crescere anche sotto questo aspetto».

Come si fa a parlare con loro?

«Per me non esistono giovani o vecchi. Sono persone e io cerco di costruire un rapporto con le persone. Con una buona energia, rispetto e fiducia reciproca. Mi chiamano Mauro o coach. Non sono un allenatore che frappone molta distanza nei confronti dei suoi giocatori, ma questo non ha niente a che vedere con il rispetto».

E come ti percepiscono?

«Come un allenatore della squadra nazionale che è lì per aiutarli a realizzare i loro obiettivi. Il mio ruolo è quello di indicare la direzione e convincerli che seguendo una certa strada possiamo avere successo. Se i ragazzi hanno fiducia in te, allora ti seguiranno. E se seguono lo staff, allora noi possiamo dar loro fiducia. È un’interazione che si sviluppa nei due sensi. Se credono nel progetto, allora sono pronti a morire in campo per realizzarlo. È davvero un circolo virtuoso».

Come vedi questa generazione da un punto di vista tecnico-tattico?

«A livello tecnico siamo a posto. Anche dal punto di vista tattico. Fisicamente, non siamo ancora al livello di squadre come l'Inghilterra, che sono abituate a giocare ad alta intensità. Mentalmente, abbiamo già fatto un grande passo avanti. Dopo di che, quando prendi un gol all'ultimo minuto contro la Francia, puoi dire a te stesso che avresti potuto fare di più. Per questo dico che la sconfitta è arrivata al momento giusto».

La qualificazione per l'Euro rappresenta già un obiettivo raggiunto?

«Vincere nove partite di fila è stata una cosa importante. Sono anche contento della sconfitta in Francia (2-1 a novembre, ndr). Dovrebbe insegnarci che se non cerchiamo di migliorare, ogni piccolo errore sarà pagato  caro prezzo. Se nelle tre partite dell’Euro non saremo di nuovo disposti a compiere qualcosa di straordinario, sarà molto difficile ottenere i risultati che sognamo».

Che tipo di calcio può giocare la Svizzera U21 contro squadre forti come Inghilterra, Portogallo e Croazia?

«La nostra idea è quella di mantenere la nostra identità, con una buona struttura difensiva molto organizzata. E di essere molto dinamici nella fase offensiva, con il desiderio di cercare la verticalità. Questa è la nostra base e spero che chi guarderà le nostre partite veda una squadra piena di passione e che vuole segnare un gol in più dell'avversario».

Come allenatore, come ti descriveresti?

«Prima di tutto, i giocatori devono andare in campo sapendo cosa fare. Ma di sicuro, nella squadra nazionale, non si può fare molto. Devi dare due o tre concetti dominanti. E bisogna essere flessibili e adattarsi ai giocatori. Almeno nella fase offensiva, perché in quella difensiva c'è solo disciplina».

Sei vicino alle idee di Vladimir Petkovic?

«Sì, in molte cose. Anche se usiamo sistemi completamente diversi. Ma siamo simili in molti aspetti». 

Il ruolo di un allenatore U21 non dovrebbe essere quello di preparare i suoi giocatori per la selezione maggiore?

«Con Pektovic, abbiamo molti scambi, ma non espressamente sulla tattica. Si tratta soprattutto del lato mentale delle cose. Vlado ritiene che un giocatore debba fare la differenza nella U21 per avere la possibilità di andare con la Nazionale maggiore».

Per molti giocatori, questo Euro rappresenterà l'ultima opportunità di indossare la maglia della Svizzera, dato che non andranno mai in prima squadra…

«Esattamente. Devono giocare come se fosse l'ultima partita della loro vita con la maglia rossocrociata».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved