KOSTYUK M. (UKR)
0
BENCIC B. (SUI)
2
fine
(4-6 : 5-7)
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Ciclismo
1 ora

Il Velo Club Mendrisio fra tradizione e sfide del presente

Il presidente Alfredo Maranesi: ‘Ormai ci sono pochissime gare, la stampa si interessa sempre meno e di conseguenza fatichiamo a trovare sponsor’
Hockey
1 ora

Giovane, inesperta Svizzera. ‘Spero che (i club) apprezzino’

A Zurigo la Nazionale di Fischer si prepara ad affrontare la Finlandia con qualche artista in meno del solito. ‘Forechecking aggressivo e più semplicità’
Altri sport
1 ora

Sgambetto riuscito, il Biasca sale a quota 22 punti

Continua la serie positiva dei rivieraschi, che confermano di avere la difesa più solida del campionato e mettono sotto anche il temibile Ginevra
CURLING
3 ore

La Chicchera non se ne va da Chiasso

Podio tutto momò nella decima edizione della coppa andata in scena nello stesso weekend del Carnevale Nebiopoli
Sci
4 ore

Fallimento elvetico nel superG iridato vinto dalla Bassino

Soltanto sesta Lara Gut-Behrami, che era campionessa in carica. Decimo posto per Michelle Gisin, 13a la Hälen, 20a la Suter, 22a la Flury
Calcio
5 ore

Hoffenheim, a Matarazzo la panchina di Breitenreiter

Condannato dalla sconfitta 5-2 subita dal Bochum, l’ex tecnico dello Zurigo - licenziato lunedì - lascia il posto all’ex allenatore dello Stoccarda
Calcio
5 ore

Domenico Tedesco nuovo selezionatore del Belgio

Il 37enne tecnico italo-tedesco ha firmato coi Diavoli Rossi un accordo valido per la campagna relativa a Euro 2024
Basket
6 ore

Lebron James supera Kareem

Il giocatore dei Lakers ha stabilito il nuovo record di punti segnati nella storia della Nba
Calcio
6 ore

Addio a ‘Ciro’ Blazevic

A lungo protagonista nel calcio svizzero come giocatore e allenatore, guidò la Croazia allo strepitoso 3° posto mondiale nel ’98
Calcio
19 ore

Flamengo nel pallone, Al Hilal in finale

La formazione saudita batte 3-2 i brasiliani e approda all’atto decisivo del Mondiale per club, dove sfiderà il Real o gli egiziani dell’Al Ahly
HOCKEY
20 ore

Gdt Bellinzona, è ancora tempo di emozioni

Dopo la semifinale di Coppa persa contro il Martigny, che quel trofeo l’ha poi vinto, da giovedì spazio alla magia playoff. ‘C’è il livello per salire’
Salto con gli sci
23 ore

Mondiali, Simon Ammann ci sarà

Il ‘Folletto del Toggenburgo’ farà parte del contingente rossocrociato per le gare iridate di Planica, previste dal 21 febbraio al 5 marzo
Atletica
23 ore

Moggi e Petrucciani da record a Macolin

I due ticinesi dell’Lcz tra i grandi protagonisti nel weekend, ma da segnalare ci sono anche i due primati di categoria stabiliti da Laura Torino Imberti
COSE DELL'ALTRO MONDO
23 ore

Una squadra in Europa? No, meglio quattro

La Nfl sta pensando di sbarcare sul Continente con un’intera division. Un’idea che non andrà in porto prima di un decennio, viste le molte incognite
Sci
1 gior

Lara a difesa del suo titolo iridato

In programma mercoledì a Méribel il superG femminile, con la ticinese – campionessa in carica – ovviamente fra le favoritissime
NATIONAL LEAGUE
1 gior

Il Berna mette le mani su Josh Teves

Il ventisettenne difensore canadese rinforzerà gli Orsi fino al termine della stagione: arriva dai finlandesi dell’Jyväskylä
Formula 1
1 gior

Nuovo look per l’Alfa Sauber

Livrea rosso-nera per la vettura del team con sede a Hinwil, che conferma i piloti Bottas e Zhou nel Mondiale che scatta il 5 marzo in Bahrain
CALCIO
laR
 
12.03.2021 - 17:28
Aggiornamento: 17:43

È ancora la partita della possibile svolta

Maurizio Jacobacci: ‘Pensavo potesse esserlo quella di Sion, ma poi c'è stato l'inciampo con lo Zurigo. A Vaduz in palio punti pesanti, dovremo essere efficaci’

e-ancora-la-partita-della-possibile-svolta

Quattro punti separano la seconda (Servette) dall’ottava (Lugano), ma sono soltanto sette quelli che dividono i bianconeri dal Vaduz, attuale fanalino di coda. Ed è contro una squadra del Principato reduce dal pareggio al Wankdorf di Berna e che nel 2021 ha inanellato quattro vittorie, altrettanti pareggi e due sole sconfitte, che la compagine di Jacobacci mette in palio tre punti di fondamentale importanza sulla strada della salvezza. La trasferta all’ombra del Castello è da un pezzo che ai ticinesi non porta più molta fortuna (tre sconfitte e quattro pareggi dall’ultima vittoria dell’11 maggio 2013 con gol di Sabbatini) e quella di domenica porta in eredità tre punti molto pesanti… «Potrebbe essere la partita della svolta – afferma Maurizio Jacobacci –. Pensavo potesse esserlo già Sion, ma poi c’è stato l’infortunio contro lo Zurigo. Al Rheinpark dovremo fare attenzione a non subire subito il primo gol, perché il Vaduz è squadra che sa difendersi bene, anche grazie all’aspetto fisico del suo gioco. Nei due pareggi di quest’anno credo che il Lugano si sia dimostrato superiore. In entrambi i casi abbiamo fatto la partita per quasi 90’, con un rigore che non c’era in trasferta e un gol subìto proprio in entrata a Cornaredo. Loro cercheranno ancora di metterci in difficoltà con le armi che hanno, corsa, fisicità nei duelli e abilità sulle palle inattive. Hanno in Milan Gajic uno che sa calciare molto bene e nei centrali due elementi davvero bravi nel gioco aereo. Yannick Schmid, però, sarà squalificato, mentre Joël Schmied è infortunato e il suo rientro non è sicuro».

Tornare a casa con tre punti dal Principato permetterebbe di mettere un cerotto anche sulla sconfitta di una settimana fa contro lo Zurigo… «Sconfitta, per altro, immeritata. Ho rivisto la partita e davvero non avremmo dovuto uscire battuti. A mio modo di vedere la squadra ha disputato una buona prestazione. Se si fa astrazione dai minuti iniziali e da quel gol casuale – perché Schönbächler non la voleva mettere lì – lo Zurigo ha fatto poco o nulla. Al contrario, noi ci siamo creati una serie piuttosto importante di grosse occasioni. Era una partita che andava assolutamente vinta, ma che non siamo nemmeno stati capaci di pareggiare perché ci è mancata la necessaria freddezza sottoporta. Chiedo alla squadra di essere efficace come a Sion, perché se lo fosse stata anche contro i tigurini, avrebbe vinto senza problemi e adesso non saremmo qui a discutere sul gol subito».

Nessun dubbio sul portiere

A proposito, dopo l’errore di domenica scorsa Noam Baumann gode ancora della piena fiducia? «Per me non c’è mai stato dubbio sul nome del portiere. In settimana ci siamo parlati, ma per me ci sta che il portiere commetta un errore, come ci sta che in un’altra circostanza salvi il risultato. Noam è perfettamente conscio del fatto che quel pallone l’avrebbe potuto controllare senza problemi, per cui la discussione è chiusa».

Gestire le vittorie è più facile che gestire le sconfitte, è lapalissiano. In settimana qual è stata la reazione della squadra? «Ho parlato con i ragazzi e ho detto loro che secondo me la prestazione contro lo Zurigo era stata buona. Purtroppo, ciò che conta è la vittoria. Se noi avessimo giocato come ha fatto lo Zurigo ne avremmo sentite di tutti i colori, ma a far stato è soltanto il risultato. Oggi come oggi vincere è più importante della qualità della prestazione. È un dato di fatto, quindi dobbiamo imparare a portare a casa i risultati. Che alla fine rappresentano l’unico metro di giudizio».

Intanto, però, il Vaduz nel 2021 ha ottenuto 16 punti contro i 10 del Lugano. Qualcosa è cambiato… «È una catena di episodi. A volte bastano due vittorie consecutive per aumentare il morale e la consapevolezza nei propri mezzi. Non è una questione di qualità, perché il Vaduz non sta giocando in modo diverso rispetto all’andata, ma l’aspetto mentale ha fatto sì che adesso credano davvero in un’impresa che potrebbero centrare. E più davanti si fatica a racimolare punti, più la loro fiducia aumenta».

Il livello si è abbassato

Come dire che al momento attuale il Vaduz sta meglio del Lugano? «Assolutamente no, non vorrei certo fare a cambio. Mi tengo la nostra situazione, con i punti di vantaggio sui quali possiamo contare. Anche perché abbiamo ancora a disposizione diverse partite per far sì che la fortuna torni a sorriderci».

In tempi non sospetti, il tecnico bianconero aveva posto l'asticella-salvezza a quota 39 punti. L'estremo equilibrio che si vive in questa stagione, non ha mutato la sua convinzione… «Se non sono 39 saranno 40, ma l’asticella rimane attorno a quella quota. Per chi lo guarda da spettatore neutrale, questo è un campionato davvero difficile e interessante, dove tutti possono vincere contro tutti, ciò che rende la classifica corta. Rispetto a un anno fa, però, vedo un leggero livellamento verso il basso, Young Boys a parte, ovvio. Proprio il fatto che i bernesi siano lì davanti senza avversari mi fa credere che la qualità sia scemata. D’altra parte, Basilea e Young Boys un anno fa avevano tenuto testa ai gialloneri, ma in questa stagione hanno lasciato sul campo un gran numero di punti. E sono proprio quei punti persi per strada che fanno sì che tra la seconda e la decima la distanza sia limitata e che, addirittura, tra la seconda e l’ottava vi siano soltanto quattro punti».

A livello di formazione, una sola defezione... «Quella dello squalificato Daprelà, per il resto sono tutti arruolabili, compreso Guerrero. Fisicamente stiamo bene ed è una bella notizia, speriamo vada avanti così fino a fine stagione». Il Vaduz dovrà invece fare a meno dello squalificato Schmid, degli infortunati Prokopic e Wieser, mentre Schmied rimane in forse.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved