GOLUBIC V. (SUI)
0
FRIEDSAM A-L. (GER)
0
1 set
(2-3)
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
12 min

La vittoria contro il Basilea lancia definitivamente il Chiasso

Contro l’U21 renana decide il gol di Manicone al decimo della ripresa e settimana prossima c’è la capolista Stade Nyonnais
tennis
32 min

Stan Wawrinka fuori in semifinale a Metz

Il vodese costretto al forfait dopo 17 minuti del penultimo atto contro Bublik, per un problema alla coscia
MOTOMONDIALE
1 ora

MotoGp, vince Miller, Quartararo ottavo, Bagnaia a terra

L’australiano della Ducati ha terminato la gara nipponica davanti a Binder e Martin. Il francese allunga in vetta al Mondiale
CICLISMO
1 ora

Evenepoel campione del mondo

Dietro il belga, argento per il francese Laporte, bronzo all’australiano Matthews. 17° l’evetico Mauro Schmid
NATIONS LEAGUE
13 ore

Svizzera corsara, successo storico in Spagna

Dominando nel primo tempo e soffrendo nella ripresa, i rossocrociati trovano tre punti importantissimi: a segno Akanji ed Embolo
Hockey
14 ore

Il Lugano accelera ma non decolla

Buona prestazione dei bianconeri che però soccombono anche al Losanna
Hockey
14 ore

Ambrì, la prima sconfitta sotto gli occhi di McCourt

In vantaggio di un gol fino al 49’, i biancoblù di Cereda beffati da un Ginevra Servette che aggancia il capolista Bienne grazie a due gol in un minuto
CALCIO
19 ore

Rossocrociati in Spagna pensando già al Qatar

La nazionale Svizzera affronta stasera le Furie rosse per la Nations League
CICLISMO
22 ore

Le speranze mondiali dell’emergente Mauro Schmid

Domani a Wollongong, in Australia, in palio il titolo iridato della corsa in linea
TENNIS
1 gior

La notte dei sorrisi (e delle lacrime) che non scorderemo mai

A Londra, nel torneo da lui stesso ideato, King Roger ha chiuso una carriera irripetibile. Federer nell’Olimpo come Muhammad Ali e Michael Jordan.
HOCKEY
1 gior

Un ottimo tempo non basta, Lugano kappaò a Ginevra

Alle Vernets seconda sconfitta in tre partite per i bianconeri, nella sera del debutto di Connolly. ‘Dobbiamo capire il power-play cos’ha che non va’.
HOCKEY
1 gior

Ambrì, la fuga, il rilassamento e il sollievo

Dopo un avvio strepitoso i biancoblù lasciano rientrare in partita l’Ajoie, ma all’overtime riesce a trovare la quarta vittoria di fila, grazie a Virtanen
HCL
1 gior

Il Lugano fermato a Ginevra, nonostante un ottimo primo tempo

Nella loro prima trasferta stagionale bianconeri battuti alle Vernets nella sera del debutto di Connolly. Le due reti ticinesi firmate da Granlund e
25.11.2020 - 17:33
Aggiornamento: 21:35

L'Argentina si ferma: è morto Maradona

Un arresto cardiorespiratori ha messo fine alla vita del miglior calciatore di tutti i tempi. Aveva sessant'anni. Una cavalcata folle tra eccessi e trionfi

l-argentina-si-ferma-e-morto-maradona
Hasta siempre Diego (Keystone)
+23

"È successo l'inevitabile", scrive il quotidiano Clarin: attorno alle 13, ora Argentina, un infarto ha messo fine alla vita di Diego Armando Maradona. Il miglior calciatore di tutti i tempi è deceduto a 60 anni nella sua casa di Tigre, dove si trovava convalescente dopo un intervento alla testa subito poche settimane fa. Eppure al mattino Diego si era svegliato in buone condizioni, e come gli altri giorni aveva preso i farmaci indicati dai medici ed era tornato a sdraiarsi, una routine seguita fin dal momento della sua dimissione dall'ospedale. Mentre si trovava a letto, però, ha subìto uno scompenso cardiaco. Hanno immediatamente cercato di rianimarlo, ma lui non ha reagito e il suo cuore si è fermato. 

Non sono servite a nulla neanche le nove ambulanze accorse sul posto: Maradona è morto per arresto cardiorespiratorio. Accanto a lui, ha scritto l'agenzia Telam, non c'erano parenti ma un'infermiera, un assistente terapeutico, uno psicologo, uno psichiatra e altri medici. Ad annunciare la morte del campione è stato il suo avvocato e la notizia è rimbalzata immediatamente prima in Argentina e poi in tutto il mondo.

Una storia di trionfi e di eccessi, quella di Maradona. Dallo scudetto con il Napoli nel 1987 al Mondiale vinto nel 1986 anche grazie alla celeberrima ‘mano de Dios’ nei quarti di finale contro l'Inghilterra, un gesto che per così dire gli fu perdonato perché al mondo regalò il gol del secolo, quella sgroppata chiusa facendosi beffe di mezza squadra e anche del portiere Shilton prima di depositare nel sacco il pallone del provvisorio. Un gol e una partita che lo consegnarono alla leggenda. 

Una strepitosa carriera ma quante cadute

Tante anche le cadute e i problemi di salute. Nel 2000 venne ricoverato a Punta del Este, celebre stazione balneare in Uruguay, per una crisi cardiaca legata all'uso di droga. Partì per Cuba per una cura disintossicante. La dipendenza dalla cocaina ne accompagnò a lungo il percorso di sofferenza che nel 2004 quasi gli costò la vita per una crisi cardiovascolare dopo la quale torna a l'Avana.

Nel 2005 subisce a Bogota un'operazione chirurgica per combattere il grave problema di obesità di cui soffre: riuscirà a perdere addirittura 50 chili. La speranza di una ripresa rifiorisce. Finalmente in buona forma, con l'emissione televisiva "La notte del 10", nella quale invita anche Pelé, batte ogni record di ascolti. Continua però a farsi del male: beve, fuma, ingrassa di nuovo e cade vittima di una crisi epatica che nel 2007 lo costringe nuovamente in ospedale. Si riprende, una volta di più. Diventa selezionatore dell'Argentina nel 2008, ma due anni dopo paga con l'esonero i cattivi risultati. In seguito, allenerà due club negli Emirati prima di impegnarsi (2018) come presidente dei bielorussi della Dinamo Brest. Nello stesso anno diventa l'allenatore della squadra messicana di seconda divisione Dorados de Sinaloa, abbandonata otto mesi dopo a seguito di una contestazione per un rigore a suo dire negato ai suoi giocatori per abbracciare la causa degli argentini del Gimnasia La Plata.

La carriera

Da calciatore: Argentinos Juniors (1976-1981), Boca Juniors (1981-1982), Barcellona (1982-1984), Napoli (1984-1991), Siviglia (1992 -1993), Newell's Old Boys (1993), Boca Juniors (1995-1997).

Da allenatore: Deportivo Mandiyu Corrientes (Arg/1994), Rc Avellaneda (Arg/1995), Nazionale argentina (2008-2010), Al-Wasl (Emirati/2011-2012), Fujairah (Emirati/2017 -2018) Dorados de Sinaloa (Messico/2018-2019), Gimnasia de La Plata (Arg/2019-2020).

I trionfi da giocatore: campione del mondo nel 1986 con l'Argentina (miglior giocatore del Mondiale messicano), finalista ai Mondiali del 1990 (complessivamente ha preso parte a quattro Coppe del mondo e ha collezionato 91 partite con la maglia della sua Nazionale per la quale ha realizzato 34 gol; campione d'Argentina nel 1981 con il Boca Juniors, campione di Spagna nel 1983 con il Barcellona, campione d'Italia nel 1987 e nel 1990 con il Napoli, vincitore della Coppa Uefa nel 1989 con il Napoli, vincitore della Coppa Italia nel 1987 con il Napoli.

Riconoscimenti: gol del secolo (il 2-0 realizzato nei quarti dei Mondiali messicani contro l'Inghilterra). Giocatore del secolo in una votazione online promossa dalla Fifa.
 
 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved