laRegione
Nuovo abbonamento
siamo-l-acb-a-qualcuno-questo-concetto-e-sfuggito
fotoservizio Ti-Press
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Motociclismo
14 min

Nella pioggia di Misano si fa largo Bastianini. Nono Lüthi

Gara in due fasi nella Moto2, dove la pioggia costringe tutti a uno stop di oltre venti minuti. Il bernese va meglio nel... secondo tempo
Basket
26 min

La Sam tiene testa al Ginevra

Pur con l'organico ridotto in attesa di due stranieri, la squadra di Gubitosa non sfigura al cospetto dei 'Lions'
Gallery
Hockey
15 ore

Carr apre e chiude il derby di Biasca, vinto dal Lugano

I bianconeri passano due volte in vantaggio, ma in entrambe le circostanze si fanno rimontare dall'Ambrì Piotta. Poi risolve il canadese
CALCIO
17 ore

Lugano, esordio con i fiocchi

Gran bel primo tempo dei bianconeri che mettono sotto il Lucerna. Nella ripresa, rimasti in dieci (espulso Lungoyi) devono stringere i denti
CALCIO
19 ore

Un Lugano rodato per l'esordio con il Lucerna

Il portiere Osigwe e il laetrale Guerrero sono le uniche due novità proposte da Maurizio Jacobacci
Atletica
23 ore

La piccola Kambundji sta (già) diventando grande

Per gli addetti ai lavori la 18enne Ditaji, fresca del titolo svizzero sui 100 m ostacoli, ha il potenziale per andare persino più veloce della sorella Mujinga
CALCIO
1 gior

Jacobacci: ‘Ripartire da dove ci eravamo fermati’

Lugano pronto alla nuova stagione. Il presidente Renzetti: ‘Tra me e il tecnico nessuna incomprensione, non mi interessa distruggere ciò che ho costruito’
Tennis
1 gior

Niente ruggine, Nadal vince facile. E Djokovic pure

Il mancino di Manacor vince anche il suo secondo impegno a Roma e accede ai quarti, al pari del campione serbo, trionfatore nel derby contro Krajinovic
RALLY
1 gior

In Turchia Loeb tira il carro dopo il venerdì

Ritorno col botto per l'alsaziano, che si lascia alle spalle l'altra Hyundai i20 di Neuville e la Toyota del leader del Mondiale, Sébastien Ogier
CICLISMO
1 gior

Ancora Kragh Andersen, altro colpo Sunweb

Il danese bissa in Borgogna il successo ottenuto a Lione. La maglia verde definitivamente a Bennett, mentre Roglic resta serenamente in giallo
MOTOCICLISMO
1 gior

A Misano Tom Lüthi tiene testa ai migliori

Il bernese nel pomeriggio gira mezzo secondo più lento dell'italian oMarini, dopo aver però fatto segnare il migior crono nella sessione del mattino
Hockey
1 gior

Rockets in quarantena. 'Ma da venerdì lavoreremo normalmente'

A Biasca, tuttavia, la notizia della positività del giocatore al Coronavirus non è una sorpresa. Mike McNamara: 'Era logico, c'era da aspettarselo'
Hockey
1 gior

Contr'ordine a Bienne: David Ullström resta

Il club rivede la sua decisione di non rinnovare il contratto al 31enne attaccante svedese
Calcio
1 gior

Sulla strada dello Young Boys c'è il Tirana

Saranno gli albanesi a contendere ai campioni svizzeri un posto nella fase a gironi di Europa League. La sfida è in programma il 1° ottobre
Roller Hockey
1 gior

Il Biasca riparte con l'argentino Pablo Saez

Domani il via alla nuova stagione di Lna: chiuso il capitolo Orlandi, i ticinesi si apprestano ad aprirne uno nuovo
Calcio
2 gior

Matteo Tosetti giocherà con la maglia del Sion

In Vallese arriva pure (via Young Boys) l'attaccante 36enne francese Guillaume Hoarau
Hockey
2 gior

Campionati del mondo U20 nella 'bolla' di Edmonton

La Iihf rivede i suoi piani originali: niente partite a Red Deer. E si giocherà a porte rigorosamente chiuse
Calcio
2 gior

Il lettone Marcis Oss per la difesa del Lugano

Il 29enne, che nelle ultime due stagioni aveva vestito la maglia del Neuchâtel Xamax. arriva in prestito dallo Spartaks.
Tennis
2 gior

Forfait di Naomi Osaka per il Roland Garros

Fresca vincitrice del Roland Garros, la nipponica rinuncia alla terra rossa parigina perché dolorante a una coscia
CALCIO
2 gior

Il Lugano e la nebbia anestetizzante del Covid

Angelo Renzetti si esprime alla vigilia della stagione 2020-21: ‘Preoccupato per quanto sta accadendo. Pronostici non prima di dicembre’
Calcio
16.09.2020 - 15:490
Aggiornamento : 19:06

‘Siamo l'Acb, a qualcuno questo concetto è sfuggito’

Valerio Jemmi è stato sollevato dall'incarico, ma il presidente granata Paolo Righetti mette sotto accusa anche alcuni giocatori: ‘Responsabilità da distribuire’

Valerio Jemmi non è più l’allenatore del Bellinzona. Ci si può rammaricare, perché un divorzio non è bello né da sancire, né da gestire. Detto questo, non può esserci stupore, perché ormai la posizione dell’ormai ex tecnico granata era compromessa. Di fatto, è come se fosse stato esonerato qualche giorno fa, anche se l’ufficializzazione è giunta solo ieri, dopo un paio di riunioni di crisi della dirigenza e dopo l’ultimo di una serie di episodi incresciosi che testimoniano di un nervosismo latente all'interno della spogliatoio, diventato insostenibile. Nonché intollerabile, da parte di un comitato che non ha potuto che svoltare in maniera drastica, ponendo fine all’interregno dell’ex responsabile del settore giovanile granata che subentrò a Maurizio Jacobacci.

Non c’è stupore, come detto, perché il calcio funziona così: i risultati sono sotto le attese (anche se non sono loro ad aver pesato sul provvedimento), lo spogliatoio è spaccato, i dissidi interni fragorosi, le fratture insanabili. E a pagare è l’allenatore, con l’esonero. Sono le logiche del calcio, un po’ in tutte le categorie.

Sotto accusa anche i giocatori

Tuttavia, emerge un elemento nuovo, in una vicenda che profuma di "déja vu". L’Acb parla di “persistenti e crescenti tensioni emerse nei rapporti tra l’allenatore e la squadra”, precisa che l’intenzione è quella di “ricreare un ambiente sano e sereno all’interno del gruppo stesso e di salvaguardare il progetto sportivo che mira a un campionato di altro spessore, rispetto alla situazione attuale”, per poi aggiungere - e qui sta la novità rispetto al solito modo di procedere - “la Direzione adotterà alcuni provvedimenti disciplinari nei confronti di alcuni propri tesserati”.

Una misura che salutiamo con piacere, che rende merito a una società che non si limita al provvedimento che non ha comunque potuto esimersi dal prendere, bensì va più a fondo della questione, chiamando in causa in maniera diretta anche alcuni dei giocatori di un gruppo le cui fratture non possono essere riconducibili a una sola persona, segnatamente il mister. Insomma, c’è chi si è macchiato di comportamenti poco professionali, e anche questi pagheranno, in quale modo lo stabilirà la società. L’esonero colpisce l’allenatore, il quale paga sì per tutti un prezzo molto alto - del resto il rischio di “saltare” è da mettere in preventivo, fa parte del gioco -, ma una parte del conto finisce sul gobbo dei giocatori che hanno contribuito, con la loro condotta discutibile, a destabilizzare l’ambiente, la squadra e, di conseguenza, a rendere meno accattivanti del previsto i risultati. 

‘Le responsabilità vanno suddivise’

Sotto il giogo passa Jemmi, ma non è da solo. Insistiamo, è un bel modo di affrontare la questione. Chiaro e, soprattutto, diretto. Alla squadra toglie l’allenatore, era inevitabile che accadesse. Ma toglie anche gli alibi ai quali è fin troppo facile aggrapparsi. L’invito è chiaro: la questione è stata risolta, non tutte le responsabilità erano del tecnico, ora mostratemi di che pasta siete fatti.

‘Noi siamo l'Acb: è un concetto che a qualcuno è sfuggito’

«Spiace - ricorda il presidente dell’Ac Bellinzona Paolo Righetti in merito alle modalità che hanno condotto all’esonero di Jemmi - che la vicenda abbia avuto un epilogo spiacevole ieri sera, durante l’allenamento. La situazione è trascesa al punto che non si poteva altrimenti. Detto ciò, quanto accaduto non è solo colpa del mister. Le responsabilità vanno ben suddivise, tra tutti: e con tutti intendo i giocatori, ma anche la società. È bene ricordare a tutti che l’Acb non è l’Fc Righetti, l’Fc Jemmi, o l’Fc giocatori, bensì è l’Associazione Calcio Bellinzona. Forse a qualcuno questo concetto fondamentale è sfuggito. A essere chiamati in causa sono alcuni calciatori (Righetti nel merito non entra, ndr) macchiatisi di comportamento poco professionali, non in linea con i principi dell’Acb per la quale sono tesserati. Delude in modo particolare che era stato espressamente chiesto loro di restare tranquilli, in un momento in cui la società era alle prese con un eventuale esonero, un provvedimento tutto fuorché semplice da adottare, che deve essere figlio di valutazioni molto attente. Non siamo stati ascoltati, qualcuno ha gettato benzina sul fuoco e questo a noi non sta bene».

‘I risultati non hanno pesato’

La squadra è stata affidata a interim a Patricio Bustamante, che di Jemmi era l’assistente. «Fu proprio Valerio a sceglierlo. È al corrente di tutto, conosce l’ambiente, i giocatori. Affidarci a lui è la scelta più logica. Ci permette di valutare per bene con chi sostituire il tecnico, senza fare colpi di testa o scelte azzardate. Evitando così di agire d’impulso, tanto per coprire un buco che si è creato. Un buco che non volevamo che si creasse, ma che purtroppo dobbiamo fronteggiare, perché le dinamiche del calcio purtroppo sono anche queste». 

I risultati deludenti di questo primo scorcio di stagione (una vittoria, un pareggio e due sconfitte) non hanno inciso sulla decisione. «Non hanno pesato sulla decisione. Sono inferiori alle attese, questo sì, ma siamo solo all’inizio del campionato. Va detto anche che non siamo stati nemmeno troppo fortunati, nelle prime partite. Il contesto in cui giochiamo, oltretutto, non è facile da gestire, tra rinvii, recuperi e turni infrasettimanali. Da questo punto di vista la situazione non è certo tragica».

‘Faccio anch'io le mie valutazioni’

Sabato in casa contro l’Etoile Carouge, quale reazione si aspetta? «Invito tutti a fare un bagno d'umiltà, un lungo bagno d’umiltà, affinché tutti tornino con i piedi per terra, si rendano conto di cosa stiamo facendo. E dare prova di aver svoltato. Ormai dal Comunale sono passati diversi allenatori. Ora è giunto il momento che i giocatori mostrino il loro valore. In campo sono loro ad andare, a prescindere dalla guida tecnica».

È l’appello di un presidente provato da questa vicenda. «La vivo male da ormai un mese, con continui grattacapi. Tanto che io stesso sto facendo le mie valutazioni. Vorrei che si capisse che nulla è scontato. Siamo qui, a mettere a disposizione le nostre risorse, le nostre energie, il nostro tempo libero che sottraiamo alla famiglia o ad altri aspetti della nostra vita. Forse è il caso di ricordare quanto sia impegnativo. Criticare, manifestare il proprio scontento è facile. Per contro, essere costruttivi e mettersi a disposizione è tutto un altro discorso».

CALCIO: Risultati e classifiche

Guarda le 4 immagini
© Regiopress, All rights reserved