laRegione
Nuovo abbonamento
Ti-Press / Crivelli
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
CALCIO
40 min
Primo caso di coronavirus in Super League
Il difensore dello Zurigo Mirlind Kryeziu positivo al Covid-19. Ha sintomi lievi e si trova in quarantena
CALCIO
54 min
Per il Basilea c'è il Wolfsburg o lo Shakthar
Europa League, effettuato il sorteggio per i quarti di finale. I renani nel ritorno degli ottavi devono difedere il 3-0 contro l'Eintracht
CALCIO
1 ora
Champions, l'Atalanta aspetta il Psg
Effettuati i sorteggi per la Final 8 in programma dal 12 al 23 agosto a Lisbona. In caso di qualifica, la Juve affronterà il ManCity o il Real Madrid
CALCIO
2 ore
L'Aarau si separa dall'allenatore Patrick Rahmen
Al suo posto il suo ex assistente Stephan Keller che a sottoscritto un contratto valido fino al 2023
FORMULA 1
2 ore
Confermati i Gp del Mugello e di Sochi
Entrambi gli appuntamenti sono previsti nel mese di settembre. Al momento le gare assicurate sono dieci
HOCKEY
3 ore
Evelina Raselli torna alla Ladies
La 28.enne poschiavina lascia la Svezia dove aveva trascorso gli ultimi sei mesi. In arrivo a Lugano anche Andrea Odermatt e Nathalie Buser
CALCIO
3 ore
Germania - Svizzera a Colonia
La sfida, valida per la Nations League, è in programma il 13 ottobre alle 20.45
CALCIO
14 ore
Il Lugano strappa un punto pirotecnico al San Gallo
I bianconeri raggiungono il pareggio all'83' con Lavanchy e nel finale sfiorano il colpaccio con una punizione di Lovric
Atletica
16 ore
Del Ponte e compagne tornano a volare al Letzigrund
A Zurigo la ticinese con Kambundji e Dietsche seconde nella 3x100 m degli Inspiration Games. La bernese anche terza nei 150 m, Sprunger seconda nei 300 h.
Hockey
17 ore
Ticino Rockets verso il decollo con rinnovato entusiasmo
La compagine di Swiss League, che tornerà sul ghiaccio il 3 agosto, conferma Sébastien Reuille e annuncia il ritorno dell'ex capitano Colin Fontana
CALCIO
18 ore
Lugano, esordio di Daniel Pavlovic
Per affrontare il San Gallo Maurzio Jacobacci deve fare a meno dell'indisponibile Fabio Daprelà. In attacco la coppia Janga - Gerndt
Atletica
20 ore
Con gli italiani il livello si alza e fioccano i primati
Successo per la serata di Bellinzona, con diversi record personali in un meeting organizzato dalla Sab arricchito dalla presenza di atleti della Penisola
Calcio
07.11.2019 - 06:200

‘Ora più che mai bisogna stare vicini all’Acb’

Parla il presidente Paolo Righetti alla vigilia dell'attesa sfida con l’Yverdon. ‘Il vero tifoso sostiene la squadra soprattutto quando questa fatica’

Di segnali negativi ne sono usciti abbastanza, negli ultimi giorni, dalle porte del Comunale. La partenza un po’ brusca di Maurizio Jacobacci, i risultati non soddisfacenti della squadra, la protesta dei ‘B’zona Boys 2005’ che rivendicano maggiore chiarezza e una comunicazione più efficace, e chiedono alla dirigenza, accusata di passività e di mancanza di rispetto nei confronti della maglia granata, una gestione più responsabile che preveda un maggiore coinvolgimento dei tifosi. Insomma, un po’ di maretta c’è, e non giova certo alla causa di una squadra che ha dovuto riporre nel cassetto con largo anticipo i sogni di gloria sbandierati con disinvoltura a inizio stagione. Al netto di un risultato sportivo ormai compromesso, c’è comunque una stagione da onorare fino in fondo, per il rispetto dovuto alla competizione, ai tifosi e alla tradizione della società, e per creare i giusti presupposti in vista della prossima. «La contestazione ci può stare – ammette il presidente dell’Acb Paolo Righetti –, purché resti nei limiti dell’educazione e del rispetto. Siamo aperti al dialogo, e infatti proprio stasera incontrerò una delegazione dei ‘Boys’ per discutere dei contenuti della loro protesta, per capire le loro motivazioni, e per uscire da queste difficoltà in modo positivo. Adesso più che mai bisogna stare vicino all’Acebe, e sostenerlo. Il vero tifoso deve stare vicino alla squadra, soprattutto nei momenti in cui si fa fatica». Vi è il rischio, con contestazioni un po’ plateali, che al presidente, chiamato in causa in prima persona per la carica che ha, e al suo comitato, venga un po’ meno la voglia di andare avanti. L’entusiasmo di chi, vale la pena ricordarlo, ha inizialmente dovuto raccogliere le macerie della società, per farla rinascere e portarla al livello attuale, potrebbe anche avere un limite. «Anche per noi dirigenti – prosegue Righetti – vale il principio secondo il quale a volte viene un po’ meno la motivazione, quando le cose non funzionano. Io sono uno di quelli che spesso non dorme, di notte, per l’Acb. Sentirci dire, con tutto quello che abbiamo fatto e passato in questi anni, che non rispettiamo i colori granata, è davvero troppo».

‘Scegliere senza fretta, con serenità’

Quale messaggio si sente di lanciare, per fare il punto alla situazione? «A tutti i tifosi, in generale, garantisco che tutto quello che abbiamo fatto o stiamo facendo è solo perché siamo convinti che sia per il bene del Bellinzona. Non siamo qui a giocare, anche perché siamo i primi a metterci la faccia. Evidentemente, negli ultimi sei anni siamo stati abituati tutti troppo bene. È il primo campionato, questo, in cui siamo confrontati con delle difficoltà. L’abitudine alle vittorie e ai sorrisi porta il nostro tifoso a farsi scoraggiare un po’ troppo facilmente. Nel calcio, purtroppo o per fortuna, non c’è niente di scritto. Alla fine, è il campo a parlare». In discussione è finito anche il ruolo di Pablo Bentancur in seno al club. «Mi spiace che attorno alla sua figura siano nate delle speculazioni, o siano state fatte delle interpretazioni errate: figuriamoci se ha bisogno di venire a Bellinzona per fare i suoi affari, lui che, procuratore di fama internazionale, gestisce calciatori italiani di serie A o di Premier League. Ha sposato il nostro progetto perché vive in Ticino, il calcio è la sua passione, e vuole rendersi utile. Fa parte del nostro gruppo, gli abbiamo affidato la responsabilità delle relazioni con i club esteri e con le società fuori dai confini cantonali. Inoltre, come altri membri di comitato, partecipa al sostegno finanziario della società». Valerio Jemmi rappresenta una soluzione interna che permette a tutti di... rifiatare, e di riflettere sulla seconda parte di stagione. «È uno della grande famiglia granata. La sua investitura ci permette di riflettere con calma. Vogliamo evitare di commettere errori sulla scelta del prossimo mister. Intanto, restituiamo serenità alla squadra».

CALCIO: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved