laRegione
Nuovo abbonamento
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
3 ore
Igor Larionov, il Professore ha una nuova cattedra
Il leggendario ex attaccante che passò dal Ticino guiderà l'Under 20 russa. 'Sogno una squadra bella da vedere, che diverta i ragazzi. E che abbia successo'
Football americano
16 ore
Svolta storica nella Nfl: è la fine dei Redskins?
La Nfl scende in campo contro il razzismo, e la squadra di Washington, sotto pressione, medita di cambiare il suo nome
Calcio
19 ore
Team Ticino, Alessandro Colombi al posto di Novoselskiy
Il direttore generale del Corriere del Ticino entra nel comitato dell'Associazione che gestisce il calcio giovanile d'élite cantonale
Automobilismo
20 ore
Scusate il ritardo: la F1 riaccende i motori
Solo otto gare certe, in calendario, per una stagione a metà che passerà sicuramente alla storia per la sua unicità
Hockey
20 ore
Per l'Ambrì Piotta ecco Julius Nättinen
I biancoblù mettono sotto contratto per un anno il finlandese, che alla Valascia si porta in dote il titolo di cannoniere della Liiga
Altri sport
1 gior
La risalita del numero di casi di Covid-19 frena il football
Le nove squadre di football di Melbourne si apprestano a lasciare temporaneamente la città dopo la nuova ondata di coronavirus
Gallery
Calcio
1 gior
Puntelli ticinesi allo zoccolo duro granata
Il presidente Paolo Righetti: ‘In questo momento l’Acb ha bisogno di gente che ama l’Acb e lo mette davanti a tutto’’
Sci
1 gior
I Mondiali di Cortina restano nel 2021
Lo ha deciso la Fis che in caso di cancellazione dell'evento per un ritorno dell'epidemia di Covic rimborserà agli organizzatori fino a 10 milioni di franchi
Calcio
1 gior
Il Basilea potrà contare su Oberlin
L'attaccante 22enne ha ricevuto il via libera dalla Sfl per tornare subito a disposizione di Marcel Koller dopo il rientro dal prestito in Austria
Calcio
1 gior
Tegola per il Lugano: finita la stagione di Mattia Bottani
Il 29enne si è procurato una lesione dei legamenti interni del ginocchio sinistro e la rottura del menisco nello scontro con il difensore del Basilea Riveros
Gallery
Atletica
2 gior
Al Comunale fioccano i primati personali
Nel meeting del Gab miglior tempo per Tessa Tedeschi, Desirée Regazzoni e Mattia Tajana sui 200 metri. Gian Vetterli di nuovo vicino ai 50 metri nel disco.
Tennis
2 gior
Djokovic e moglie negativi a un nuovo tampone
Il 23 giugno il numero uno al mondo aveva annunciato di aver contratto il coronavirus. Ne sono seguiti dieci giorni di autoisolamento
Hockey
2 gior
Un altro anno a Davos per Félicien Du Bois
A 36 anni, il difensore neocastellano ha prolungato di una stagione con i grigionesi, di cui veste la maglia dal 2014
CALCIO
01.07.2020 - 12:340
Aggiornamento : 13:02

Contro il Basilea, con quel pizzico di cattiveria in più

Il Lugano ospita i renani a Cornaredo. Maurizio Jacobacci: 'Dovremo stringere i denti, ma in fase di possesso voglio una squadra che sappia far male'

Basilea, Young Boys e San Gallo. Per il Lugano l'inizio di luglio è di quelli da far tremare i polsi. Le prime tre della classe (in senso contrario, a cominciare dai renani attesi stasera a Cornaredo), per un trittico che se mal interpretato potrebbe risucchiare i bianconeri nelle zone melmose della classifica. La sconfitta di domenica a Zurigo ha rimesso tutti sul chi vive, ma di certo non ha tolto il sonno al tecnico Maurizio Jacobacci... «Tutte le partite sono difficili, perché ognuna ha la sua storia. Al Letzigrund abbiamo avuto le nostre ghiotte occasioni per segnare e portare a casa almeno un punto. Credo che chiunque abbia visto per davvero la partita, possa convenire con me che lo Zurigo non meritava la vittoria».

Sta di fatto che il Lugano sembra a disagio quando si ritrova a dover rincorrere il risultato: in stagione è capitato undici volte e soltanto in una i bianconeri hanno raggiunto il pareggio... «Chi segna per primo mette un'ipoteca sulla conquista dei tre punti, questo è un dato di fatto. Se a Zurigo non avessimo avuto occasioni sarei preoccupato, invece, abbiamo creato diverse palle gol. Dobbamo però essere più crudeli, più cattivi. L'errore di Holender nel finale, ad esempio, non arrivo a capirlo, non c'è stata la necessaria risolutezza al momento della conclusione, perché fin lì aveva fatto tutto bene. Avrei preferito che tirasse una saetta sopra la traversa, piuttosto che concludere in quel modo, perché non è stato nemmeno un tiro, bensì un passaggio a ritroso al portiere. Mi spiace che quando si arriva a creare un'occasione come quella non si riesca ad avere la cattiveria necessaria per buttarla dentro. È un aspetto nel quale dovremo crescere».

È una questione di determinazione... «Prendiamo, ad esempio, il colpo di testa di Yao. Probabilmente credeva che quella palla non sarebbe mai arrivata fino a lui, ma dobbiamo imparare ad avere fiducia nei compagni. Marchesano ha segnato perché era certo che quel pallone sarebbe arrivato sulla sua testa e si è mosso di conseguenza. E proprio sul gol vorrei evidenziare un altro problema: è vero, c'è stata la mancata chiusura di Selasie, ma pure l'indisciplina di Lovric. Sul corner Sandi doveva rimanere sul secondo palo, ma non l'ha fatto: se l'avevamo messo lì, un motivo c'era e se fosse rimasto al suo posto quel pallone l'avrebbe respinto senza problemi. A Zurigo i piccoli dettagli hanno fatto la differenza. Due errori ci sono costati molto caro e questo non deve più capitare».

Ma veniamo al Basilea... «Abbiamo analizzato tutte le partite del Basilea, anche l'ultima contro il Sion, squadra che si è limitata a difendersi nella speranza di portar a casa un punticino. Una tattica, tra parentesi, molto rischiosa, perché se prendi gol a 5' dal termine non hai più tempo per recuperare e allora sì che la sconfitta brucia. Per questo motivo, noi non vogliamo andare in campo soltanto per difendere lo 0-0. Certo, dovremo stringere i denti perché davanti avremo il Basilea, ma quando saremo in possesso di palla voglio che i ragazzi pensino a offendere, perché abbiamo le caratteristiche per poterlo fare. Dovremo cercare di impedire ai renani di far circolare il pallone a loro piacimento. Tatticamente non credo che ci potranno sorprendere più di tanto. Se volessero schierare in contemporanea sia Cabral, sia Ademi, dovrebbero cambiare modulo, ma ritengo che manterranno invariato il loro 4-2-3-1».

L'importante è non farsi schiacciare al limite della propria area di rigore... «Dovremmo riuscire a giocare come abbiamo fatto nel primo tempo a Zurigo, con un baricentro difensivo sulla tre quarti, vale a dire a 35 metri dalla nostra porta. Dipende però molto dal lavoro degli attaccanti: a loro tocca il compito di gestire bene la prima fase del lavoro difensivo, impedendo ai due centrali di impostare palla al piede, ciò che permetterebbe al resto della squadra di rimanere ancora più alta. Se, al contrario, questo lavoro non riesce e le punte si abbassano all'altezza del centrocampo (o ancora più in giù), ecco che la difesa sarà giocoforza costretta a indietreggiare».

Quella contro il Basilea sarà la quarta partita in dieci giorni. La stanchezza potrebbe iniziare a farsi sentire... «Non ho visto giocatori a corto di energie dopo il 60'. Stanno reggendo tutti molto bene. Ad esempio, Lavanchy e Yao, impegnati a fare tutta la fascia, avrebbero potuto rimanere in campo tutti e due fino al 90'. Ho tolto Yao perché volevo inserire Jefferson, mancino naturale, per la sua capacità di mettere in mezzo palloni interessanti».

Niente di nuovo sul fronte degli infortunati. Mancheranno Custodio, Macek e Rodriguez. Tre defezioni anche in casa renana: non ci saranno, per infortunio, Pululu, Van Wolfswinkel e Zuffi.

 

CALCIO: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved