laRegione
arriva-il-thun-basta-regali
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Sci
34 min

Beat Feuz in testa a Kitzbühel, terribile caduta per Urs Kryenbühl

Il bernese autore di una corsa strepitosa sulla Streif; schianto dello svittese sul salto finale, dove 12 anni or sono cadde Daniel Albrecht
Calcio
3 ore

Il Lugano accoglie il terzino Opara e saluta Odgaard

Christopher Lungoyi diventa di proprietà della Juventus (operazione inversa per Monzialo) ma può restare in bianconero fino al 2022. Parte anche Seferaj.
Altri sport
6 ore

Olimpiadi di Tokyo, il Giappone smentisce The Times: 'Si faranno'

Dopo un articolo pubblicato dal quotidiano britannico che ventilava un posticipo al 2032 viene dichiarato che ogni tentativo verrà effettuato
Calcio
7 ore

Sepp Blatter è in coma artificiale

L'ex presidente della Fifa 'sta facendo progressi ogni giorno, ma ci vorrà molto tempo per guarire' afferma intervistata la figlia
Calcio
16 ore

Nsame ancora una volta sbaraglia la concorrenza

Il camerunese dell'Yb nuovamente eletto giocatore dell'anno di Super League. In Challenge League premiato il neobianconero Abubakar
Hockey
20 ore

‘Giocare senza pause aumenta il rischio di infortuni’

Il punto alla situazione in casa Ambrì Piotta a metà del guado della stagione regolare dei leventinesi con il direttore sportivo Paolo Duca
CICLISMO
20 ore

Il Giro dell'Algarve posticipato a maggio

la pandemia continua a perturbare anche in Europa l'inizio della stagione, dopo gli annullamenti già confermati in Australia, Sudamerica e Medioriente
CICLISMO
20 ore

Obiettivo Tokyo per l'ultima stagione di Valverde

Lo spagnolo (40 anni) non parteciperà al Tour de France per il quale la Movistar punterà sullo spagnolo Enric Mas e sul colombiano Miguel Angel Lopez
OLIMPIADI
21 ore

Thomas Bach categorico: ‘Niente piano B per i Giochi di Tokyo’

Il presidente del Cio conferma le date del 2021 (23 luglio - 8 agosto). Ma non tutti sono così ottimisti e c'è chi chiede un rinvio al 2024
Hockey
22 ore

Il Davos ne ingaggia sei, compreso Wellinger dal Lugano

Oltre al difensore bianconero il club grigionese ha messo le mani sul quotato difensore del Rapperswil Dominik Egli, oltre a quattro nuovi attaccanti
SCI ALPINO
23 ore

Le quattro fatiche di Lara (che non le pesano)

Gut-Behrami in stagione ha sempre chiuso nella top 11 in discesa, superG, gigante e parallelo: ‘Non sono obbligata a prende il via, è una mia libera scelta’
SCI ALPINO
1 gior

Davanti austriaci e italiani, Janka miglior svizzero

Nella seconda giornata di prove in vista delle libere di Kitzbühel, il grigionese ha chiuso con il quinto tempo. Beat Feuz si è accontentato del 14.mo posto
CICLISMO
1 gior

Pogacar, Froome e Hirschi presenti all'Uae Tour

La corsa a tappe degli Emirati Arabi Uniti, organizzata dalla Rcs, si svolgerà dal 21 al 27 febbraio. Nel 2020 era stata fermata a causa della pandemia
Hockey
1 gior

Mondiali, la Lituania si propone per affiancare la Lettonia

Il paese baltico si è detto pronto a organizzare assieme ai "vicini" la rassegna iridata dopo l'esclusione della Bielorussia per motivi di sicurezza
Calcio
1 gior

La Fifa non riconoscerà un'eventuale Superlega europea

In una nota congiunta, le sei confederazioni ribadiscono che se giocatori o club vi prendessero parte verrebbero banditi da tutte le competizioni Fifa
Basket
1 gior

Capela entra nella storia sulle orme di Shaquille O'Neal

Il centro ginevrino nel successo dei suoi Atlanta Hawks su Detroit ha messo a segno una doppia doppia da 27 punti, 26 rimbalzi e 5 stoppate
CALCIO
14.07.2020 - 17:570

Arriva il Thun, basta regali

Dopo aver subito 9 reti in 3 partite, il Lugano vuole ritrovare la tradizionale solidità difensiva. Maurizio Jacobacci: 'Grinta, cattiveria e concentrazione'

Tre reti contro lo Young Boys, tre reti contro il San Gallo, tre reti contro il Lucerna: non ci sono dubbi, il Lugano con i regali di Natale si è portato ampiamente avanti. Adesso è tempo di ritornare a proporre quella difesa ferrea sulla quale, fino a pochi giorni fa, i bianconeri avevano forgiato tanti dei loro successi. Anche perché domani a Cornaredo arriva il Thun, per una sfida che potrebbe definitivamente togliere le castagne dal fuoco a Maurizio Jacobacci e compagni. Tre punti contro i bernesi proietterebbero i bianconeri a un passo dalla matematica salvezza, al contrario un rovescio rischierebbe di far risorgere fantasmi che si credevano sopiti. Alla luce dell'importanza dei tre punti in palio, la clamorosa rimonta subita domenica a Lucerna si spera non abbia intaccato le certezze dei bianconeri... «Non sono preoccupato – commenta il tecnico luganese –. A Lucerna non abbiamo sbagliato partita: anzi, per un'ora e poi ancora nei minuti finali, si è visto un ottimo Lugano. Per andare alla Swissporarena a fare ciò che abbiamo fatto occorrono doti tecnico-tattiche, carattere, fisico... Ci sono state alcune sbavature che in 20' ci hanno portato a rovinare tutto, ma la squadra per un'ora ha corso moltissimo e a un certo punto qualcuno ha iniziato a pagare a livello fisico. In simili frangenti occorrerebbe ancora maggiore concentrazione, ma si sa che proprio la concentrazione viene meno quando le gambe non riescono a seguire».

A fine partita il presidente Angelo Renzetti non le ha mandate a dire, sia al tecnico, sia ai giocatori... «Vorrei precisare che non ho mai litigato con il presidente. Era arrabbiato per la mancata vittoria e lo ero pure io, con me stesso e con i giocatori. A tutti è dispiaciuto aver perso due punti in quella maniera, anche perché, torno a ribadirlo, ritengo che per lunghi tratti il Lugano abbia disputato un'eccellente prestazione. E, a conti fatti, nel finale siamo stati proprio noi ad andare a un passo dal quarto gol, con l'occasione di Pavlovic e il palo di Lavanchy. Dopo aver subito il terzo gol, la squadra è stata capace di una reazione importante e questo credo sia un aspetto non sottolineato a sufficienza. Insomma, il presidente aveva tutte le ragioni per essere arrabbiato, ma tra arrabbiatura e litigio la differenza è sostanziale».

'Conosco le doti di Yao'

Rimane il fatto che Eloge Yao sta attraversando un momento difficile: due autoreti contro lo Young Boys e responsabilità su due delle tre reti del Lucerna... «Con lui non ho ancora parlato, volevo lasciare decantare le polemiche. Ovviamente lo farò nelle prossime ore. Ci tengo però a ribadire che Yao non è bocciato e ha le stesse possibilità di tutti gli altri di scendere in campo contro il Thun. Ho piena fiducia nel giocatore e se lo mando in campo è perché so che può svolgere il compito assegnatogli: è forte di testa, è esplosivo e fisicamente sta bene. Proprio per questi motivi sono rimasto deluso dalla sua prestazione a Lucerna: conosco i suoi pregi e so quanto vale e cosa può dare a questa squadra».

Una squadra che, però, nelle ultime tre partite ha subito nove reti. Un pizzico di preoccupazione può sorgere... «Ovviamente ci penso, rifletto e guardo le immagini televisive, in modo da capire la genesi dei gol. Ad esempio, il secondo incassato contro il San Gallo è simile ai due di Lucerna, con cross lunghi sul secondo palo. Contro lo Young Boys abbiamo subito due volte su palle inattive, situazione di gioco nella quale, di regola, siamo piuttosto forti. Si tratta di ricalibrare alcuni meccanismi, di rimanere concentrati in ogni occasione, di voler essere più cattivi dell'avversario. So che possiamo farlo, perché è stata una costante del nostro gioco fino a poco tempo fa. Domani avremo bisogno proprio di queste caratteristiche. In febbraio a Thun avevamo perso per due palle inattive nei primi 20': non deve più succedere».

All'orizzonte si staglia la sfida con il Thun, ma l'attualità del calcio svizzero è rappresentata dal caso Zurigo, con i casi di Covid-19, il rinvio della partita con il Sion e la decisione di giocare contro il Basiela attingendo a molti ragazzi della U21... «Sinceramente è un tema che mi interessa poco. Mi concentro su quello che possiamo fare noi in campo, i commenti sulle decisioni della Swiss Football League o delle singole società le lascio ad altri. Con i ragazzi il tema del Covid-19 non è stato affrontato, anche perché non vi è ancora stato il tempo materiale per farlo. Il Lugano sta curando tutti i dettagli in ambito sicurezza, per cui sono tranquillo. So che la nostra U21 ha ripreso gli allenamenti, ma spero che né noi, né nessuna altra squadra in Svizzera si ritrovi nella stessa situazione dello Zurigo. So anche che il Sion si è lamentato perché contro di loro lo Zurigo non ha giocato con gli U21, ma credo si tratti di usare il buon senso e ammettere che non era possibile organizzarsi in tal senso nel giro di poche ore. D'altro canto, ammiro il senso di responsabilità del presidente dello Zurigo, Ancillo Canepa, il quale, per salvaguardare il campionato, ha accettato di schierare gli U21. Una decisione non da poco, visto che la squadra è ancora in lotta per un posto in Europa».

Calendario modificato

Zurigo-Sion, incontro valido per la 30esima giornata di Super League rinviato a causa della positività al coronavirus dello zurighese Mirlind Kryeziu, verrà recuperato martedì 28 luglio alle 20.30. Ne consegue che la sfida della 34esima giornata del St. Jakob Park tra il Basilea e il Lugano verrà spostata da sabato 25 luglio a domenica 26 (alle 16), in modo da permettere allo Zurigo di scendere in campo al sabato contro il San Gallo. Di conseguenza, subiscono modifiche anche le ultime due giornate: la 35esima si giocherà venerdì 31 (Lugano - Servette), la 36esima lunedì 3 agosto (Xamax - Lugano) anziché domenica 2 agosto.

CALCIO: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved