SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Bob
1 ora

Stavolta per Michael Vogt il podio c’è per davvero

Quarto una settimana prima a Whistler, a Park City lo svittese chiude al terzo rango la prova di Coppa del mondo di bob a due
i mondiali dal divano
5 ore

Questione di prospettiva

Il gol del Giappone, la festa dei tunisini eliminati, ma vittoriosi sulla Francia: la felicità, nel calcio e non, dipende da come guardiamo le cose
Qatar 2022
12 ore

Storico ma inutile successo del Camerun sul Brasile

Gli africani, nel finale di partita, trovano con Aboubakar il gol per battere la formazione delle riserve verdeoro
QATAR 2022
13 ore

Shaqiri, Embolo, Freuler, la Svizzera è agli ottavi

Superata la Serbia al termine di una partita ricca di emozioni. Rossocrociati superiori all’avversario, prestazione eccellente
Sci
13 ore

Lake Louise, Sofia Goggia e un sorriso al fotofinish

Nella prima libera femminile della stagione l’italiana batte per 4 centesimi Suter e per 6 l’austriaca Hütter. Lara è 18esima: ‘Domani ci riprovo’
QATAR 2022
16 ore

Svizzera affronta la Serbia senza Sommer ed Elvedi

I due ancora alle prese con un attacco influenzale. Saranno sostituiti da Gregor Kobel tra i pali e da Fabian Schär in difesa. Shaqiri in campo da subito
Qatar 2022
16 ore

La Corea sconfigge il Portogallo B e va agli ottavi

I sudcoreani rimontano la rete iniziale lusitana, ribaltano il risultato e, grazie al maggior numeri di gol segnati, superano l’Uruguay
QATAR 2022
16 ore

Questione di millimetri, il gol del Giappone era valido

La Fifa precisa che la rete con la quale i nipponici hanno sconfitto la Spagna era regolare, siccome la proiezione della sfera toccava la linea di fondo
Qatar 2022
17 ore

L’Uruguay batte il Ghana 2-0, ma non basta

La sconfitta del Portogallo contro la Corea permette agli asiatici di superare la Celeste a livello di gol segnati
Hockey
17 ore

Fatton senza ghiaccio per sei, otto settimane

Prestato allo Zugo a metà novembre, il ventunenne portiere del Lugano ha rimediato lo strappo dei legamenti di una caviglia
Calcio
17 ore

Il Lugano di Croci-Torti torna a sudare. ‘Siamo carichi’

Ritrovo a Cornaredo per i bianconeri, per l’inizio della preparazione al campionato che riprenderà il 22 gennaio. ‘Una preparazione diversa dal solito’
Altri sport
18 ore

Il Ticino torna da Losanna con sette medaglie al collo

Buon risultato d’assieme per i judoka di casa nostra in una competizione a cui accedevano soltanto i migliori atleti del ranking nazionale
BASKET
19 ore

Due trasferte in Romandia per Spinelli e Tigers

Il Massagno non deve scherzare contro il Nyon, mentre un Lugano con qualche assente di troppo sarà ospite del Ginevra
SCI ALPINO
19 ore

Cdm senza pace, annullata la discesa di Beaver Creek

Uomini fermi, come settimana scorsa a Lake Louise, a causa di vento e precipitazioni nevose. Si tratta della nona gara tolta dal calendario o posticipata
Hockey
23 ore

Tre giornate e multa a Bachofner

Dopo la carica alla balaustra ai danni di Bykov, squalifica e 3’200 fr. di ammenda per l’attaccante dello Zurigo
Qatar 2022
1 gior

Il Giappone che non t’aspetti: primo posto di gruppo

Dopo i tedeschi, i nipponici mandano al tappeto anche la Spagna, che però va comunque agli ottavi: i primi sfideranno i croati, i secondi i marocchini
Qatar 2022
1 gior

La vittoria non basta: dopo i belgi, anche i tedeschi a casa

La vittoria per 4-2 sul Costarica non permette alla Germania di evitare la seconda eliminazione di fila dopo la fase a gironi a un Mondiale
Hockey
1 gior

Colpo Bienne, da Buffalo arriva Riley Sheahan

Liberato dall’impegno con i Sabres, il trentunenne centro canadese ha firmato con i Seeländer un contratto valido sino a fine stagione
Calcio
1 gior

Juventus, l’Uefa indaga su violazioni del fair play finanziario

L’inchiesta della Federcalcio europea mira a verificare la corrispondenza al vero della situazione finanziaria che permise la transazione in agosto
unihockey
laR
 
04.03.2022 - 19:08

Luca Tomatis: ‘Ora vogliamo prenderci qualcosa’

Il Ticino Unihockey si appresta ad affrontare il Turgovia in semifinale. ‘Stagione oltre le aspettative, ma la A rimane distante’

luca-tomatis-ora-vogliamo-prenderci-qualcosa

Dopo l’annullamento dello scorso campionato, il Ticino Unihockey si ripresenta alle semifinali di Lnb, come nel 2020 e nel 2019: «Siamo alla terza semifinale consecutiva, finora siamo sempre stati eliminati a zero e questo fatto non ci è ancora andato giù del tutto – dichiara coach Luca Tomatis –, al terzo tentativo anche noi iniziamo a volere qualcosa. Per cui quest’anno l’obiettivo è vincere almeno una partita questo weekend per portare più in là possibile la serie. Gli scontri diretti in stagione sono stati un po’ strani: nel primo le difese di tutte e due le squadre erano state piuttosto allegre, come dimostra il risultato finale di 9-8 per il Turgovia. La seconda partita (vinta ancora dai turgoviesi, per 13-3) era invece capitata in un periodo in cui eravamo fuori fase, a causa anche di diversi infortuni, e siamo andati rapidamente in confusione. Adesso però abbiamo perfezionato gli automatismi, per cui mi attendo delle partite aperte, ma con il Turgovia favorito. Sarà una serie complicata perché loro negli anni si sono attrezzati per puntare con decisione alla promozione anche grazie a un settore giovanile veramente forte, basti pensare che la loro squadra U21 è in semifinale di serie A e sono pronti a fare il salto di categoria a tutti i livelli. A noi di provare a mettere loro il bastone fra le ruote e ritagliarci qualche soddisfazione. L’ultima semifinale, due anni fa, già contro il Turgovia, era stata interrotta dopo gara 2 a causa dell’arrivo del Covid, adesso ripartiamo da zero».

Semifinale che il Tiuh si è guadagnato eliminando nel derby il Verbano in quattro partite: «Il primo weekend è stato equilibrato, nel secondo siamo stati superiori. È forse esagerato dire che abbiamo dominato, ma abbiamo vinto abbastanza chiaramente. All’inizio è mancata l’attitudine giusta, c’era forse un filo di tensione, mentre a partire da gara 3 eravamo più in chiaro sulla strategia da applicare per vincere e l’abbiamo fatto bene. Poi nelle prime due partite ci è mancato il top scorer Pablo Mariotti. A livello di mediatizzazione invece, penso che per il derby ticinese si sia persa un’occasione, in quanto, nonostante il folto pubblico di diverse centinaia di spettatori a partita, se n’è parlato relativamente poco sui media».

Nonostante il solito ricambio generazionale, la squadra di Tomatis (e del suo assistente Michel Masa) sa sempre confermarsi: «La stagione è andata quasi meglio delle aspettative, in quanto avendo dovuto ancora una volta sostituire diversi partenti con numerosi giovani, temevamo di fare fatica a qualificarci per i playoff, in realtà invece eravamo matematicamente qualificati con due giornate d’anticipo ed era già da un po’ che la situazione era chiara. Per cui il bilancio è ottimo, anche perché c’è stato un bel progresso: dopo una partenza buona, abbiamo avuto una fase centrale più difficoltosa e un finale di stagione, dopo Natale, molto positivo. Quest’anno a parte Turgovia da un lato della classifica e Altendorf dall’altro, le altre squadre erano molto ravvicinate per cui ogni partita era molto importante e tutti potevano giocarsela con tutti, a livello mentale diventa complicata, in quanto non ci si poteva mai rilassare. Turgovia, Basilea e Kloten rappresentano il top 3 della Lnb, fra gli altri, grazie alla nostra esperienza nei playoff riusciamo a fare quel passo in più degli altri. Merito anche della società e del settore giovanile che ci fornisce regolarmente dei giovani in grado di rendere anche in prima squadra. Difficile dire come sia andata la ripresa post-pandemia, all’inizio c’è stata un po’ di ruggine, però poi in poco tempo, nonostante le mascherine e il resto, siamo riusciti a giocare senza troppi pensieri, almeno in Lega nazionale, e continuare a fare ciò che facevamo prima. Chiaramente quando a causa anche delle quarantene ti ritrovi con quattro o cinque assenze contemporaneamente non è evidente lavorare, ma è stato così per tutti. Nel complesso gli annullamenti sono stati pochi e la Federazione ha gestito bene la situazione e il campionato è stato regolare».

Inoltre si è saputo intervenire laddove necessario: «Dopo Natale abbiamo reinserito il nostro jolly Pietro Luraschi che ci ha dato una mano soprattutto a livello d’esperienza, ma non solo. Per esempio abbiamo anche pescato dal Vallemaggia Elia Maddalena che nel paio di partite giocate con noi ha fatto molto bene e che speriamo di confermare in futuro. Il discorso continuità è importante per noi, in questo senso il rinnovo già ora di Roope Kainulainen per il prossimo campionato dà delle garanzie alla società e alla squadra, anche perché come sempre saremo confrontati con diverse partenze per studio, militare e quant’altro. Speriamo che avere già in rosa un nome di tale qualità funga da stimolo per gli indecisi per restare».

Una vita per lo sport

Indubbiamente parte del merito per questi risultati costanti è da attribuire allo storico coach dei rossoblù: «Lavoro alla scuola per sportivi d’élite, dove seguo diverse discipline, che mi permettono giornalmente di rimanere a contatto con lo sport d’élite, un fattore che mi dà tanto, mentre posso ricambiare con la mia esperienza. Inoltre sono responsabile per l’educazione fisica, quindi lavorando al 100% e dedicando il dopolavoro all’unihockey posso dire che la mia vita ruoti essenzialmente attorno allo sport. E per la prima volta da quando mio figlio Alessandro è passato al Kloten, ci siamo ritrovati come avversari e devo dire che è andata nel modo ideale, visto che io ho vinto due volte, ma lui ha segnato».

All’Arti e Mestieri l’appetito vien mangiando, ma la "dieta" è comunque rispettata: «Adesso siamo in semifinale ed è difficile non pensare alla serie A, tuttavia le infrastrutture e la struttura societaria, nonché i numeri attuali la rendono un’opzione non percorribile. Sarebbe bello, ma dobbiamo fare ancora dei grandi passi per i quali necessitiamo di aiuti esterni. Da un lato siamo sicuramente lontani per tanti aspetti, per altri siamo anche vicini, se pensiamo che con tre vittorie (che comunque è un risultato tutt’altro che evidente) andremmo a giocarci lo spareggio. In ogni caso in A si gioca su altri ritmi e con un altro impegno fisico, sebbene veda delle chance di promozione per chi dovesse arrivare agli spareggi».

La prossima stagione sarà anche quella dei Mondiali in Svizzera: «Per l’unihockey è un momento importante, durante il quale bisognerà lavorare bene con i media, in quanto si tratta di eventi grandi in cui il pubblico è fra i più numerosi a livello globale e potrà essere accolto nella nuova pista di ghiaccio di Zurigo e sarà fondamentale fare bene in tutti i sensi. Oltretutto il nostro è uno sport molto telegenico, in quanto non ci si annoia mai: accade sempre qualcosa o un’occasione da gol o una bella azione».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved