Venezia
1
Fiorentina
0
fine
(1-0)
Venezia
1
Fiorentina
0
fine
(1-0)
siamo-riusciti-a-tenere-il-passo-dei-team-ufficiali
Gara praticamente perfetta a Le Castellet
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
CALCIO
1 ora

Primo gol in Turchia per Mario Gavranovic

Il ticinese protagonista di una bella prova (ha fornito anche due assist), nonostante la sconfitta 6-3 del suo Kayserispor ad Alanyaspor
Tennis
2 ore

Di male in meglio: la stagione ‘folle’ di Rémy Bertola

Il ticinese di 23 anni racconta il suo anno a più facce: una prima parte ‘tutta storta’, la ripresa, la classifica più alta mai raggiunta, l’infortunio
Tennis
4 ore

Il Master a Melide ha chiuso il sesto Memorial Gandini

Ai dieci tornei in calendario quest’anno per il Circuito ArTT dedicato ai seniores, hanno partecipato in totale 149 tesserati
Hockey
4 ore

‘Ora sì che mi sento nuovamente parte del gruppo’

Un gol e un assist nel weekend del ‘comeback’ in National League dopo un anno di stop. D’Agostini: ‘È stata lunga, ma il peggio è dietro di me’
TIRO
5 ore

A Roberto Facheris e Marco Zimmermann il 23º Trofeo Raiffeisen

Ottimi risultati a Taverne per la gara federativa che ha proposto competizioni nel match olimpionico e nelle 2 posizioni
CALCIO
5 ore

La U21 si fa preferire, ma alla fine è 3-0 per il Winterthur

Ticinesi battuti nonostante la buona prestazione sul piano del gioco. Importanti vittorie per la U18 e per la U15 Academy
AUTOMOBILISMO
5 ore

Secondo posto per Marciello sul circuito di Indianapolis

Trasferta positiva, nonostante qualche problema logistico per il mancato arrivo nei tempi prestabiliti di vettura e materiale
Hockey
6 ore

È Lauri Korpikoski il quinto straniero del Bienne

Il 35enne attaccante finlandese, che nel 2019 aveva vinto il titolo con i Lions, giocherà con i Seeländer fino al termine della stagione
HOCKEY SU PRATO
6 ore

Contro lo Stade Losanna, il Lugano si impone 2-1

Buona prestazione della compagine ticinese nella prima partita della seconda fase di campionato, al cospetto di una squadra proveniente dall’élite elvetica
ROLLER
7 ore

Al Biasca non basta la partenza lampo

La compagine ticinese a segno due volte nei primi due minuti, ma poi il Ginevra torna in partita e si impone 3-2
Corsa d’orientamento
9 ore

Nel Mendrisiotto conferme e sorprese

A Rovio Noemy Cerny batte la nazionale Elena Pezzati, che però si rifà nello sprint. Tobia Pezzati firma invece la doppietta in campo maschile
Bouldering
11 ore

Ha iniziato ad arrampicare per gioco, ora sogna le Olimpiadi

Incontro con Davide Torroni, quattordicenne di Gordola campione svizzero U14 e U16: ‘Prediligo corda e boulder, perché le vie sono sempre diverse’
Calcio
1 gior

In Olanda cede una tribuna: ‘Sono senza parole’

A Nijmegen crolla parte della struttura mentre i tifosi ospiti festeggiano il successo del Vitesse Arnhem sul Nec. Il sindaco: ‘Subito un’indagine’
CICLISMO
1 gior

In Italia esce il film su Pantani. ‘La gente capirà chi era’

Parla Tonina, la madre del ciclista trovato morto 17 anni fa in un residence di Rimini. ‘Rabbia? Le promesse non mantenute. Promesse, solo promesse’
Motociclismo
21.09.2021 - 21:560

‘Siamo riusciti a tenere il passo dei team ufficiali’

Il secondo posto al Bol d’Or lancia il finale di stagione del team Moto Ain di Roby Rolfo

Quando viaggi a 320 chilometri orari non puoi permetterti distrazioni. La tua guida deve essere pulita, rasente alla perfezione. E perfetto lo sono appunto stati Roby Rolfo e i suoi compagni di squadra, il friborghese Robin Mulhauser e il francese Randy De Puniet, che hanno portato il loro team, il francese Moto Ain, al secondo posto del Bol d’Or nella categoria Ewc del Mondiale di Endurance. «Ma perfetto è stato è pure stato il comportamento dei meccanici ai box, durante i cambi e le soste per il rifornimento: è anche grazie a loro se a Le Castellet siamo riusciti a centrare un risultato che ha del sensazionale – commenta raggiante il ticinese, sulla via del rientro dalla Francia –. Questo secondo posto vale come un successo per noi, considerando che il team è al suo primo anno nella categoria maggiore e, soprattutto, non può contare su tutto quell’appoggio, logistico e finanziario, di cui può godere un team ufficiale. Certo, il potenziale per fare bene c’era tutto in questa gara, ma questo piazzamento va al di là delle più rosee aspettative. Eravamo partiti con l’intenzione di bissare, se possibile, il quinto posto realizzato nella 8 Ore dell’Estoril due mesi fa, e invece siamo finiti addirittura sul podio! Diciamo che per ambire a tanto serviva una gara quasi perfetta, ed è quello che appunto siamo riusciti a fare». Merito anche dell’affiatamento tra i tre piloti: «Siamo tre piloti simili per caratteristiche e temperamento. Robin (Mulhauser, ndr) già correva con me la passata stagione; Randy, invece, è una vecchia conoscenza: ai tempi delle 250 tra me lui c’era una certa rivalità. Sono contento di averlo ritrovato, e che ora corriamo per i medesimi colori».

Alla 24 Ore di Le Mans, a metà giugno, la sfortuna l’aveva fatta da padrona, con la rottura del motore che aveva costretto Rolfo e compagni ad alzare bandiera bianca dopo nemmeno un quarto di gara. «Stavolta, invece, tutto è filato liscio, tanto in pista quanto nei box. Nelle gare di resistenza, anche le soste hanno un loro peso nel risultato finale: meno tempo perdi nelle soste, più guadagni nei confronti degli avversari. Ecco perché i team ufficiali, che possono contare su una squadra di meccanici più numerosa, spesso riescono rosicchiare parecchio tempo alla concorrenza. A Le Castellet, tuttavia, anche il lavoro dei nostri meccanici è stato esemplare». Del resto, anche in passato il circuito Paul Ricard aveva regalato diverse belle soddisfazioni al ticinese, che già due anni fa aveva vinto il Bol d’Or, allora però nella categoria Superstock. «Quella di Le Castellet è una pista che mi piace molto, e che conosco anche assai bene: ci giravo già da tredici-quattordicenne: è lì che ho fatto le mie prime esperienze su un circuito ben prima che iniziassi a correre. Certo, da allora la pista è un po’ cambiata, e il Bol d’Or, tra l’altro, si disputa sul circuito completo, quello che solitamente usano per le gare di F1, e non con le varianti accorciate, ma le caratteristiche principali le conosco bene».

Entrando nel concreto, come è andato il Bol d’Or? «Durante la gara si sono verificati due temporali improvvisi e abbastanza forti che hanno bagnato da cima a fondo l’asfalto rendendo un po’ più complicata la vita a tutti (oltre che a costringere tutti i team a effettuare due soste supplementari ai box). Una situazione non facile nemmeno per me: quando di trovi in un frangente così, magari alle 4 del mattino con alle spalle già qualche ora di guida, non è facile mantenere la lucidità necessaria per gestirlo. E di cadute, infatti, ce ne sono state diverse. Io, per contro, sono riuscito a cavarmela bene. Sono proprio queste cose che rendono le 24 Ore molto impegnative. Specie su un circuito come il Paul Ricard. Se la 24 Ore di Le Mans è la più impegnativa dal punto di vista fisico, il Bol d’Or lo è dal profilo mentale, perché le forti velocità che si raggiungono qui stancano più velocemente, andando a incidere sulla lucidità».

All’Estoril puntando a quinto (e quarto) posto

A una gara dal termine (la 8 Ore di Most, in Cechia, programmata per il 9 ottobre), il Moto Ain di Rolfo occupa la sesta posizione nella classifica generale: niente male per essere il primo anno nella categoria maggiore… «Indubbiamente. Tolto lo sfortunato ritiro a Le Mans (dove, però, anche parecchie altre squadre hanno avuto problemi), le cose sono andate particolarmente bene per noi, prima con il quinto rango all’Estoril e ora con il secondo posto di Le Castellet. A inizio stagione avremmo messo la firma per una posizione così a una gara dal termine».

A questo punto, tanto vale giocarsi il tutto per tutto nell’ultima gara, nel tentativo di scalare ancora qualche posizione. «Teoricamente la quarta posizione sarebbe ancora alla portata, anche se, più realisticamente, potremmo puntare con maggiori chance alla quinta piazza. Anche se per arrivarci servirà anche una certa dose di fortuna e sperare che tutto vada per il verso giusto».

SPORT: Risultati e classifiche

Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved