17.08.2022 - 05:30

Sul ‘woke’ le cose sono più complesse di come sembrano

Su LaRegione oggi: l’ennesima etichetta di importazione USA; i piccoli commerci resistono; Ottimo 2022 per il turismo nel Locarnese; AVS21, la spiegazione

sul-woke-le-cose-sono-piu-complesse-di-come-sembrano

In principio era il politically correct. Poi sono arrivati il gender e la cancel culture. Ora è tempo di woke, l’ennesima etichetta d’importazione americana utilizzata (anche) da questa parte dell’Atlantico per denunciare le presunte derive della cultura progressista e ‘multikulti’. Il termine americano è spuntato nei discorsi Udc dopo la censura di un concerto reggae. Ma le cose sono più complesse, ci spiega il sociologo Cattacin.

I piccoli commercianti ticinesi resistono ai colossi delle multinazionali. È questa la panoramica che offre, interpellata da ‘laRegione’, la presidente di Federcommercio Lorenza Sommaruga in merito a differenze e peculiarità in Ticino riguardo al settore della moda.

Stress, pensieri tossici che ci rubano l’energia vitale. Il Lama della Mongolia spiega le radici della depressione e come essere sereni tra pandemia e guerra.

La stagione turistica estiva di quest’anno per la Regione del Locarnese e della Vallemaggia è stata un successo. Anche se l’estate ancora non è finita, i dati in possesso degli operatori parlano di un evidente segno più. Volano le prenotazioni nelle strutture alberghiere e nei campeggi.

L’aumento dell’età di riferimento è al centro della riforma ‘Avs 21’, in votazione il 25 settembre. Domande e risposte per capire cosa cambierebbe.

Leggi anche:

La questione ‘woke’ tra realtà e strumentalizzazioni

‘I piccoli commerci resistono ai colossi delle multinazionali’

Stress, pensieri tossici... così ci rubano l’energia vitale

Turismo, una stagione dorata per lago, valli e monti

Donne in pensione a 65 anni, l’ennesimo tentativo

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved