Iscriviti alla newsletter
Ogni giorno la redazione seleziona le notizie che compongono la nostra newsletters.
Per riceverla tramite email, iscriviti, l'invio è gratuito
ULTIME NOTIZIE Newsletter
Newsletter
2 ore

È etico chiedere firme a persone dal tasso alcolemico dubbio?

Un Carnevale che perde il giornalino satirico, un altro che trova dei raccoglitori di sottoscrizioni. Ma pure il pallone ‘spia’ cinese e la storia di Ashe
Newsletter
3 gior

Auto che meno inquina meno paga? Non necessariamente

Dalla tassa di circolazione al tema dei migranti. Ma nell’edizione odierna spazio anche all’esportazione di armi, ai radar e al ricordo di Erminio Ferrari
Newsletter
4 gior

Il colpo di scena su ospedali di valle e cure di prossimità

Il primo firmatario dell’iniziativa ne chiede ora il ritiro. E, sempre in tema di cure, alla Santa Croce c’è un reparto a ‘ConTatto’ col disagio profondo
Newsletter
5 gior

Energia, i Comuni invitati a non abbassare la guardia

Il governo aggiorna sulla situazione energetica ancora tesa. Parliamo anche dell’Osteria Marisa a Faido, di Myanmar, Russia e Olimpiadi del ’48
Newsletter
6 gior

Dalla condanna all’assoluzione: passando per...

Potrebbe non essere chiusa la vicenda dell’ex maestro di Montagnola. Mentre a Gordola si può stare tranquilli. Viva Ornella!
Newsletter
1 sett

Cyberattacchi che colpiscono il settore sanitario

Dalla protezione dei dati dei pazienti al voto per il Parco naturale della Val Calanca, passando per il congresso del Centro
Newsletter
1 sett

Pesca a Brissago, un divieto...vietato

Effetto sospensivo al ricorso contro una delle bandite di pesca con reti. Il fallimento del Chiasso, arriva Sanremo e la Formica Rossa morde sull’Ucraina
Newsletter
1 sett

Una Torre che avvicina... straordinariamente Lugano a Friborgo

Dalla manifestazione in riva al Ceresio alla Giornata della memoria. Ma nell’edizione odierna spazio anche alla politica (di milizia)
Newsletter
1 sett

Lugano e cultura alternativa, fra proposte e chiusure (poche)

I gruppi del legislativo cittadino si esprimono sul tema. Su laRegione di oggi, spazio anche alla ciclopista Grigioni-Ticino e l’affaire Aim a Mendrisio
09.04.2022 - 05:30

Sommaruga: ‘Dobbiamo puntare all’indipendenza energetica’

L’addio alla Russia, dopo quasi 17 anni, di Giovanni Savino. Trentasei anni dopo, la mitica ‘numero 10’ di Maradona torna a far parlare si sé

sommaruga-dobbiamo-puntare-all-indipendenza-energetica

«Troppo a lungo ci siamo affidati alle importazioni di carburanti e combustibili fossili. Purtroppo, la guerra in Ucraina rende ancor più evidente quanto sia importante per la Svizzera diventare più indipendente da questo punto di vista e quanto sia centrale la questione della sicurezza dell’approvvigionamento elettrico». A dirlo è Simonetta Sommaruga, incontrata a margine del Forum innovazione Svizzera italiana organizzato dalla Supsi. L’occasione per una chiacchierata a 360 grandi con la ministra dell’ambiente su temi scottanti quali energie rinnovabili, gas e petrolio russi, guerra in Ucraina e sanzioni nei confronti di Mosca.

E un altro incontro ‘doc’ è protagonista di un altro approfondimento che trova spazio nelle pagine dell’edizione odierna. Il soggetto è Giovanni Savino, che fino a poco più di un mese fa insegnava storia all’Istituto di scienze sociali all’Accademia Presidenziale di Mosca. Fino al 3 marzo, appunto... Poi, quasi 17 anni dopo il suo arrivo in Russia, Savino ha lasciato il Paese: «La nuova legge introdotta da Putin, mirata nominalmente a sanzionare chi diffonde fake news e vilipende le forze armate, ma rivolta in realtà contro chiunque discuta liberamente dell’invasione, mi avrebbe messo a rischio: avevo da poco discusso l’argomento in classe, su richiesta dei miei studenti, e avevo chiaramente usato la definizione di guerra», racconta come preambolo alla sua lettura della situazione venutasi a creare in Russia.

Passa dalla Corsica la strada che porta al rinnovo del suo mandato all’Eliseo Emmanuel Macron. Ed è una strada resa accidentata dalla protesta montata dopo l’uccisione di Yvan Colonna. Tutt’altro che uno stinco di santo, ma cassa di risonanza ideale per dare voce al malcontento. Ne parla nel suo commento odierno Franco Zantonelli.

Posticcia o no, quella maglia ha fatto Storia. Si, quella con la ‘esse’ maiuscola. La casacca biancoceleste numero 10 indossata da Diego Armando Maradona quell’indimenticabile e indimenticato 22 giugno 1986 contro l’Inghilterrra a 36 anni di distanza continua a far parlare di sé. Ancora una volta nel bene e nel male. Scambiata a fine incontro con Steve Hodge, quel cimelio sta per essere battuto all’asta al miglior offerente. Ma ex moglie e figlie provano in dribbling disperato in zona Cesarini, affermando che quella di Hodge è la casacca indossata da Maradona nel primo tempo, non quella con cui realizzò le due famose reti che affondarono i britannici.

È online il video dell’incontro di venerdì primo aprile al Lac con Rocco Tanica. Tra estratti dall’autobiografia ‘Lo sbiancamento dell’anima’, edito da Mondadori, e racconti di vita vissuta, anche alcune ‘pillole’ pianistiche regalate dall’ex Elio e le Storie Tese al pubblico luganese, ora contenute in un nuovo episodio di ‘Generi di conforto live’.

Leggi anche:

‘Mi disturba tutto ciò che finanzia questa terribile guerra’

Il professore di storia in fuga dalla Mosca di Putin

Macron e l’insidia corsa

Storia della maglia (taroccata) di ‘Dio’ che finisce all’asta

‘Lo sbiancamento dell’anima’, Rocco Tanica al Lac (il video)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved