nell-ucraina-sotterranea-dove-si-cerca-di-sfuggire-alle-bombe
Iscriviti alla newsletter
Ogni giorno la redazione seleziona le notizie che compongono la nostra newsletters.
Per riceverla tramite email, iscriviti, l'invio è gratuito
ULTIME NOTIZIE Newsletter
Newsletter
12 ore

Greta Gysin come Godot?

Su LaRegione oggi: Gysin candidata? Decisione imminente; Cerere Bistrot, parla il gerente; Rovio e i dubbi sulle armi; Andrew Tate e il male social
Newsletter
1 gior

Rovio, gli amici del giovane: ‘una famiglia disagiata’

Su laRegione di oggi: sparatoria di Rovio, energia e camini, estate nel Bellinzonese, Pardo alla carriera a Costa-Gavras, Bruce Springsteen
Newsletter
2 gior

Un anno senza Marco Borradori

Su LaRegione oggi: il ricordo di Michele Foletti e il bilancio del Municipio; bufera sul Cerere Bio Bistrot; Locarno75, a colloquio con Trevor Anderson
Newsletter
3 gior

Abkhazia, viaggio in un Paese che non esiste

Su laRegione oggi: reportage dalla repubblica separatista; il campo di Tegna rischia di sparire; il ‘bolivariano’ Speziali; Calenda il guastatore
Newsletter
4 gior

Illuminazione pubblica: ‘Un piano d’azione per razionalizzarla’

Su laRegione di oggi: la richiesta del Plr, pensioni statali, scarsa rete in Leventina, storie mondiali
Newsletter
5 gior

Grave fatto di sangue ad Agno, 22enne in pericolo di vita

Lo sparatore 49enne è stato arrestato. Nell’edizione odierna anche i ritardi nel mercato delle auto e quei posteggi a Tegna che qualcuno non vuole
Newsletter
1 sett

Galleria del San Gottardo, code lunghe uguali ma a sud più lente

Su laRegione di oggi: traffico, carovita e dipendenti pubblici, dati sul turismo, ferrovia del Monte Generoso e Acb
Newsletter
1 sett

Sempre più apprendisti nell’Amministrazione cantonale

Su laRegione oggi: il CdS risponde all’Mps; due referendum a Cevio; svolta per via Ronchi a Daro; un concorso di architettura per Lambertenghi
14.03.2022 - 05:30
Aggiornamento: 15:42

Nell’Ucraina sotterranea, dove si cerca di sfuggire alle bombe

Un reportage dalla guerra porta dentro il dramma. Mentre in Ticino si discute sulla situazione debitoria dei candidati al governo

Anche nelle ultime ore incombe la guerra in Ucraina. Nel reportage dal Paese martoriato dalle bombe russe, Cristiano Tinazzi racconta per laRegione la Kharkiv sotterranea, dove tutto è immobile. "Le esplosioni risuonano notte e giorno, gli scambi di artiglieria tra le posizioni ucraine e quelle russe sono continui. Il fronte deve tenere a ogni costo ma a est i russi avanzano. Il rischio è di dover tenere aperto un secondo fronte".

Rientrando nei confini del nostro cantone, a tenere banco e a far discutere la politica cantonale vi è anche il tema della situazione debitoria dei candidati che aspirano a una carica allo scranno del Consiglio di Stato e dei Municipi. All’iniziativa parlamentare interpartitica che vede quale primo firmatario il popolare democratico Claudio Franscella ora fa da controcanto un controprogetto in fase di definizione. La commissione granconsigliare ‘Costituzione e leggi’ l’ha affidato al deputato socialista Carlo Lepori. Il precetto esecutivo come indicatore "non è adatto", si motiva nel servizio del collega Andrea Manna, meglio l’estratto cantonale degli attestati di carenza beni.

A Malvaglia ci si sta per appassionare, invece, al futuro del comparto Boschetti. La Commissione municipale istituita su richiesta dal Consiglio comunale di Serravalle ha infatti proposto di promuovere un sondaggio tra la popolazione, utile a capire come rendere attrattiva in termini di svago una pregiata porzione di terreno verde situato a est dell’abitato, tra i fiumi Brenno e Orino. Ne saprete di più nel servizio di Giacomo Rizza.

Spostandosi in Valle Onsernone, il collega David Leoni ci racconta di come si valorizzerà lo splendido comparto dei Mulini ad acqua di Vergeletto attraverso giochi e animazioni didattiche. È questo uno degli obiettivi dell’Associazione farina bòna di Russo.

Il commento firmato da Aldo Sofia ci riporta poi alla tragica attualità e al dilemma dei pacifisti. "Ascoltando i pacifisti di oggi – scrive il giornalista –, non sono un pacifista globale, senza ‘se’ e senza ‘ma’. Sto con Gino Strada, che diceva ‘non chiamatemi pacifista, sono contro la guerra’; sto con Berlinguer che, in piena guerra fredda, dichiarò di sentirsi più protetto dall’ombrello Nato che nel Patto di Varsavia; e sto anche con le guerre di liberazione sacrosante (ognuno scelga le sue), quindi da aiutare e soccorrere".

Buona lettura!

 

 

 

 

Leggi anche:

Kharkiv, città sotterranea. Rifugio dalla paura

‘Candidati e debiti, il precetto esecutivo non è un indicatore’

Malvaglia, parola agli abitanti sul futuro della zona Boschetti

Vergeletto, il parco dei Mulini ‘macinerà’... divertimento

‘Non chiamatemi pacifista, sono contro la guerra’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
guerra reportage situazione debitoria ticino ucraina
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved