Iscriviti alla newsletter
Ogni giorno la redazione seleziona le notizie che compongono la nostra newsletters.
Per riceverla tramite email, iscriviti, l'invio è gratuito
ULTIME NOTIZIE Newsletter
Newsletter
2 gior

Auto che meno inquina meno paga? Non necessariamente

Dalla tassa di circolazione al tema dei migranti. Ma nell’edizione odierna spazio anche all’esportazione di armi, ai radar e al ricordo di Erminio Ferrari
Newsletter
3 gior

Il colpo di scena su ospedali di valle e cure di prossimità

Il primo firmatario dell’iniziativa ne chiede ora il ritiro. E, sempre in tema di cure, alla Santa Croce c’è un reparto a ‘ConTatto’ col disagio profondo
Newsletter
4 gior

Energia, i Comuni invitati a non abbassare la guardia

Il governo aggiorna sulla situazione energetica ancora tesa. Parliamo anche dell’Osteria Marisa a Faido, di Myanmar, Russia e Olimpiadi del ’48
Newsletter
5 gior

Dalla condanna all’assoluzione: passando per...

Potrebbe non essere chiusa la vicenda dell’ex maestro di Montagnola. Mentre a Gordola si può stare tranquilli. Viva Ornella!
Newsletter
6 gior

Cyberattacchi che colpiscono il settore sanitario

Dalla protezione dei dati dei pazienti al voto per il Parco naturale della Val Calanca, passando per il congresso del Centro
Newsletter
1 sett

Pesca a Brissago, un divieto...vietato

Effetto sospensivo al ricorso contro una delle bandite di pesca con reti. Il fallimento del Chiasso, arriva Sanremo e la Formica Rossa morde sull’Ucraina
Newsletter
1 sett

Una Torre che avvicina... straordinariamente Lugano a Friborgo

Dalla manifestazione in riva al Ceresio alla Giornata della memoria. Ma nell’edizione odierna spazio anche alla politica (di milizia)
Newsletter
1 sett

Lugano e cultura alternativa, fra proposte e chiusure (poche)

I gruppi del legislativo cittadino si esprimono sul tema. Su laRegione di oggi, spazio anche alla ciclopista Grigioni-Ticino e l’affaire Aim a Mendrisio
12.02.2022 - 05:30

Una Carta che non sbiadisce mai. Anzi, ancora più attuale

Intimato il decreto d’abbandono per il dramma di Giubiasco. A Lugano intanto fa discutere il progetto di una palazzina al posto di una storica villa

una-carta-che-non-sbiadisce-mai-anzi-ancora-piu-attuale

Rispetto dei limiti della sfera privata dei giovani; nessuna tolleranza e complicità verso molestie o abusi sessuali; assistenza a chi è confrontato con situazioni di maltrattamento; impegno a informare responsabili o un’autorità competente. Sono i punti cardine della Carta etica contro gli abusi nei settori a contatto con bambini e adolescenti. Redatto nel 2013, il documento è tornato d’attualità alla luce del caso di mobbing emerso all’interno del Club di pattinaggio di Lugano. Di questa Carta abbiamo parlato con Cristiana Finzi, coordinatrice dell’allora gruppo interdipartimentale che l’aveva redatta.

A quasi due anni da quella tragica domenica di metà maggio 2020, l’inchiesta penale per il dramma di Giubiasco (omicidio/suicidio originato da una crisi coniugale) è stata archiviata dal procuratore pubblico Roberto Ruggeri, che ha intimato alle parti il decreto d’abbandono. Spetterà ora ai familiari decidere (entro una settimana) se chiedere eventuali complementi d’indagine, in caso contrario su questa triste vicenda si potrà scrivere la parola fine.

Le modine sono già spuntate. Ma l’iter che dovrebbe portare alla costruzione di una nuova palazzina di cinque piani in zona Montarina, a Lugano, is preannuncia lungo e pure in salita. Perché lì, su quel terreno, ora sorge una villa storica. Un’eventualità che già in seno al legislativo cittadino ha creato schieramenti opposti, e che ora vede anche l’opposizione della Società ticinese per l’arte e la natura (Stan), che si è opposta al progetto entro il termine utile (fissato per ieri).

Dopo decenni di latitanza rieccola: l’inflazione è tornata. Invocata da tempo, ma a piccole dosi – annota Generoso Chiaradonna nel commento odierno –, dai banchieri centrali per dare una spinta all’economia, l’inflazione è tornata d’attualità, e preoccupa governi e autorità monetarie perché se rimarrà a livelli elevati potrebbe vanificare l’attuale ripresa economica e reprimere il potere d’acquisto di chi vive di solo reddito fisso: salariati e pensionati.

Dal Canada alla Francia: il fenomeno dei Convogli della Libertà dei camionisti preoccupa. Nel corteo verso Parigi dentro no vax, gilet gialli, pro Zemmour e sinistra populista. Intanto le grandi città europee si blindano.

Leggi anche:

Sport, cosa fa e vorrebbe fare il Cantone contro gli abusi

Dramma di Giubiasco, archiviata l’inchiesta penale

Lugano: palazzina al posto di villa storica, è ricorso

Quando l’inflazione brucia i salari

Dal Canada alla Francia: i Convogli della Libertà

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved