viaggio-nel-collezionismo-ticinese-tra-vinili-e-macinacaffe
10.01.2022 - 05:30

Viaggio nel collezionismo ticinese, tra vinili e macinacaffè

Il commento di Generoso Chiaradonna su passato e futuro della pandemia. A Lugano i ‘30 saggi arrotini’ compiono 55 anni.

Raccogliere oggetti del passato è un’operazione che offre la possibilità di creare nuovi commerci e allargare le proprie conoscenze. Siamo andati a scoprire il mondo del collezionismo ticinese, una realtà a cavallo tra tradizione e innovazione in rete.


Nel suo commento Generoso Chiaradonna propone un’analisi sui cambiamenti sociali ed economici dovuti alla pandemia. Le varianti del virus complicano il ritorno alla normalità. Una soluzione potrebbe essere l’obbligo vaccinale per alcune categorie?


Tamara Magrini, già municipale di Locarno, offre invece una sua riflessione sulla situazione legata all’autogestione a Lugano. Durante la sua esperienza politica ha infatti avuto modo di lavorare su tematiche legate ai giovani.


Alberto Nessi, sulle pagine di Cultura, parla invece dell’espressionismo svizzero. L’occasione è offerta dalla mostra “Expressionismus Schweiz” visitabile fino al 16 gennaio a Winterthur. Una sezione è dedicata al Ticino.


A Lugano il 2022 coincide anche con i 55 anni di esistenza dei 30 saggi arrotini, un gruppo di appassionati di viaggi in bicicletta che è stato tra i pionieri del cicloturismo. Tra i suoi membri si contano anche diversi ex campioni delle due ruote.

Un buon inizio di settimana con laRegione!

Leggi anche:

Dalla scripofilia ai dischi fetish: è il collezionismo, bellezza

Il Covid, un incubo ricorrente

Autogestione a Locarno e Lugano: storie simili, ma differenti

‘Expressionismus Schweiz’, la nostra faccia in ombra

L’infinita pedalata dei ‘30 saggi arrotini’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
buongiorno laregione newsletter
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved