quando-il-tampone-costa-2-o-10-franchi
Iscriviti alla newsletter
Ogni giorno la redazione seleziona le notizie che compongono la nostra newsletters.
Per riceverla tramite email, iscriviti, l'invio è gratuito
ULTIME NOTIZIE Newsletter
19.11.2021 - 05:300

Quando il tampone costa 2 o 10 franchi

È quanto propone una dottoressa di Giubiasco; il farmacista cantonale vigila. Oggi parliamo anche di mafia, Pse e di Milena Vukotic

a cura de laRegione

Una dottoressa di Giubiasco propone i tamponi a 2 franchi per i giovani e a 10 per gli adulti. Dopo un primo periodo di tamponi effettuati nel proprio studio, da qualche tempo i test vengono effettuati in un edificio privato di Sementina. Il farmacista cantonale Giovan Maria Zanini è pronto ad approfondire la questione, anche se “vige il libero mercato: farmacie e studi medici possono applicare il prezzo che vogliono”.

‘Colpire la mafia anche con multe salate’ è la proposta formulata, con un’iniziativa parlamentare elaborata, dai granconsiglieri Fiorenzo Dadò (Ppd) e Sabrina Aldi (Lega). I due deputati chiedono di inserire nel diritto ticinese, e precisamente nella Legge sull’ordine pubblico, una salatissima “contravvenzione di polizia che renda punibile a livello cantonale in generale l’associazione per delinquere a quella di stampo mafioso, come da anni è previsto nel diritto italiano”.

Il Pse, il Polo sportivo e degli eventi, di Lugano è un “progetto strategico” oppure “un’inutile speculazione”? Tra esattamente 9 giorni i cittadini di Lugano affideranno la loro decisione alle urne. In vista dell’atteso appuntamento elettorale, abbiamo contattato Roberto Badaracco (vicesindaco di Lugano) e Matteo Poretti (membro del comitato referendario) per un ultimo confronto sulle tesi di favorevoli e contrari.

L’attrice italiana Milena Vukotic, la Pina di Fantozzi ma non solo, è stata ospite ieri di Castellinaria, dove è stata protagonista di due pellicole, per ritirare il ‘Castello d’Onore’. Beppe Donadio l’ha incontrata per parlare di premi, di passato, presente e futuro. Come del sogno di recitare un giorno con Woody Allen.

Nel commento odierno, Davide Martinoni torna sulla decisione del governo di congelare il credito milionario per il nodo intermodale di Muralto. Un “grosso pasticcio nato dalla fretta”. La fretta del locale Municipio di presentare al legislativo due messaggi con la garanzia di avere i numeri per farli approvare prima delle ultime elezioni comunali. Bisognerà ora trovare un vero consenso regionale.

Buona lettura e buon venerdì.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved