ndrangheta-identikit-dei-due-arrestati-nel-luganese
Iscriviti alla newsletter
Ogni giorno la redazione seleziona le notizie che compongono la nostra newsletters.
Per riceverla tramite email, iscriviti, l'invio è gratuito
ULTIME NOTIZIE Newsletter
Newsletter
7 ore

Verzasca: svuotato il bacino, c’è molto da fare

Si fa il punto a 50 anni dal varo della diga. Nel Mendrisiotto si hanno problemi con le strade e a livello cantonale si continua a parlare di livelli
Newsletter
1 gior

Livelli alle Medie, cala il sipario sulla proposta Bertoli

Il Gran Consiglio ticinese boccia la sperimentazione dopo lunga discussione. Nel calcio, invece, a Cornaredo ci si interroga sul nuovo presidente
Newsletter
2 gior

Morire allo stadio da Lima a Yaoundé, la storia che si ripete

La tragedia in Camerun, la crisi russo-ucraina, la sezione femminile al Penitenziario della Stampa, Melide videosorvegliata e Neil Young contro Spotify
Newsletter
3 gior

Ex funzionario Dss, sì del Gran Consiglio all’audit esterno

E poi l’ebrea tornata a Stabio, terra di salvezza, l’intervista al comandante di Treblinka divenuta pièce teatrale, e ‘storiacce’ di tennis e Casinò
Newsletter
4 gior

Il Centro giovani di Stabio cerca casa

Dal Comune momò, all’Africa delle donne firmato Soudani, alla revisione della Legge stranieri (appoggiata dal Cantone), passando per la Verzasca
Newsletter
6 gior

Gli spedizioneri ora sono ad armi pari

Sugli aiuti Covid, troppi paletti da Berna; mentre lunedì 1’009 delegati si riuniscono a Roma per scegliere il successore di Mattarella
Newsletter
1 sett

Scuola, sul superamento dei livelli dibattito sempre più acceso

Intanto, nel Locarnese ci sono margini di miglioramento per la tratta in bus tra Brissago e Locarno. Sanremo si avvicina, ed è Donatella Rettore Show
Newsletter
1 sett

Fusioni? Un tema caldo che lascia però anche... tiepidi

Livelli sì, livelli no? L’ora della decisione si avvicina. Di sci e di Giochi (olimpici e... politici) nel menu sportivo odierno
18.11.2021 - 05:300
Aggiornamento : 16:29

’ndrangheta, identikit dei due arrestati nel Luganese

Nell’edizione odierna anche la storia di Morena Pedruzzi, unica sopravvissuta ticinese all’attentato del 2011 a Marrakech, i tassisti asconesi e Pier Tami

a cura de laRegione

Droga, soldi, viaggi a Berna e in Germania... Il filone svizzero della vasta inchiesta toscana anti-’ndrangheta, e meglio contro la cosca Molè, sfociata di recente nell’ondata di arresti che ha appunto interessato anche la Svizzera, porta anche in Ticino e più precisamente a Lugano, dove due cittadini italiani sono stati arrestati dalla Polizia cantonale che ha eseguito l’ordinanza di custodia cautelare in carcere firmata dal giudice delle indagini preliminari Giampaolo Boninsegna del Tribunale di Firenze, ordinanza che ha spedito dietro le sbarre
tredici persone, fra cui due donne.

“Risollevarsi – La mia vita dopo un attentato terroristico” (Istituto editoriale ticinese), è il libro fresco di stampa scritto da Morena Pedruzzi, che a dieci anni dalla bomba esplosa al caffè Argana di Marrakech ha deciso di rompere il silenzio e raccontare la sua storia e il suo percorso di guarigione, iniziato subito dopo quel maledetto 28 aprile 2011, quando nell’attentato terroristico che fece 17 vittime perirono anche tre ragazzi del Bellinzonese che si trovavano in vacanza con lei: Corrado ‘Mondo’ Mondada, Cristina ‘Chichi’ Caccia e André Da Silva Costa. «Questa storia mi ha cambiato un po’ in tutto: nel lavoro, nelle relazioni, in famiglia».

Tornando in Ticino e proprio nel Bellinzonese, parliamo del progetto partito dall’Istituto scolastico di Sementina ma che potrebbe venir esteso alle mense di tutte le scuole della capitale: attraverso l’iscrizione alla piattaforma Too Good To Go, che dal 2018 collega clienti a ristoranti e negozi che hanno eccedenze alimentari invendute, si cerca appunto di non gettare nella spazzatura cibo ancora buono e commestibile. «Non lo facciamo per guadagnare, ma è un progetto in cui crediamo soprattutto per l’aspetto sociale ed ecologico: non vogliamo sprecare dei pasti quando c’è gente che fa fatica economicamente», spiega Renato Bison, capodicastero Educazione della Città
di Bellinzona.

Ci spostiamo in taxi nel Locarnese, sperando di non finire in nessun ingorgo come invece sembra essere capitato alla questione dei tassisti concessionari di Ascona, con il semaforo ancora fermo sul rosso a causa di un ricorso al Consiglio di Stato contro la nuova Ordinanza municipale messa in pubblicazione dal Municipio del Borgo dal 3 novembre al 3 dicembre.

Viaggia invece speditissimo verso i Mondiali del 2022 in Qatar il locarnese Pier Tami, direttore delle squadre nazionali svizzere in seno all’Asf, con il quale siamo tornati sulla splendida qualificazione alla rassegna iridata della Nazionale guidata da Murat Yakin, «l’uomo delle soluzioni».

Sportiva lettura!

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved