giovani-che-studiano-oltralpe-preoccupati-per-i-posti-di-lavoro
Iscriviti alla newsletter
Ogni giorno la redazione seleziona le notizie che compongono la nostra newsletters.
Per riceverla tramite email, iscriviti, l'invio è gratuito
ULTIME NOTIZIE Newsletter
Newsletter
11.10.2021 - 05:300

Giovani che studiano Oltralpe preoccupati per i posti di lavoro

Nicola Pini a Friborgo ha incontrato gli studenti ticinesi: ‘Ascoltarli motiva a trovare soluzioni’ alla fuga di cervelli

La fuga di cervelli dal Ticino è un tema che fa discutere la politica e non solo. Il presidente del Gran Consiglio Nicola Pini ha incontrato gli studenti ticinesi a Friborgo e ci ha raccontato come è andata: ascoltarli «è un vero e proprio antidoto alla paura e al catastrofismo». Dal colloquio emerge che i giovani sono particolarmente preoccupati di non trovare posti di lavoro all’altezza delle loro aspettative.

Anche il nuovo Polo sportivo degli eventi (Pse) di Lugano continua a far discutere. Ci si chiede quindi se la libertà di voto lasciata dal Ps ai propri elettori in vista della votazione del 28 novembre possa aver scalfito l’alleanza rosso-verde. Secondo Nicola Schönenberger – capogruppo dei Verdi che raccomandano di bocciare il progetto – è «difficile da dire».

È invece tutto molto più chiaro a Leontica, frazione di Acquarossa, dove il progetto di rilancio culturale, socioeconomico, turistico e gastronomico denominato ‘Il Larice’ è pronto a partire. A metà dicembre riaprirà l’ex Bar Centrale e in primavera sarà anche pronta la piazza di fronte all’esercizio pubblico. L’obiettivo è quello di mettere in rete diversi attori della valle di Blenio attivi in svariati ambiti.

Un altro tema che genera discussioni è il cambiamento climatico. Abbiamo quindi intervistato il filosofo franco-svizzero Dominique Bourg che parla di questo fenomeno non solo da un punto di vista scientifico: «Il clima è una tendenza, è qualcosa che gli scienziati ci dicono che arriverà e la politica non sa come gestire le tendenze, le affronta facendo promesse che sa di non mantenere».

Da parte sua Roberto Antonini commenta la delicata situazione in Polonia, dove una sentenza del Tribunale costituzionale ha stabilito il primato del diritto nazionale su quello dell’Unione europea.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved