Zurigo
0
Young Boys
0
1. tempo
(0-0)
Udinese
0
Genoa
0
fine
(0-0)
Milan
Sassuolo
15:00
 
Spezia
Bologna
15:00
 
Lakers
Ajoie
15:45
 
Zugo Academy
Sierre
15:45
 
schiaffo-all-ue-prevale-la-legge-polacca
Bandiere sempre più lontane (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
2 ore

Repubblica Ceca, Petr Fiala è il nuovo premier

Il nuovo governo dovrebbe avere 18 ministri dei cinque partiti che a novembre hanno firmato l’accordo di coalizione
Estero
3 ore

Ripartono domani a Vienna i colloqui con l’Iran sul nucleare

Pochi giorni fa Teheran aveva ribadito di non voler rinunciare al proprio programma. Il clima prevalente è di generale pessimismo
Estero
3 ore

Serbia, bagno di folla per Vucic alla convention del suo partito

In un clima elettrizzato, con cori da stadio e sventolio di vessilli, il presidente ha sfoderato alcuni elementi del suo repertorio nazionalpatriottico
Estero
3 ore

‘Omicron dà sintomi lievi’

Così si è espressa Angelique Coetzee, presidente della Associazione dei medici del Sudafrica
Estero
5 ore

Omicron, Israele chiude le sue frontiere

Il primo ministro Naftali Bennett: ‘La priorità assoluta ora è mantenere un’economia funzionante e un sistema scolastico attivo’
Estero
19 ore

Test molecolare e isolamento per chi entra in Gb

Lo ha detto il premier Boris Johnson, il quale ha anche dichiarato che sarà introdotto l’obbligo della mascherina nei negozi e sui trasporti pubblici
Estero
20 ore

Il popolo saharawi in cerca della libertà

Dopo 30 anni di negoziati infruttosi, il conflitto ha ripreso nel Sahara occidentale. Intervista a Omeima Abdeslam dl Fronte Polisario
Estero
21 ore

Moderna, booster con dose più alta per Omicron

L’azienda farmaceutica annuncia di avere in corso di test uno specifico vaccino contro la nuova variante
Estero
23 ore

Primi due casi di variante Omicron rilevati in Inghilterra

Sono stati segnalati a Nottingham e a Chelmsford, nell’Essex. Entrambi i positivi si stanno autoisolando insieme alle loro famiglie
Estero
23 ore

Russia, 60 persone ancora ricoverate dopo l’incidente in miniera

Secondo il ministero della salute russo, le condizioni di quattro pazienti sono stimate come gravi
Estero
07.10.2021 - 22:460

Schiaffo all’Ue: ‘Prevale la legge polacca’

Secondo la Corte locale alcuni articoli dei trattati europei sono incompatibili con la Costituzione di Varsavia. Bruxelles minaccia il ritiro dei fondi

Si aggrava ancora la frattura tra Varsavia e Bruxelles sul rispetto dello stato di diritto con un nuovo scontro che potrebbe allontanare sempre di più i fondi del Recovery destinati alla Polonia, se non addirittura segnare un passo verso la ‘Polexit’. La Corte costituzionale polacca, guidata dalla giudice Julia Przylebska, ha decretato che alcuni articoli dei Trattati dell’Unione europea sono “incompatibili” con la Costituzione dello Stato polacco e che le istituzioni comunitarie “agiscono oltre l’ambito delle loro competenze”.

La sentenza, molto attesa sia a Bruxelles che a Varsavia, si infila nel contenzioso sulla riforma della magistratura voluta dal partito al governo Diritto e giustizia (Pis) del leader Jaroslaw Kaczynski - e in particolare sul nuovo sistema di disciplina dei giudici - che secondo l’Ue mina l’indipendenza del sistema giudiziario in Polonia e che è già oggetto di una procedura di infrazione. “Siamo preoccupati”, è stata la prima reazione della Commissione alla sentenza. "La nostra posizione è chiara. La legge dell’Ue ha il primato su quella nazionale.

La Corte di giustizia Ue è l’unica che può stabilire“ la compatibilità tra la legge Ue e quella nazionale, ed “è vincolante”, ha detto il commissario alla Giustizia Didier Reynders. “Useremo tutti gli strumenti a nostra disposizione per proteggere” questi principi, ha ammonito. Sulla stessa linea il presidente del Parlamento europeo, David Sassoli: "La sentenza di oggi in Polonia non può restare senza conseguenze”.

A Varsavia la decisione della Corte è stata al contrario accolta con favore dal governo di Mateusz Morawiecki: conferma “il primato del diritto costituzionale sulle altre fonti del diritto", ha sottolineato il portavoce Piotr Muller, spiegando che la sentenza si riferisce alle competenze dello Stato polacco che non sono state trasferite agli organi Ue. Fuori dalla sede del Tribunale, invece, una trentina di manifestanti hanno protestato contro la sentenza al grido di “Traditori” e "Benvenuti in Bielorussia”.

L’80% dei polacchi si ritiene infatti soddisfatto dell’ingresso della Polonia nell’Unione che dal 2004 ha erogato miliardi di sussidi al Paese dell’ex cortina di ferro. Adesso in ballo ci sono 58,7 miliardi di euro fra prestiti e sussidi del Next Generation Ue destinato a Varsavia, cui però Bruxelles non ha ancora dato il suo via libera. “La Commissione si adopera per far rispettare lo stato di diritto nell’Ue, tutti ne devono rendere conto e siamo preoccupati sulla situazione in alcuni Stati membri”, ha avvertito appena ieri il commissario europeo all’Economia Paolo Gentiloni, riferendosi a Polonia e Ungheria.

“La Commissione - ha assicurato - è determinata a difendere questi principi e questi valori". Ma la strada si prevede tutta in salita: da Varsavia e Budapest arriva l’ennesima doccia fredda con il veto alle conclusioni del Consiglio Ue Giustizia relative alla strategia della Commissione sui diritti dell’infanzia che prevedeva, tra le altre cose, misure per porre fine alle mutilazioni genitali, contrastare il bullismo online dei giovani Lgbtq e migliorare la libera circolazione delle famiglie arcobaleno. Ad annunciarlo, è stata la ministra ungherese della Giustizia, Judit Varga: "Continueremo a resistere alla pressione della lobby Lgbtq. Poiché alcuni Stati hanno insistito strenuamente affinché gli attivisti Lgbtq fossero ammessi nelle nostre scuole, io e il collega polacco abbiamo dovuto usare il veto”. (ANSA).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved