ULTIME NOTIZIE Estero
Oceania
1 ora

Australia, ritrovata la capsula radioattiva

Le ricerche della capsula erano cominciare a metà gennaio, quando era stata smarrita durante il trasporto su un camion da una miniera
reportage dal myanmar
5 ore

La guerra nascosta a due anni dal golpe

Le vittime degli scontri tra i ribelli e i soldati curate in centri clandestini. Non si può nemmeno studiare, le scuole sono prese di mira dai militari
Estero
12 ore

Trovati morti in Spagna un uomo e una donna, forse svizzera

Possibile femminicidio-suicidio in un’abitazione nella località di La Línea de la Concepción (Cadice)
Estero
13 ore

Il Papa a Kinshasa: ‘Giù le mani dall’Africa’

‘In Congo c’è stato un genocidio’. Folla oceanica per le strade. ‘Basta con lo sfruttamento delle risorse naturali’
Estero
13 ore

Francia ancora in piazza contro la pensione a 64 anni

Di nuovo in strada 12 giorno dopo la prima grande mobilitazione. Guerra di cifre: 500mila per gli organizzatori, 87mila per la prefettura
economia
13 ore

Brexit, tre anni dopo il Regno Unito annaspa nella delusione

Unico Paese del G7 in recessione. Ma Sunak sfida le proteste: ‘Ce la faremo’
la guerra in ucraina
14 ore

Biden chiude agli F16, ma Kiev insiste: ‘Ne servono 200’

Dopo la Germania e gli Usa si accoda anche Londra. Mattarella: ‘Gli aiuti militari servono a far cessare la guerra’
russia
14 ore

L’ex speechwriter di Putin: ‘Ci sarà il golpe entro un anno’

Abbas Gallyamov: ‘La guerra è persa, per i russi diventa un dittatore di serie B’
Confine
16 ore

Ponte di Ribellasca, in arrivo nuove barriere

Il manufatto, di riconosciuto pregio storico, non può essere munito di guardrail tradizionali. L’Anas studia l’alternativa
Estero
18 ore

L’incendio di auto della Polizia locale rivendicato da anarchici

Su alcuni siti dell’area è stata pubblicata un’e-mail anonima, che esprime solidarietà ad Alfredo Cospito, in sciopero della fame al 41bis a Milano
Confine
19 ore

Stato di agitazione del personale delle dogane di Como

L’obiettivo dei sindacati è quello di ottenere l’arrivo di altri funzionari e di ovviare alla carenza di personale in servizio
unione europea
16.02.2022 - 22:24
Aggiornamento: 23:07

‘I fondi Ue solo a chi rispetta lo stato di diritto’

Schiaffo ai sovranisti, respinti i ricorsi di Polonia e Ungheria

i-fondi-ue-solo-a-chi-rispetta-lo-stato-di-diritto
Il premier ungherese Viktor Orban (Keystone)

L’Ue può tagliare i fondi ai Paesi membri a presidio dello stato di diritto: con una sentenza storica la Corte di giustizia europea ha respinto i ricorsi di Polonia e Ungheria contro il meccanismo di condizionalità che permette di sospendere i pagamenti agli Stati membri quando le minacce allo stato di diritto rischiano di incidere sul bilancio europeo. Sia Budapest che Varsavia hanno subito respinto la sentenza come “politica". La ministra della Giustizia ungherese, Judit Varga, ha parlato di “abuso di potere” di Bruxelles. Il vice ministro della Giustizia polacco Sebastian Kaleta di un "attacco contro la nostra sovranità”.

La presidente della Commissione Ursula von der Leyen ha invece salutato con favore la sentenza: “Conferma la legalità di questo importante strumento“, ha detto, sottolineando anche che alcuni casi vengono esaminati "a fondo”. "Quando le condizioni del regolamento saranno soddisfatte, agiremo con determinazione”.

La polemica

Subito è partito il pressing politico per un utilizzo rapido del meccanismo da parte della Commissione, cui spetta la proposta delle misure come la sospensione dei pagamenti dal bilancio Ue o l’approvazione dei programmi. “È giunto il momento di applicare il regolamento", ha chiesto Petri Sarvamaa (Ppe), relatore al Parlamento europeo del regolamento sul meccanismo. "È un punto di svolta - ha dichiarato anche il segretario del Pd Enrico Letta -. Ora ci aspettiamo che le istituzioni europee applichino il meccanismo di condizionalità con fermezza e immediatezza”. Sarvamaa ha anche bollato come “una ’vergogna” l’assenza di von der Leyen alla plenaria del Pe, dando voce al malumore sulla partenza della presidente da Strasburgo. Sul meccanismo, tuttavia, Parlamento e Commissione si muovono con passo decisamente diverso.

A novembre la spaccatura era diventata evidente quando il presidente dell’Eurocamera David Sassoli aveva chiesto al servizio giuridico del Parlamento di intentare una causa contro la Commissione per la mancata applicazione della condizionalità. “Adotteremo nelle prossime settimane delle linee guida” per dare “chiarezza su come applichiamo il meccanismo in pratica”, ha solo fatto sapere oggi von der Leyen quanto ai tempi in cui il regolamento sarà applicato.

Il rinvio alle linee guida è parso però come un temporeggiare. “Qualsiasi calcolo per prendere tempo fino alle elezioni in Ungheria (il 3 aprile, ndr) non risponde all’imperativo di proteggere gli interessi finanziari dell’Ue, e potrebbe anche essere pericoloso“, ha avvertito Sarvamaa. "La Commissione è decisa a utilizzare al meglio tutti gli strumenti a sua disposizione per proteggere il bilancio dell’Unione e gli interessi finanziari di fronte a minacce potenziali o effettive senza perder tempo”, gli ha replicato il commissario al Bilancio Hahn in plenaria al Pe. Con il verdetto "completeremo le linee guida per l’attuazione pratica del regolamento”.

Braccio di ferro

La sentenza della Corte Ue arriva all’apice di una lunga battaglia partita nel 2020 dopo l’autorizzazione del regolamento, senza dimenticare che l’Ungheria e la Polonia sono anche sotto procedura d’infrazione in base all’Articolo 7 del Trattato sull’Unione Europea per “grave violazione” dei principi fondanti. Secondo i ricorsi al meccanismo che erano stati presentati dai due Paesi, grandi beneficiari dei fondi Ue e già destinatari delle lettere dalla Commissione per valutare l’avvio della procedura di condizionalità, il regolamento viola i trattati e non garantisce la certezza del diritto.

La Corte Ue ha chiarito oggi che il regolamento protegge invece il bilancio europeo e che il rispetto dei principi europei quali stato di diritto e la solidarietà è una condizione indispensabile per godere dei diritti. Il tribunale ha segnalato anche come non si possa aderire ai valori europei all’ingresso nell’Ue per poi abbandonarli una volta che si è dentro.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved