qual-e-il-tempo-accettabile-per-denunciare-uno-stupro
Iscriviti alla newsletter
Ogni giorno la redazione seleziona le notizie che compongono la nostra newsletters.
Per riceverla tramite email, iscriviti, l'invio è gratuito
ULTIME NOTIZIE Newsletter
Newsletter
29.04.2021 - 05:400

Qual è il tempo accettabile per denunciare uno stupro?

Condannato in appello anche per violenza sessuale l'ex funzionario del Dss. Sentenza però lieve, mitigata dal tempo trascorso dai fatti

a cura de laRegione

È arrivata, la parola che gira ormai da mesi e mesi nell’aria, nei social, nei discorsi sul caso dell’ormai famoso (o famigerato) ex-funzionario del Dss. Stupro. Violenza sessuale, come è scritta nella sentenza d’appello che ha aggravato la posizione dell’imputato. Solo diciotto mesi sospesi, però, è la condanna, perché è trascorso troppo tempo dai fatti. E mentre dalla politica torna la richiesta di una commissione parlamentare d’inchiesta per capire chi e perché coprì le malefatte del funzionario, è la nostra Federica Ciommiento a porre per tutti la domanda che manca nel dibattito: Quanto è il limite accettabile per denunciare uno stupro?    

C’è una città, Locarno, che ha perso una parte della sua dolcezza: se n’è andato Damiano Leonardi, l’uomo delle mandorle caramellate, che addolciva i passanti in Piazza Grande e negli eventi.

E a proposito di eventi, il Consiglio federale apre uno spiraglio per le grandi manifestazioni: dal 1° luglio permesse quelle fino a 3'000 persone, se la situazione epidemiologica lo permetterà e con strette norme di protezione. E per chi deve annullare, arriva lo ‘scudo’ degli indennizzi. 

Eventi che, di nuovo a Locarno e dintorni, iniziano a fare nuovamente capolino con la riapertura delle sale cinematografiche, come il Palacinema a Locarno e l'Otello ad Ascona che rompono gli indugi con una programmazione mista che vuol fare di necessità virtù. 

Sciroppi per la tosse usati come droghe: lo sballo legale sarà ancora difficile, dopo la sentenza del Tribunale amministrativo federale che conferma il No alla vendita senza prescrizione medica o attenta valutazione del farmacista.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved