ULTIME NOTIZIE Curiosità
Curiosità
11 ore

Le domande razziste di Lady Susan, amica di Elisabetta II

Lady Susan Hussey si è dimessa dal suo ruolo ricoperto a corte dopo aver scandalizzato un’ospite con domande e toni inopportuni sulle sue radici etniche
Curiosità
20 ore

Dal forno all’Unesco: la baguette Patrimonio dell’Umanità

Il celebre sfilatino francese, insieme alle competenze artigianali e la cultura a riguardo, è stato inserito nella lista del patrimonio immateriale
Curiosità
2 gior

Il post della moglie del sindaco: ‘Finito di fare serata?’

Il primo cittadino di Rieti sgridato su Facebook dalla giovane consorte mentre si stava dilungando fuori casa
Curiosità
3 gior

Record per il Black Friday: spesi oltre 9 miliardi di dollari

I prodotti elettronici sono stati i più venduti con un aumento del 221%, ma sono andati bene anche i giocattoli e le attrezzature per il fitness
Curiosità
3 gior

Recuperato in mare dopo quindici ore: pare un miracolo

Un uomo di 28 anni stava viaggiando su una nave da crociera nel Golfo del Messico quando, dopo un cocktail con la sorella, aveva fatto perdere le tracce
Curiosità
4 gior

Nudi sulla spiaggia: l’opera fotografica a sfondo sociale

L’installazione è l’ultimo progetto dell’americano Spencer Tunick, volto a incoraggiare gli australiani a sottoporsi regolarmente a controlli della pelle
Curiosità
4 gior

Il grattacielo ‘sottile’ che sfida la legge di gravità

È alto 435 metri con una base larga solo 17,91 metri, la Steinway Tower di New York con i suoi 91 piani è pronta per essere abitata
Curiosità
5 gior

Protette cinquanta specie di squali minacciate per le pinne

La decisione viene della Convenzione Cites per la protezione della flora e della fauna
Natura
07.10.2022 - 12:49
Aggiornamento: 18:16

Cartoline da un mare sempre più sofferente

Ecco i vincitori della prima edizione del Conservation Impact Ocean Photographer of the Year. Scatti suggestivi di un mondo subacqueo inquinato dall’uomo

cartoline-da-un-mare-sempre-piu-sofferente
COPYRIGHT © 2022 CXD MEDIA LTD
SIMON LORENZ, Germania, primo classificato
+7

Il mare come forse non lo avete mai visto. Un cambio di prospettiva che porta l’osservatore a non restare nella superficie di una bella foto, ma lo spinge a tuffarsi in una riflessione più profonda. È questo l’obiettivo portato avanti dagli organizzatori e dai partecipanti dell’Ocean Photographer of the Year che coi loro scatti mostrano non solo la sconfinata bellezza degli oceani ma anche le difficoltà e le minacce che deve affrontare l’ecosistema marino.

Nove in totale le categorie in cui fotografi, appartenenti a varie discipline e livelli di esperienza, sono chiamati a confrontarsi. E fra queste, nell’edizione targata 2022, ha fatto il suo ingresso anche una nuova sezione, ovvero il ‘Conservation Impact Ocean Photographer of the Year’.

Un mondo affascinante ma sempre più ammalato

Una tartaruga che nuota schivando nuvole di spazzatura. Degli orsi polari che, privati del proprio habitat naturale, si rifugiano dentro una casa abbandonata. Una balena spiaggiata, che esala i suoi ultimi respiri nel suo stesso sangue. Una donna, rannicchiata in posizione fetale, dentro a una barriera corallina oramai morta. Sono solo alcuni degli scatti provenienti da ogni angolo del mondo. Scorci di quel Pianeta blu tanto affascinante, quanto sofferente. I cambiamenti climatici, l’inquinamento e l’eccessivo sfruttamento delle risorse marine stanno infatti portando gli oceani – e annessi ecosistemi – al collasso.

La tartaruga incastrata fra le reti

A vincere la prima edizione del ‘Conservation Impact Ocean Photographer of the Year’ è l’immagine, scattata dal fotografo naturalistico Simon Lorenz, che ha come protagonista una tartaruga marina della specie ‘Olive Ridley’. L’animale, avvistato al largo delle coste dello Sri Lanka, era rimasto impigliato fra alcune reti da pesca. Ed è proprio lo stesso fotografo, attraverso un messaggio a corredo della foto, a raccontare il particolare incontro.

"Quando andiamo alla ricerca di balene in mare aperto, perlustriamo sempre le cosiddette ‘isole dei relitti’, ovvero questi ammassi di rifiuti galleggianti di vario genere, in quanto possono essere interessanti aggregatori di fauna selvatica. A un certo punto ci siamo accorti che fra i cumuli di spazzatura, si era impigliata una tartaruga", spiega Lorenz, ricordando come oggetti, all’apparenza innocui, possono rivelarsi spesso trappole mortali per pesci, cetacei, uccelli e altre specie marine.

"L’animale sembrava ancora vivo, così ci siamo avvicinati e, facendo attenzione a non spaventarlo troppo, abbiamo iniziato a liberarlo. Per tagliare la rete abbiamo utilizzato un machete. Ci sono voluti 30 minuti di duro lavoro, ma alla fine ci siamo riusciti e la tartaruga ha potuto tornare a nuotare libera".

Nella gallery, in ordine di apparizione, le foto dei primi tre classificati e di altri sette finalisti, con nome degli autori e la nazione dove sono state scattate.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved