07.09.2022 - 13:20
Aggiornamento: 08.09.2022 - 11:29

‘Rinvenuto’ un insetto bionico per monitorare l’ambiente

Metà scarafaggio e metà robot alimentato a energia solare, frutto di un gruppo di scienziati asiatici guidati dall’Istituto giapponese Riken

Ansa, a cura di Red.Web
rinvenuto-un-insetto-bionico-per-monitorare-l-ambiente
Ansa
Strano insetto

Un cyborg metà scarafaggio e metà robot, alimentato a energia solare e comandato a distanza senza fili, è stato messo a punto da un gruppo di scienziati asiatici guidati dall’Istituto giapponese Riken. Il risultato, pubblicato sulla rivista npj Flexible Electronics, apre la strada all’impiego di insetti bionici per monitorare l’ambiente oppure ispezionare aree pericolose non accessibili agli umani. Gli esperti hanno utilizzato come base di partenza le blatte del Madagascar vive, che sono lunghe circa sei centimetri. Sulla parte dorsale del loro torace è stato attaccato una sorta di piccolo zainetto che comprende il modulo di controllo del movimento delle zampe e una batteria al litio: il tutto è stato stampato in 3D usando un polimero elastico che si adatta alla superficie curva dell’insetto, in modo da consentire al dispositivo elettronico rigido di rimanere montato stabilmente per più di un mese.

Sul lato dorsale dell’addome, invece, è stato montato il modulo con le celle solari ultrasottili (spesse appena 0,004 millimetri) che raggiunge una potenza di 17,2 milliwatt, oltre 50 volte superiore rispetto alla potenza degli attuali dispositivi applicati su insetti vivi. Una volta caricata la batteria con la luce (in 30 minuti circa), gli insetti sono stati telecomandati a distanza senza fili, facendoli muovere in una direzione piuttosto che un’altra.

"Considerando la deformazione del torace e dell’addome durante la locomozione base degli insetti, un sistema elettronico ibrido composto da elementi rigidi e flessibili a livello del torace e da dispositivi ultrasoffici per l’addome sembra essere efficace per degli scarafaggi cyborg – hanno spiegato i ricercatori –. Inoltre, poiché la deformazione addominale non è esclusiva degli scarafaggi, la nostra strategia può essere adattata anche ad altri insetti come i coleotteri e forse perfino a insetti volanti come le cicale". Il prossimo obiettivo sarà quello di integrare sensori e telecamere in modo da usare questi cyborg per applicazioni di monitoraggio e soccorso.

© Regiopress, All rights reserved