20.07.2022 - 18:31
Aggiornamento: 19:06

Pillole per l’erezione tra i farmaci più contraffatti

È ciò che risulta dai sequestri fatti dall’Ufficio federale della dogana e della sicurezza dei confini e Swissmedic

Ats, a cura di Red.Web
pillole-per-l-erezione-tra-i-farmaci-piu-contraffatti
Keystone

Sono sempre gli stimolanti per l’erezione, acquistati sul web, i prodotti maggiormente intercettati dalle dogane. È quanto risulta dai sequestri operati dall’Ufficio federale della dogana e della sicurezza dei confini (Udsc) e Swissmedic nell’ambito della 15esima campagna – denominata Pangea – coordinata a livello mondiale dall’Interpol contro il commercio illegale di farmaci online.

Complessivamente, quest’anno hanno partecipato alla campagna 94 Paesi, indica una nota odierna di Swissmedic, l’autorità per il controllo dei medicamenti. Globalmente, l’azione di controllo ha portato al sequestro di 3 milioni di unità di medicamenti illegali e falsificati.

Nel centro postale di Zurigo-Mülligen, i collaboratori dell’Udsc, di Swissmedic, di Swiss Sport Integrity e dell’autorità sanitaria del Principato del Liechtenstein hanno sequestrato 231 delle 948 spedizioni controllate. A tale riguardo sono state individuate spedizioni da Hong Kong contenenti falsificazioni di stimolanti per l’erezione omologati. In merito agli stupefacenti sequestrati, è stata presentata denuncia ai Cantoni, che avvieranno procedimenti penali al riguardo.

Dietro alle offerte di medicinali illegali si celano reti criminali organizzate in modo professionale e collegate a livello internazionale. I medicamenti falsificati sono fabbricati prevalentemente in Paesi asiatici e gli stimolanti per l’erezione contraffatti in India. I prodotti pervengono poi agli interessati attraverso canali di distribuzione illegali e tortuosi.

La maggior parte delle spedizioni confiscate nell’ambito della campagna proveniva da Hong Kong, Polonia e India. I farmaci venduti illegalmente pongono a rischio la salute dei pazienti, avverte Swissmedic. Spesso contengono una quantità di principi attivi inferiore a quella indicata o non ne contengono affatto, oppure contengono sostanze non dichiarate. Per evitare che i prodotti vengano smascherati da test semplici, sono parzialmente presenti principi attivi, ma di rado nella quantità necessaria.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved