giappone-non-sopportava-il-collega-ordinava-cibo-a-suo-nome
Keystone
Ramen (revisited)
01.02.2022 - 16:43

Giappone: non sopportava il collega, ordinava cibo a suo nome

Un impiegato quarantenne con contratto a termine è stato arrestato dalla polizia per attività fraudolente e ostruzione al commercio

Non andava d’accordo con il collega sul posto di lavoro, e per vendicarsi disponeva ingenti ordinativi di cibo al suo domicilio. È successo in Giappone, nella prefettura di Shiga, a est di Kyoto, racconta il giornale Mainichi Shimbun, dove un impiegato quarantenne con contratto a termine è stato arrestato dalla polizia per attività fraudolente e ostruzione al commercio. Le accuse arrivano al termine di una ricerca della polizia durata quasi 10 mesi, e mostrano come il dipendente – dopo aver registrato l’indirizzo del collega online – abbia fatto ordinativi online in almeno due occasioni per un totale di 130 ramen, la famosa pietanza a base di noodles di grano servita in un brodo di carne o pesce, da consegnare all’indirizzo del collega con pagamento in contrassegno. Dopo il primo ordine respinto per un valore di 29mila yen (230 euro), la compagnia che opera principalmente online si è vista recapitare una seconda richiesta e ha deciso d’informare le forze dell’ordine. L’uomo fermato avrebbe ammesso le sue responsabilità durante i primi interrogatori. Il collega preso di mira, secondo la ricostruzione degli inquirenti, aveva già ricevuto in passato consegne inaspettate di sushi e pizza con pagamento in contrassegno, senza specificare in quel caso se l’ordine sia andato a buon fine, e la polizia sospetta che ci sia un collegamento coi casi più recenti.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cibo giappone polizia
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved