Prestazioni di livello motociclistico nel misto
Auto e moto
24.12.2019 - 06:000

Sempre più MAX

Siamo andati in Portogallo, a Lisbona e dintorni abbiamo provato il nuovo Yamaha TMAX 560.

Lanciato nel 2001, TMAX è lo scooter di maggior successo di sempre. Un modello iconico che nel corso degli anni è stato costantemente sviluppato e migliorato. La capacità di offrire il meglio a livello di tecnologia gli ha consentito di mantenere la posizione di numero uno del mercato fin dal suo primo modello. Con 275’000 unità vendute è uno dei modelli Yamaha che ha ottenuto più successo in Europa.

Cosa cambia nel nuovo modello

Per il modello 2020 i tecnici hanno rivisitato il propulsore aumentando la cilindrata a 560 cc (530 versione precedente), rispettando le sempre più severe norme anti inquinamento, ora Euro5. L’aumento della cilindrata è stata ottenuta aumentando l’alesaggio di 2 mm, rivista la camera di combustione, la fasatura della distribuzione, la posizione degli iniettori, il circuito di raffreddamento (radiatore maggiorato), i condotti dell’aria e la costruzione del tendicatena. Gli ingegneri sono intervenuti sul nuovo scarico dotato di doppio catalizzatore con elementi in rodio e platino; tutto l’impianto è stato curato nella timbrica di scarico, per conferire al nuovo TMAX una “voce” grintosa. Cambiano inoltre, la cinghia di trasmissione e i rapporti di riduzione del cambio. Tutto questo si traduce in una potenza superiore del 3,5% (48 cavalli), la coppia del 6% (+5,7 Nm), per accelerazioni più brillanti a tutti i regimi. Il sistema D-Mode offre due mappature per il comando acceleratore YCC-T definendo un’erogazione più dolce per la città, oppure più sportiva per la guida sul misto. L’unità motrice non è stata l’unica a beneficiare di mirate modifiche, dal punto di vista estetico il nuovo TMAX si giova di un codone più snello che richiama otticamente la serie MT e YZF, anche il frontale è stato ritoccato leggermente. Per quanto riguarda le rifiniture segnaliamo il sottosella illuminato e impermeabile capace di ospitare due caschi jet o uno integrale, la strumentazione con la classica disposizione (tachimetro a sinistra e contagiri a destra) ma con un pannello centrale TFT monocromatico che mostra contachilometri, due tripmeter, l’indicatore del consumo corrente e quello della temperatura esterna. Sono presenti anche le spie luminose del controllo di trazione e D-MODE.

Setting sospensioni ottimizzato

Per adeguarsi all’aumento delle prestazioni del motore, questo nuovo modello beneficia di un setting ottimizzato. La forcella a steli rovesciati è di tipo motociclistico, posteriormente monta un sistema di sospensione Monocross, che può essere confrontato con alcuni degli evoluti sistemi montati sulle moto Yamaha di cilindrata elevata. Il leggero telaio pressofuso in alluminio a doppio trave offre eccellenti livelli di rigidità, per garantire anche in questo caso una guida di tipo motociclistico.

Il top di gamma, la versione TECH MAX

Per chi desidera il massimo a Iwata hanno pensato alla versione TMAX TECH MAX, un vero e proprio non plus ultra. Parabrezza regolabile a comando elettrico, cruise control, manopole e sella riscaldati, sospensione posteriore regolabile di serie; in più ci sono finiture di maggior pregio come un retroscudo più curato, gli steli della forcella anodizzati in oro e una livrea dedicata. Inoltre c’è anche la connettività My TMAX Connect, ovvero un’app dedicata per gestire la geolocalizzazione dello scooter per una maggior sicurezza, ma anche per visualizzare informazioni di stato del mezzo e report di viaggio.

Posizione di guida e comfort

Yamaha ci ha messo a disposizione la versione TECH MAX, il top soprattutto per quanto riguarda gli accessori, questo permette di innalzare ulteriormente il comfort di guida. Il nuovo disegno della sella agevola ulteriormente i meno alti nel mettere i piedi a terra. Lo spazio per le gambe non manca, ci si può muovere e distendere le gambe con facilità e naturalezza, questo permette a tutti di trovare la posizione di guida più appropriata. La sella e le manopole riscaldabili funzionano ottimamente, si possono regolare su tre livelli, il tutto si può visualizzare sul display centrale TFT. Un valore aggiunto, ma non superfluo, per chi utilizza il TMAX anche nei mesi più freddi.

In sella

Normalmente quando si parla di scooter si pensa principalmente all’aspetto pratico del mezzo. Il nuovo TMAX però è anche altro, pratico sì, naturalmente, ma garantisce anche feeling e sensazioni di guida che normalmente si provano su una moto di media cilindrata. Scatta dai semafori in modo brillante, è diventato più performante in accelerazione rispetto alla versione precedente e anche per quanto riguarda la velocità massima; sui tratti autostradali l’abbiamo raggiunta con disinvoltura, che va ben oltre a quello che permette il codice stradale in Portogallo. Alle alte velocità abbiamo sempre percepito grande sicurezza e stabilità, il TMAX “taglia” l’aria perfettamente, alzare e abbassare il parabrezza in corsa è pratico e comodo (elettrico solo sulla versione TECH MAX). Il setting delle sospensioni è particolarmente equilibrato: un compromesso che permette di guidare con piglio sportivo nel misto, dove il TMAX è a proprio agio, allo stesso tempo risulta comunque confortevole anche in città, perché filtra e assorbe bene buche e sconnessioni varie del fondo stradale, che nelle grandi città come Lisbona non mancano. Gli ingombri del TMAX, pur essendo uno scooter di grossa cilindrata, sono abbastanza contenuti, quanto basta per muoversi in mezzo al traffico caotico con disinvoltura. La maneggevolezza alle basse velocità non è da meno, perché lo scooter di Iwata non risulta mai impacciato, l’erogazione fine e lineare del bicilindrico rende tutto più semplice e intuitivo. Anche l’impianto frenante è potente e rassicurante, il suo comportamento dinamico è molto simile a quello di una moto.
Dopo 230 chilometri i variegati consumi non hanno superato i 5 litri ogni 100 chilometri, un’autonomia che supera i 300 chilometri con un pieno, considerato che la capienza del serbatoio è di 15 litri. Il prezzo di acquisto è simile a quello delle precedenti versioni, e vero non è poco! Ma l’attenzione al più piccolo dettaglio e per le finiture fanno del nuovo TMAX un mezzo decisamente Premium.

Scheda Tecnica

Motore 2 cilindri in linea, 4 valvole DOHC, raffreddato a liquido
Cilindrata 562 cc
Potenza max 48 CV (35 kw) a 6.750giri/min
Coppia max 55,7 Nm a 5.250 giri/min
Sospensione anteriore Forcella telescopica escursione 120 mm
Sospensione posteriore Forcellone oscillante, escursione 117 mm
Freno anteriore Doppio disco da 267 mm, con ABS
Freno posteriore Disco da 282 mm
Peso 218 kg
Altezza sella 800 mm
Prezzo e colori TMAX: 13’490 Chf Icon Grey e Sword Grey
TMAX Tech MAX: 14’990 Chf Tech Kamo e Sword Grey
Disponibilità Dicembre 2019
© Regiopress, All rights reserved