laRegione
donald-trump-re-taumaturgo-piu-forte-del-virus
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

Bellinzona e la Smart City: attenti al vecchio che resta

Il nuovo Quartiere Officine che rivoluzionerà il comparto sotto la stazione e la necessità di aiutare l'immediata periferia a modernizzarsi
Commento
2 gior

Lo slalom tra tamponi e rinvii dell'hockey

Mentre gran parte dello sport dilettantistico si mette in pausa, nel disco su ghiaccio si va avanti. Ma con calendari azzoppati
Il ricordo
2 gior

Beppe sognava un mondo diverso

Il ricordo dell'ex collega Giuseppe 'Beppe' Dunghi, scomparso negli scorsi giorni
Commento
3 gior

Lugano, politici né imbavagliati né 'fuorilegge'

Moltiplicatore d'imposta, Pizzagalli chiede che a risarcire il danno causato alla Città siano i consiglieri comunali promotori della prima riduzione
Commento
4 gior

Ma i consiglieri di Stato non sono semplici funzionari

La riforma pensionistica dei membri del governo è realtà, ma non risolve i dubbi legati alla carica
Commento
4 gior

Di gatti rossi, neri e zampa tesa

Fa una sparata, anche bella pesante, e poi, per trarsi d’impiccio, si fa passare gli altri per deficienti!
Commento
4 gior

Se la pandemia non merita una discussione parlamentare

Rifiutando la proposta dell'Mps ieri il parlamento ha segato il ramo su cui è seduto. Ai cittadini serve più di un quotidiano bollettino numerico
Commento
5 gior

Nomina quinto giudice, Ermani si faccia qualche domanda

Emersi nella vicenda legata ai pp bocciati dal Cdm, i messaggini del presidente del Tribunale penale al pg Pagani sono riecheggiati ieri in Gran Consiglio
Commento
5 gior

Covid, molto, moltissimo dipende da noi!

Molto di quello che sarà – e che pensiamo / temiamo possa succedere nelle prossime settimane – dipende ancora e sempre dai nostri comportamenti quotidiani
L'analisi
6 gior

'Je suis Samuel'

La difesa dello Stato laico non consente oggi compromessi: cinque anni dopo, “Je suis Charlie” rimane un proclama di libertà
L'analisi
07.10.2020 - 06:100
Aggiornamento : 09:04

Donald Trump re taumaturgo più forte del virus

L'esibizione della propria persona conferma la cifra di questa presidenza: messinscena

L'ostensione della propria persona prodotta da Donald Trump al suo ritorno alla Casa Bianca pare riassumere la natura profonda della sua presidenza e dell'uomo: esibizione. Che è poi il tratto della nostra epoca e della nostra parte di mondo, nei quali l'esibizione non necessita più di una “cosa” da mostrare, ma basta a se stessa.

In questo senso l'Ecce Macho messo in scena da Trump richiama sì le smargiassate di Mussolini alla “battaglia del grano”, o i monumenti equestri viventi impersonati da Putin o Kim Jong-un, ma con un sovrappiù di cialtroneria criminale che designa al meglio il personaggio e il sistema che fa perno su di lui.

Cialtroneria perché c'è qualcuno che non la racconta giusta: lui o i medici. O la malattia di un ultrasettantenne sovrappeso, al quale è stato pur brevemente somministrato ossigeno era una finzione; o lo è la sua guarigione, seguita da messaggio rassicurante ai devoti.

Criminale perché pretendere che le cure ricevute siano dello standard a cui hanno avuto accesso i milioni di americani contagiati dal coronavirus è un insulto agli oltre duecentomila che ne sono morti.

Dunque se è vero che l'esibizione del corpo è un numero che fa parte dell'armamentario propagandistico di tutti gli autocrati (o aspiranti tali: il sorridente Berlusconi sedicente sciupafemmine era della stessa risma) nel caso di Trump la dimensione grottesca dello spettacolo può sfuggire solo ai suoi adoratori, o agli adulatori che lo molleranno quando le sue fortune volgeranno in rovesci.

Ed è chiaro che ad essi si è rivolto mostrandosi. Perché l'impellenza della campagna elettorale, visto il ritardo crescente accusato nei confronti dell'avversario democratico Joe Biden, è senz’altro in testa ai suoi pensieri, e non poteva esserci spot migliore di un presidente sfiorato da un rischio mortale e capace tuttavia di sventarlo e risorgere, più sano “di vent'anni fa”, parole sue. Non è un dettaglio, né una scorciatoia argomentativa. Solo un'adesione fideistica (e qualcuno ricorderà i “re taumaturghi” del capolavoro di Marc Bloch) può spiegare il successo di Trump presso un certo elettorato, ed è ad esso che si può spacciare il messaggio miracolistico del presidente rinato. Si pensi alla pletora di chiese evangeliche nel cui bacino ha pescato a piene mani, introdottovi dal bigotto vicepresidente Mike Pence. Mentre per un altro verso, è facile immaginare quale aggiunta di convinzione avranno portato le parole di Trump – non abbiate paura del Covid - ai negazionisti, ai no-mask, a quelli che “tanto a morire sono i negri o i morti di fame”.

Se questo è il calcolo, si vedrà tra non molto quale risultato avrà prodotto. Ma già ora lo si può intendere come la dimostrazione che non solo Trump non può cambiare (ed è la più scontata), ma soprattutto che un partito repubblicano ormai divenuto di estrema destra non ha altre risorse all’infuori di lui per tenersi stretti i consensi di un’America bianca e arrabbiata e che reagisce con l’odio al suo inevitabile declino.

E tuttavia guardiamo ancora quella figura di preteso vigore e determinazione, che si offre agli obiettivi in atteggiamento di sfida. Lui, la sola realtà in un universo ostile di fake news. E non si sa se quello lassù richiama un nuovo John Wayne di cartapesta, surrogato di quello di celluloide; o se ricorda uno dei gerontocrati del politburo di epoca sovietica, esposti per la parata del 7 novembre, sorretti da puntelli e cordicelle. Cosicché il disgusto lascia spazio alla pena.

© Regiopress, All rights reserved